PayPal espande i suoi servizi crypto anche in Lussemburgo
PayPal espande i suoi servizi crypto anche in Lussemburgo
Criptovalute

PayPal espande i suoi servizi crypto anche in Lussemburgo

By Andrea Porcelli - 14 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Dopo il lancio nel mondo crypto negli Stati Uniti e nel Regno Unito, PayPal approda anche in Lussemburgo con i suoi servizi crittografici, allargandosi finalmente anche nell’Unione Europea. 

Nei prossimi giorni espanderà il suo servizio crittografico in Lussemburgo, la notizia è stata annunciata dalla società di pagamenti lo scorso mercoledì. Una notizia davvero importante che segna l’approdo di PayPal in Unione Europea. Il Lussemburgo inoltre, già ospitava da molto la sede PayPal dell’UE, dunque in futuro prossimo potrebbe fungere da gateway per gli altri 26 Paesi membri, precisamente, il giorno in cui entrerà in vigore il nuovo regolamento per le criptovalute (MiCA).

Il nuovo regime normativo, ha lo scopo, di concedere alle imprese registrate in ogni singolo Stato membro la licenza per offrire i loro servizi in tutta l’UE attraverso un processo di registrazione identificativa. Gli scambi crittografici Binance e Coinbase hanno intrapreso questa strada negli ultimi mesi. Più recentemente, Nexo e Gemini si sono registrate in Italia.

PayPal vuole lanciarsi nel mondo crypto in tutta Europa

Da molto, lo scopo di PayPal è quello di allargare il suo spettro geografico, lanciando i suoi servizi legati al mondo di Bitcoin e delle crypto. L’espansione che parte dal Lussemburgo, che vedrà possibili le operazioni di compravendita di criptovalute, è solo il primo passo verso l’allargamento in tutta l’Unione Europea. 

Un passo davvero importante per PayPal, ormai un gigante dei pagamenti digitali, non solo associato alla compravendita di Bitcoin e crypto, ma anche legato al pagamento direttamente presso i commercianti, che utilizzano PayPal come canale.

Secondo le dichiarazione del gruppo PayPal, sono davvero pronti ad allargare le proprie operazioni fuori dagli Stati Uniti e avrebbero scelto come prossimo passo di questa avventura il Lussemburgo, Paese dell’Unione Europea che potrebbe fare da base per l’espansione di suddetti servizi a tutti i clienti europei:

“L’introduzione di questi servizi offre ai clienti lussemburghesi un nuovo modo per esplorare le criptovalute all’interno dell’ambiente di PayPal. Un ambiente che conosco e del quale si fidano e che offrirà loro anche accesso a contenuti istruttivi che li aiuteranno a rispondere alle domande più frequenti e a meglio intendere le opportunità e i rischi associati alle criptovalute.

Quando attivato il servizio, clienti selezionati avranno la possibilità di comprare, vendere e detenere Bitcoin, Ethereum, Litecoin e Bitcoin Cash nei loro account, sia tramite sito, sia tramite App.” 

Non sappiamo ancora con precisione quando sarà espanso all’Europa questo servizio. 

PayPal offre un servizio, almeno negli USA, con commissioni più alte rispetto alla media di mercato e crediamo che il servizio sarà comunque poco allettante per chi è già abituato ad usare exchange crypto classici. Potrebbe però essere un passo in avanti importante per l’adozione: tutti avranno accesso almeno a queste quattro criptovalute attraverso un intermediario che conosco, al quale hanno collegato il loro conto bancario o la loro carta di pagamento e che offrirà anche la possibilità di detenere tali cripto senza costi aggiuntivi. Non piacerà a molti, ma per altrettanti sarà un canale ideale per accedere a questo mondo.

Le dichiarazioni di Elon Musk su PayPal sono molto dure

Da poco gli ex dirigenti di PayPal, compreso Elon Musk hanno criticato il gigante dei pagamenti, ossia la loro vecchia azienda per le sue politiche di debanking, definendo il loro congelamento dei fondi totalitario, mentre Elon Musk lo ha definito “un episodio di Black Mirror”.

Nonostante negli ultimi anni sia diventato favorevole alle criptovalute, il gigante tecnologico si è guadagnato molti titoloni e critiche per le sue pratiche di debanking, che a quanto pare prevedono un processo piuttosto brusco di congelamento dei fondi, multe e trattative difficili per sbloccare i conti degli utenti.

Thiel, ex dirigente e co-fondatore di PayPal, ha osservato:

“Se le forme online del tuo denaro vengono congelate, è come distruggere economicamente una persona, limitando la sua capacità ad esercitare la libertà di espressione politica”.

In risposta all’articolo di The Free Press, Elon Musk, l’attuale CEO di Twitter, SpaceX e Tesla, ha dichiarato che la piattaforma è diventata come un episodio di Black Mirror, una serie televisiva britannica che solitamente presenta diversi futuri distopici in cui le persone sono controllate dalla tecnologia.

 

Crediti di immagine: Paypal and Cryptocurrency, common creative license

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.