Ultime news sulla regolamentazione delle crypto: il disegno di legge Warren che fa discutere su libertà e privacy
Ultime news sulla regolamentazione delle crypto: il disegno di legge Warren che fa discutere su libertà e privacy
Regolamentazione

Ultime news sulla regolamentazione delle crypto: il disegno di legge Warren che fa discutere su libertà e privacy

By Alessia Pannone - 15 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

News importanti, che fanno discutere esperti e appassionati del settore, sulla regolamentazione delle crypto.

Recentemente, infatti, il senatore degli Stati Uniti, Elizabeth Warren, ha presentato il disegno di legge per l’auto custodia dei portafogli crypto. 

Inoltre, il provvedimento proposto mira alla sorveglianza degli utenti e alla repressione degli strumenti per la privacy, come si legge sul profilo Twitter ufficiale di Bitcoin Magazine: 

“Il senatore degli Stati Uniti Warren presenta il disegno di legge per l’auto custodia dei portafogli Bitcoin di KYC, la sorveglianza degli utenti e la repressione degli strumenti per la privacy. 

Un attacco diretto alla libertà e alla privacy.” 

News sulla regolamentazione delle crypto: incostituzionale secondo Coin Center

Come anticipato, i senatori statunitensi Warren e Marshall hanno proposto recentemente il Digital Asset Anti-Money Laundering Act, che prende di mira l’industria delle criptovalute.

Il disegno di legge, infatti, che imporrebbe nuovi requisiti KYC ai partecipanti alla rete crittografica è stato definito “opportunistico” e “incostituzionale” dal gruppo di difesa Coin Center.

Il tutto accade nel mezzo di una settimana già non semplice per il mondo blockchain, in quanto si è impegnati in Udienze al Senato degli Stati Uniti riguardo al crollo di FTX e al recente arresto dell’ex CEO, Sam Bankman-Fried. 

Nello specifico, il disegno di legge presentato dai senatori Elizabeth Warren e Roger Marshall, si pone contro il riciclaggio di denaro digitale. Inoltre, prende conseguentemente di mira l’industria delle criptovalute con una serie di proposte di regolamento che i critici definiscono autoritarie e incostituzionali.

Il disegno di legge proposto, infatti, mira a imporre requisiti di conoscenza del cliente (KYC) ai fornitori di infrastrutture blockchain e ai partecipanti che operano negli Stati Uniti, inclusi gli sviluppatori che creano software per reti decentralizzate e persino i minatori e i validatori che supportano tali reti.

Il disegno di legge di Warren e Marshall indirizzerebbe il Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) a trattare le criptovalute portafoglio fornitori di servizi, come minatori e validatori e altri utenti della rete come “aziende di servizi monetari”, secondo la dichiarazione di Warren. Quindi, richiedono KYC per i partecipanti insieme a un requisito per i programmi antiriciclaggio (AML).

Il disegno di legge avrebbe anche un impatto sui portafogli crittografici non ospitati o con custodia autonoma, richiedendo alle piattaforme e alle reti di identificare tali clienti e tracciare le loro transazioni. 

FinCEN aveva già proposto tale norma nel dicembre 2020, sulla quale molte aziende e sostenitori del settore delle criptovalute si erano espressi contro. Infatti, deve ancora essere implementato, anche se il disegno di legge cerca di finalizzare proprio tale processo.

Inoltre, il disegno di legge vieta a qualsiasi istituto finanziario di utilizzare un servizio di digital asset mixer o altre tecnologie che migliorano la privacy. I mixer vengono generalmente utilizzati per nascondere le transazioni di criptovaluta tra i portafogli. Il più conosciuto tra questi è quello di Ethereum, Tornado Cash, che era vietato dal Tesoro degli Stati Uniti tramite sanzioni ad agosto.

Valkenburgh in merito alla news del disegno di legge: non impedisce crolli simili a FTX 

In una recente dichiarazione a seguito della nuova proposta di legge sulla regolamentazione delle crypto, la senatrice Elizabeth Warren ha detto: 

“L’industria delle criptovalute dovrebbe seguire regole di buon senso come banche, broker e Western Union, e questa legislazione garantirebbe l’applicazione degli stessi standard a transazioni finanziarie simili. Il disegno di legge Bipartisan aiuterà a colmare le lacune del riciclaggio di denaro crittografico e rafforzerà l’applicazione per salvaguardare meglio la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.” 

Tuttavia, il disegno di legge non ha fatto in tempo ad essere annunciato che ha già attirato un attento esame da parte dell’industria delle criptovalute. Infatti, in un post su Twitter, il gruppo di difesa delle criptovalute Coin Center, ha denunciato il disegno di legge definendolo come un attacco opportunistico e incostituzionale all’auto custodia delle criptovalute, agli sviluppatori e agli operatori dei nodi. 

Sul profilo Twitter ufficiale di Peter Van Valkenburgh, direttore della ricerca del Coin Center, si legge: 

“Il disegno di legge proposto dai senatori Warren e Marshall che sottopone gli sviluppatori e i nodi software all’AML è un ripudio dei valori liberali e un passaggio verso i tipi di sorveglianza e controllo apprezzati da autoritari come Vladimir Putin, Xi Jinping e Kim Jong-un.” 

Il disegno di legge è stato introdotto, come anticipato, in seguito al crollo di novembre dell’exchange di criptovalute FTX. Recentemente, SBF è stata arrestato ed è accusato dalla Securities and Exchange Commission (SEC) e dalla Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti, nonché dalla Complex Frauds and Cybercrime Unit presso l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti del distretto meridionale di New York. 

Ad ogni modo, Coin Center sostiene che il disegno di legge non impedirebbe un altro crollo simile a FTX in futuro. Van Valkenburgh ha infatti scritto in merito: 

“Questo disegno di legge si concentra esclusivamente sulla sorveglianza finanziaria e non affronta nessuna delle questioni di controllo aziendale che hanno portato al crollo di FTX.”

KYC anche in Europa e nel Regno Unito 

Il disegno di legge proposto di recente a sfavore del mondo crypto, è in qualche modo simile alle legge sulle infrastrutture dello scorso anno. La quale, ha modificato la definizione di “broker” dell’Internal Revenue Service per includere le società che commerciano criptovalute, costringendo gli exchange a segnalare le transazioni al governo. 

Inoltre, questo tipo di leggi per il mondo blockchain sono temute anche perché potenzialmente hanno un impatto sui partecipanti alla rete come validatori e minatori, oltre a fornitori di portafogli crittografici e altro ancora.

Infatti, la regolamentazione incentrata sui portafogli non ospitati ha preso piede anche in Europa quest’anno, con l’Unione Europea che ha votato per imporre KYC su tali portafogli a marzo. E, il Regno Unito che ha preso in considerazione una legislazione simile quest’estate, demolendo alla fine i suoi piani. 

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.