Dogecoin sorpassa Coinbase
Dogecoin sorpassa Coinbase
Criptovalute

Dogecoin sorpassa Coinbase

By George Michael Belardinelli - 20 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Dogecoin, la criptovaluta peer to peer tanto a cuore ad Elon Musk compie nove anni e per regalo è arrivato anche il sorpasso per capitalizzazione di mercato rispetto alla più blasonata Coinbase.

Oggi la criptovaluta P2P Dogecoin con cui abbiamo empatizzato grazie alla mascotte Shiba, il cagnolino-moneta è una criptovaluta quasi matura e il 6 dicembre scorso ha compiuto nove anni dalla sua creazione. 

La crypto è stata sempre molto simpatica ad Elon Musk, CEO di Tesla e cryptolover di vecchio corso al punto da farne la propria crypto “personale”. 

Più volte spinta strenuamente dalla propria community su Reddit e su Twitter la meme-coin ha dato vita a un balzo in avanti proprio a seguito della notizia di novembre che ha visto Musk comprare Twitter e la successiva affermazione circa la volontà di dare a Dogecoin il ruolo di valuta digitale ufficiale del social.

I balzi in avanti a cui ci ha abituato la coin sono spesso stati frutto di pump speculativi ma ultimamente sono sorretti da notizie concrete che danno valore alla crypto. 

Per i nove anni, la valuta digitale del cagnolino meme, si è regalata una notizia che mai nessuno si sarebbe aspettato possibile solo qualche anno fa. 

Dogecoin vola sopra a Coinbase

Dogecoin ha superato per capitalizzazione di mercato un colosso come Coinbase e questo ha del sensazionale. 

La notizia è stata riportata tra gli altri da Watcher.guru sul suo profilo che ha twittato:

“Ultimissima: #Dogecoin ora ha una capitalizzazione di mercato maggiore rispetto a Coinbase $COIN”. 

Nonostante il clamoroso risultato la valuta sul mercato perde qualcosa e si attesta intorno quota 0,072 dollari. 

La criptovaluta è ovviamente molto in voga negli Stati Uniti d’America ma trova un nocciolo importante di sostenitori ed investitori anche in Europa soprattutto in Germania, Francia, Paesi Bassi e Turchia. 

Nonostante dopo la giornata di sabato molte delle posizioni long siano state oramai liquidate per milioni di euro e nonostante un Open Interest in calo la valuta digitale macina sempre interesse al punto di raggiungere e superare Coinbase per capitalizzazione. 

La notizia è presto rimbalzata sui social e tra gli addetti ai lavori e segna un altro duro colpo agli exchange così sotto pressione in questo periodo. 

Tra i contagi da FTX, la fuga per la fear of reserve e la fuga anche da parte degli auditor nei confronti delle piattaforme di scambio, sempre più utenti sono scettici e prudenti sugli exchange al punto che una singola criptovalute può superare una realtà quotata in borsa come l’americana Coinbase. 

A onor del vero la notizia in sé non è prova di qualità al punto che sotto il profilo Twitter di Watcher.guru che ha rivelato la notizia si sono scatenati molti commenti critici al riguardo. 

I commenti dei “perplessi” della notizia riguardano per lo più la tendenza del mondo crypto a “cantarsela da soli” come riporta un detto di popolare saggezza. 

Emblematica è la risposta data dall’utente What The Crypto che ha risposto quanto segue:

“Le criptovalute sono fatte di numeri! 

Chiedi a SBF perché mentre prendeva la criptovaluta dalla gente, gli account mostravano ancora che ce l’avevano! 

Quindi stava inventando numeri di criptovalute dal nulla, ma l’intero mercato delle criptovalute veniva manipolato in base ai suoi numeri!“

Il commento da adito ad una facile riflessione ma a favore di Dogecoin gioca il fatto che sia questa volta che nel caso di FTX i numeri sono reali solo che Sam Bankman-Fried è stato maestro del gioco delle tre carte al punto da nascondere anche agli auditor quanto stesse facendo dietro le quinte mandando in rovina milioni di investitori, due società enormi e finendo lui stesso dietro le sbarre. 

Coinbase ha una capitalizzazione di mercato di 7,98 miliardi di dollari totali ma quella di Dogecoin è addirittura di 50 miliardi di dollari (più di cinque volte tanto).

La criptovaluta del cagnolino meme è entrata a far parte anche della speciale classifica top 10 delle crypto a maggiore capitalizzazione al fianco di mostri sacri come Bitcoin ed Ethereum. 

La posizione raggiunta da Dogecoin è l’ottava sopra a Cardano e Polygon ma appena sotto XRP. 

Dai 50 miliardi di dollari di Dogecoin ai 322 miliardi di dollari di Bitcoin la strada è ancora lunga ma il buon Elon è la community agguerrita della coin faranno del loro meglio per scalare la classifica aiutati anche dal social Twitter che l’ha recentemente incoronata come valuta ufficiale per gli scambi sul social del canarino. 

Un’altra punto di vista interessante, sempre su Twitter è stato dato dall’account PaganDragon che ha evidenziato il ruolo giocato dalle balene su Dogecoin. 

“Doge non ha neanche lontanamente una capitalizzazione di mercato di 10 miliardi se le balene mai provassero effettivamente a vendere” .

Le cosiddette Balene nel mondo crypto sono investitori apicali che muovono enormi somme ed hanno le mani in pasta nelle principali crypto, fondi, ecc, per il ruolo che ricoprono possono rapidamente condizionare il mercato se si coordinano in una “move” al punto da cambiare persino una classifica di market cap e il commento di PaganDrahon ha evidenziato proprio questo aspetto ovvero la fragilità della classifica sulla capitalizzazione di mercato. 

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.