Bitcoin, Ethereum: analisi dei prezzi e previsioni
Bitcoin, Ethereum: analisi dei prezzi e previsioni
Trading

Bitcoin, Ethereum: analisi dei prezzi e previsioni

By Federico Izzi - 23 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Dopo una crisi alla ripartenza della settimana con i prezzi del Bitcoin e delle principali altcoin tornati a testare i minimi di fine novembre, il mercato ha reagito recuperando le quotazioni della scorsa settimana.

Andamento che ha confermato la previsione scritta lunedì e spiegata durante l’ultima diretta video di CryptoFocus di lunedì.

Infatti i due sottocicli terminati tra lunedì e ieri, giovedì 22 dicembre, segnano minimi e massimi superiori, aprendo lo spazio per un ulteriore allungo nei prossimi giorni.

Se così, nonostante le nubi ancora minacciose, nel breve periodo si aprono sprazzi di sole sui grafici e la possibilità di tornare a valutare i livelli di resistenza individuati prima del recenti ribassi dell’ultimo fine settimana.

Il prossimo fine settimana coincide con la Santa Natività, periodo solitamente caratterizzato da scambi sottili.

È necessario mantenere i livelli di queste ore per tornare a rivedere una chiusura settimanale positiva necessaria per aumentare la fiducia attualmente rimasta invariata dai livelli di lunedì. Segno che gli operatori hanno iniziato a reagire anche emotivamente alle delusioni degli ultimi due mesi.

Prezzo e previsioni Bitcoin

Necessario recuperare e mantenere i 17k USD, livello sfiorato poche ore dopo aver affondato sotto i 16.300 USD per la prima volta dalla fine di novembre.

Una immersione durata poche ore, probabilmente dovuta ad un test dei supporti accompagnata dalla speculazione ribassista di breve periodo.

La prossima settimana sarà decisiva per provare a limitare i danni non solo numericamente ma anche per la statistica.

Prezzi e previsioni per Ethereum

La struttura tecnica di breve termine di Ethereum è simile a quella del Bitcoin con la differenza delle quotazioni.

Per ETH è necessario superare entro la prossima settimana i 1.300 USD per dare un segnale di reazione sia di breve che di medio periodo.

Negativo un inciampo sotto i 1.100 USD per non provocare anche una defaillance anche emotiva ed il rischio di sollecitare la speculazione ribassista che potrebbe approfittarsi di periodi di bassi volumi, come quello attuale.

Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.