HomeCriptovaluteThe Graph: la crescita delle metriche chiave dell’ecosistema e la situazione della...

The Graph: la crescita delle metriche chiave dell’ecosistema e la situazione della crypto GRT

News positive per The Graph: il protocollo che ha registrato una crescita significativa dell’ecosistema nel quarto trimestre del 2022 e anche per la crypto GRT. Il suo prezzo attuale potrebbe essere dovuto a un’inversione con una divergenza ribassista individuata sul grafico giornaliero.

The Graph e la sua crypto GRT in crescita: tutti i dettagli 

Secondo un recente rapporto di Messari intitolato “State of The Graph Q4 2022 “, il protocollo di indicizzazione open source e decentralizzato per i dati blockchain The Graph ha registrato una crescita delle metriche chiave dell’ecosistema durante il quarto trimestre del 2022.

The Graph è un protocollo decentralizzato open source per la raccolta, l’elaborazione e l’archiviazione dei dati dalle applicazioni blockchain per un facile recupero delle informazioni.

Distribuito sulla blockchain di Ethereum, aiuta gli sviluppatori ad aumentare l’efficienza delle loro applicazioni decentralizzate (dApp) utilizzando dati pertinenti. 

Inoltre, The Graph analizza e memorizza i dati blockchain in indici chiamati sottografi, consentendo risposte rapide alle query inviate al suo protocollo. In una valutazione della sua performance nel quarto trimestre del 2022, Messari ha scoperto che, dal lancio del primo sottografo sulla mainnet di The Graph nel primo trimestre del 2021, il conteggio è aumentato costantemente. 

A dicembre 2022, infatti, c’erano 618 sottografi attivi sulla rete principale, un aumento del 25% rispetto al trimestre precedente e un aumento del 151% rispetto all’anno precedente. Secondo Messari, la crescita dei sottografi attivi sul protocollo dovrebbe continuare nei prossimi trimestri.

L’ecosistema di The Graph comprende indicizzatori, curatori e delegati. Gli indicizzatori gestiscono i nodi del grafico per elaborare e archiviare i dati sulla catena. I curatori del protocollo segnalano agli indicizzatori quali sottografi vale la pena indicizzare, mentre i delegati sono partecipanti all’ecosistema che potrebbero non disporre del know-how tecnico o delle risorse per indicizzare e sono autorizzati a delegare GRT agli indicizzatori.

La rete principale di Graph funziona attraverso un sistema a pagamento, in cui i consumatori di dati pagano una tariffa per query agli indicizzatori. Le commissioni di richiesta sono ulteriormente distribuite ai delegati e ai curatori.

I curatori sono incentivati ​​a segnalare sottografi di qualità e guadagnare una quota delle commissioni di query. Secondo il rapporto, a dicembre 2022, i curatori segnalavano oltre 26 milioni di tsl verso sottografi attivi.

Inoltre, nel quarto trimestre del 2022, il numero di questi vari partecipanti è aumentato. Secondo Messari, il numero di indicizzatori sulla rete è aumentato del 33%, mentre il conteggio dei curatori è aumentato del 2%. Per quanto riguarda i delegati su The Graph, sono aumentati del 9% nel trimestre in esame.

Il prezzo della crypto GRT in aumento: certezze e dubbi per The Graph

Su base annuale, il prezzo di GRT è cresciuto del 64%, secondo i dati di CoinMarketCap. Al momento della segnalazione, i principali indicatori sul grafico giornaliero hanno mostrato che l’asset stava continuando la sua tendenza al rialzo.

Il suo Relative Strength Index (RSI) e il Money Flow Index (MFI) erano posizionati lontano dalle zone neutre a 67,62 e 77,59, rispettivamente. 

Allo stesso modo, il volume in saldo dell’alt era diretto a nord a 9,073 miliardi. Tuttavia, una valutazione del Chaikin Money Flow (CMF) di GRT ha rivelato che il trend rialzista potrebbe non essere così forte come sembrava. Infatti, era posizionato verso il basso appoggiato sulla linea centrale allo zero. 

Quando il prezzo di un asset e gli indicatori di momentum chiave aumentano mentre il suo CMF diminuisce, ciò potrebbe indicare che il prezzo dell’asset sta aumentando a causa della pressione di acquisto.

Ad ogni modo, la tendenza al rialzo potrebbe non essere così forte come sembra e in genere segnala una potenziale inversione di tendenza o un periodo di consolidamento.

Algorand e The Graph: analogie, differenze e obiettivi in comune

Algorand e The Graph sembrano molto simili a prima vista, ma i loro casi d’uso sono leggermente diversi. Le due piattaforme hanno però un obiettivo comune: diventare il Google della blockchain.

Algorand è una blockchain scalabile, sicura e veloce. Si basa su un meccanismo di consenso unico chiamato Pure Proof of Stake (PPoS), che gli consente di eseguire transazioni in modo sicuro e rapido. 

L’obiettivo principale di Algorand è creare una piattaforma blockchain in grado di gestire grandi volumi di transazioni senza sacrificare la sicurezza o la velocità. The Graph, d’altra parte, come abbiamo detto è un protocollo di indicizzazione dei dati blockchain decentralizzato. 

Inoltre, come anticipato, consente agli sviluppatori di creare facilmente applicazioni decentralizzate (dApp) fornendo loro strumenti di ricerca dei dati. L’obiettivo principale di The Graph è semplificare la gestione dei dati blockchain per gli sviluppatori.

Algorand utilizza contratti intelligenti, un sistema di governance unico e un algoritmo di consenso che consente transazioni rapide e sicure. Allo stesso modo, Algorand è più veloce e molto più economico di Ethereum.
La commissione media di transazione su Algorand si aggira intorno allo 0,001 ALGO ed è determinata esclusivamente dal volume della transazione. D’altra parte, The Graph segue un approccio unico all’indicizzazione e alla ricerca di informazioni sulla blockchain, che consente agli sviluppatori di gestire meglio i propri dati. 

Algorand deve ancora essere ampiamente adottato dagli attori del settore delle criptovalute e deve ancora essere provato. Resta da vedere se la rete sarà in grado di gestire grandi volumi di transazioni in un ambiente decentralizzato al 100%. Allo stesso modo, The Graph è un progetto relativamente nuovo e non è chiaro se sarà in grado di gestire grandi quantità di dati.

Quale dei due può diventare il Google della blockchain?

Alla luce di ciò che sappiamo finora, è difficile dire chi tra Algorand e The Graph diventa il “Google della blockchain”, perché non sappiamo ancora se queste piattaforme manterranno le loro promesse.

Detto questo, l’esclusivo algoritmo di consenso di Algorand, la piattaforma di contratto intelligente integrata e il sistema di governance lo rendono un forte contendente per The Graph.

Allo stesso modo, l’approccio unico e gli strumenti offerti da The Graph lo rendono un forte alleato per gli sviluppatori di blockchain. Infatti, sebbene svolga le stesse funzioni di Google, non ha ancora i mezzi per sostituirlo, almeno non per il momento. 

In effetti, entrambi i progetti hanno il potenziale per trasformare l’industria blockchain, ma quale dei due vincerà la gara? Solo il tempo lo dirà. Detto questo, è anche probabile che le due piattaforme abbandonino la competizione e uniscano i loro sforzi per detronizzare Google.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS