HomeBlockchainSicurezzaCrypto crime Chainalysis: il rapporto della società di analisi blockchain sui mercati...

Crypto crime Chainalysis: il rapporto della società di analisi blockchain sui mercati Darknet e non solo

La società di analisi blockchain Chainalysis ha stilato un nuovo rapporto in merito al crypto crime, il crimine crittografico, con particolare focus sui mercati Darknet e i negozi di frodi che hanno combattuto per gli utenti sulla scia del crollo di Hydra. 

Nello specifico, emerge che il 2022 ha visto un calo delle entrate rispetto all’anno precedente per i mercati Darknet e i negozi di frodi. Infatti, le entrate totali del mercato darknet per il 2022 si sono concluse a $1,5 miliardi, in calo rispetto ai $3,1 miliardi del 2021.

Non solo, quattro dei primi cinque mercati Darknet con i guadagni più alti nel 2022 erano mercati Darknet convenzionali incentrati sulla droga, mentre solo uno, Brian Dumps, era un negozio di frodi.

Crypto crime secondo Chainalysis: Hydra chiude e i Darknet calano 

Hydra Market ha aperto ancora una volta la strada, con il mercato Darknet dai guadagni più alti nel 2022, anche se è stato sanzionato dall’OFAC e chiuso in un’operazione congiunta USA-Germania ad aprile. 

Nessun altro mercato ha battuto il vantaggio in termini di entrate accumulato in quei quattro mesi. Tutti hanno guadagnato la loro quota di mercato iniziale sulla scia del crollo di Hydra, con dati on-chain che suggeriscono che questi mercati hanno compiuto sforzi concertati per attrarre ex utenti e fornitori di Hydra.

La chiusura di Hydra ha provocato un calo a livello di settore dei ricavi del mercato Darknet, con entrate medie giornaliere per tutti i mercati che sono scese da $4,2 milioni appena prima della sua chiusura e $447.000 immediatamente dopo. 

Sebbene le entrate collettive dei mercati della droga non si siano riprese completamente, sono tornate lentamente ai livelli precedenti nella seconda metà del 2022. I negozi di frodi, tuttavia, hanno continuato a diminuire.

I negozi di frode sono un segmento unico dei mercati Darknet che vendono dati rubati come informazioni su carte di credito compromesse e altre forme di informazioni di identificazione personale (PII) che possono essere utilizzate per attività fraudolente. 

Questo calo è stato in parte innescato dalla chiusura di importanti negozi di frodi come Bypass Shop, che è stato chiuso a marzo. Anche Brian Dumps, il più grande negozio di frodi in assoluto dell’anno, sembra aver subito un’interruzione, poiché le sue entrate sono scese quasi a zero in ottobre, anche se non è chiaro esattamente il motivo. 

Mentre i mercati Darknet si sono ampiamente ripresi dopo la chiusura di Hydra e i negozi di frodi no, i negozi di venditori singoli hanno mostrato un andamento diverso. I negozi di venditori singoli sono negozi indipendenti creati da singoli venditori di farmaci che, in genere, raccolgono un’ampia base di clienti su un mercato Darknet tradizionale più ampio. 

La creazione di un negozio a singolo fornitore consente agli stessi di risparmiare sulle commissioni che normalmente andrebbero agli amministratori di un tradizionale mercato Darknet.

Per tutto il 2022, abbiamo osservato una relazione negativa tra i fondi inviati ai normali mercati Darknet e quelli inviati ai negozi di venditori singoli. Ad esempio, assistiamo a un aumento delle entrate del negozio di un singolo fornitore a partire da marzo, più o meno nello stesso periodo in cui le entrate del mercato Darknet tradizionale hanno iniziato a diminuire. 

Allo stesso modo, le entrate dei negozi di venditori singoli sono diminuite in concomitanza con la ripresa dei tradizionali mercati Darknet da giugno fino alla fine dell’anno.

Dopo Hydra, la battaglia per il dominio del mercato 

Prima che le forze dell’ordine chiudessero Hydra, era il più grande mercato Darknet del mondo. Prima della sua scomparsa, Hydra Marketplace ha catturato il 93,3% di tutto il valore economico ricevuto nell’ecosistema del mercato Darknet del 2022. 

Il mercato Darknet con sede in Russia ha consentito la vendita di droga e offerto servizi di riciclaggio di denaro ai criminali informatici. Sulla scia del crollo di Hydra, diversi mercati hanno guadagnato entrate, ma tre in particolare hanno dominato: Blacksprut, OMG!OMG! mercato e mercato Mega Darknet. 

È interessante notare che ciascuno dei tre ha guidato il mercato in momenti diversi, sebbene il periodo di dominio di OMG subito dopo il crollo di Hydra sia stato il più forte che uno dei tre abbia mai avuto.

Per la maggior parte di aprile e maggio, OMG ha conquistato ben oltre il 50% della quota di mercato totale, raggiungendo un picco del 65,2% il 23 aprile. Inoltre, ha operato praticamente incontrastata dalla concorrenza, indicando il suo potenziale come successore di Hydra. 

A giugno, OMG ha subito un attacco DDoS (Distributed Denial of Service), che probabilmente ha causato la migrazione di fornitori e clienti a Mega Darknet Market e Blacksprut Market in quel periodo. 

Allo stesso modo, Blacksprut è stato violato alla fine di novembre, il che coincide con il suo calo rispetto alla sua quota di entrate massima del 68,5% poche settimane prima. Data la natura illecita dei mercati Darknet, non sorprende che fornitori e utenti cerchino di lasciare un mercato che ha subito una violazione dei dati.

Chainalysis: il crypto crime continua dopo Hydra, vediamo come 

Se scaviamo più a fondo nel modo in cui i tre principali mercati successori di Hydra si sono battuti per la posizione dopo la chiusura di Hydra, scopriamo che catturare i clienti specifici che in precedenza si affidavano a Hydra è stato fondamentale per la battaglia. 

Possiamo indagare su questo utilizzando i dati on-chain per vedere dove sono migrati gli ex utenti Hydra dopo la chiusura del mercato. Per questa analisi, divideremo il resto del 2022 dopo la chiusura dell’Hydra del 5 aprile in due periodi di tempo. 

Nello specifico, uno è la dominanza di OMG: il periodo di 50 giorni immediatamente successivo alla chiusura di Hydra, quando OMG ha conquistato quasi il 100% della quota di mercato del Darknet.

Poi, il dominio post-OMG: il resto del 2022, quando OMG è diventato uno dei tre mercati importanti insieme a Blacksprut e Mega. Come la stragrande maggioranza di tutti gli utenti del mercato Darknet, le ex controparti di Hydra in tutte le categorie, sia acquirenti di droga al dettaglio che consumatori criminali, hanno effettuato transazioni quasi esclusivamente con OMG durante il periodo di dominio di OMG. 

Nel periodo di predominio post-OMG, OMG ha mantenuto un certo numero di quelle ex controparti di Hydra, ma ha perso una quota significativa della loro attività illecita a favore degli altri due mercati in tutte le categorie. 

Due conclusioni principali si possono trarre da ciò. In primo luogo, i segnali indicano che questi tre mercati hanno lanciato servizi di riciclaggio di criptovalute simili a quelli offerti da Hydra, il che spiegherebbe perché così tanti utenti criminali di Hydra sono migrati in quei mercati. 

Il secondo aspetto è quanto OMG fosse dominante tra le controparti di Hydra subito dopo la chiusura di Hydra. Ciò è particolarmente interessante date le connessioni tra OMG e Hydra. 

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS