HomeNews dal Mondo2023 CMC Crypto Playbook: Il quadro macro globale 2023 a cura di...

2023 CMC Crypto Playbook: Il quadro macro globale 2023 a cura di QCP Capital

3 temi per il 2023

  1. Dal picco al fondo dell’inflazione
  2. Wave 5 in tutti i mercati
  3. Paralleli con Dot.com

Dal picco al fondo dell’inflazione

La domanda su dove si trovi il “picco dell’inflazione” nel 2022 si sposterà su dove si trovi il ” fondo dell’inflazione” nel 2023.

Il 9,1% a/a dell’IPC nel luglio 2022 sembra ora molto probabile come picco dell’inflazione di questo ciclo.

Tuttavia, un’analogia con la stagflazione degli anni ’70 mostra che, sebbene il calo dell’inflazione sia imminente, è probabile che non raggiunga l’obiettivo del 2% fissato dalla Fed. E, cosa ancora più preoccupante, c’è anche il rischio significativo di un rimbalzo a V se la Fed allenta prematuramente le proprie misure.

Fonte: Steno Research, Macrobond

Cosa potrebbe spingere questa traiettoria dell’inflazione più rigida e possibilmente a V?

  1. Una ripresa dei prezzi del petrolio dovuta alla riapertura delle frontiere da parte della Cina, un’escalation in Ucraina e il rifornimento delle riserve SPR da parte degli Stati Uniti a causa delle tensioni geopolitiche.
  2. Il ritorno dei prezzi del petrolio sopra i 100 dollari provocherebbe una significativa e del tutto inaspettata ripresa dell’inflazione.

Ricordiamo che fu l’embargo petrolifero dell’OPEC nell’ottobre 1973 a quadruplicare i prezzi del petrolio, portando al rimbalzo a V degli anni 1970-80, proprio quando la Fed di Arthur Burns pensava di aver sconfitto l’inflazione.

Fonte: Bloomberg, QCP Insights

Un’impennata dei prezzi del petrolio invertirà la deflazione dei beni a cui stiamo assistendo. La deflazione dei beni è l’unica ragione per cui stiamo assistendo a una disinflazione generale dell’IPC.

L’inflazione dei servizi continuerà a rimanere forte, dato che la stretta relazione tra salari e prezzi dei servizi continua. E con i salari in molti settori ancora in crescita, il peggio del passaggio dell’inflazione non è ancora arrivato per molti settori dei servizi!

Fonte: BLS, BEA, TD Securities

Il timore di una doppia inflazione, come quella degli anni 1970-80, è profondamente radicato nella psiche del FOMC.

Questo li porterà ad accettare una recessione piuttosto che rischiare un rimbalzo dell’inflazione, anche se il picco inflazionistico è nuovamente dovuto a shock dal lato dell’offerta.

In termini di probabilità di recessione, siamo ora al di sopra dei massimi del 2020 di Covid e ci avviciniamo rapidamente ai livelli del 2008 GFC e del 2001 Dot.com.

Fonte: Bloomberg, Fed di New York

Wave 5 in tutti i mercati

Una traiettoria dell’inflazione più rigida e una Fed ottusa ci prepareranno l’anno prossimo per il sell-off finale della Wave 5 (Onda 5) su tutti i principali asset class.

Riteniamo che i mercati siano ancora impreparati ad affrontare una rottura al ribasso dei livelli estremi di quest’anno.

Di seguito mostriamo 5 asset di rischio altamente correlati che sembrano pronti a iniziare le rispettive estensioni impulsive della Wave 5 verso l’alto/il basso:

NASDAQ – Wave 5 Lower

Per quanto riguarda il NASDAQ, non siamo ancora in grado di rompere al di sopra della linea di tendenza che ha tenuto durante il declino dal dicembre 2021.

12.000 è un livello chiave per il lato superiore che deve essere rotto per ridurre le pressioni ribassiste nel breve termine.

Una rottura inaspettata al di sopra di 13.000 sarà il perno per cambiare la nostra tesi.

Al ribasso, è probabile che Wave 5 ci porti sotto 10.000, con il rischio di un retest dei minimi di Covid a 7.000.

Il 78,6% di Fibonacci di ultima istanza è un obiettivo ragionevole per la fine di questo mercato orso a 8800.

Rendimento decennale USA – Wave 5 Higher

I rendimenti decennali hanno mantenuto la loro trendline parabolica, sostenendo il rally dei rendimenti dallo 0,5% dell’agosto 2020 fino al massimo del 4,3% dell’ottobre di quest’anno.

È il ritracciamento dei rendimenti dal top di ottobre che ha guidato questo rally del rischio cross-asset.

Un rialzo dei rendimenti decennali, unito a un appiattimento della curva dei 2s10, sarebbe ribassista per gli asset di rischio e rialzista per il dollaro USA, in quanto implicherebbe che il mercato si sta avvicinando alla previsione di tassi terminali falsi della Fed, pari al 5,5% per il prossimo anno.

Dollaro USA (DXY) – Wave 5 Higher

L’indice del dollaro USA ha subito un significativo ritracciamento, scendendo del 10% in sole 6 settimane.

Questo brusco ritracciamento ha le caratteristiche di un’onda di Elliott da manuale che alterna Wave 2 e 4 – con la Wave 2 del 2020 che è di lunga durata, mentre questa Wave 4 è breve ma netta.

Ci aspettiamo quindi una Wave 5 di ampiezza simile a quella della Wave 1. Si tratterebbe di un rally del 16% circa che ci porterebbe a 120 sul DXY.

ETH – Wave 5 Lower

Anche Ethereum (ETH) ha eseguito una correzione della Wave 4 a triangolo ABCDE da manuale, e sembra pronto a continuare il suo mercato ribassista nella Wave 5.

I livelli da tenere d’occhio sono 1600 sul lato superiore, che annullerebbe l’immediata pressione ribassista. Una chiusura al di sopra di 2000 su base settimanale ci costringerà a riconsiderare la nostra tesi ribassista.

Al ribasso, 1000 seguito da 800 sono fondamentali.

Raccomandiamo di vendere le call 1600 a scadenza ravvicinata e le call 2000 a scadenza più lunga, nonché le put 1000 a scadenza ravvicinata con regolamento fisico e le put 800 a scadenza più lunga.

BTC – Wave 5 Lower

BTC è in linea con ETH, anche se la sua stessa Wave 4 – un cuneo discendente – implica una pressione ribassista maggiore rispetto a quella di ETH.

Continuiamo a prevedere che qualsiasi grande rally di BTC incontrerà una significativa pressione di vendita.

Il modo in cui faremo trading su BTC è vendere call da 20.000 e rally in spot.

Un’interessante relazione tra ARKK (linea blu) e BTC (linea arancione) implica un ulteriore ribasso per BTC.

L’azione dei prezzi di ARKK è superiore a quella di BTC di 2 mesi, il che fa presagire un futuro ribasso dei prezzi di BTC.

ARKK è stato l’asset emblematico dell’era della bolla tecnologica post-pandemia e ha guidato il crollo del settore tecnologico anche durante la discesa.

E ha già intrapreso la propria Wave 5 al ribasso, che l’ha portata sotto i minimi di marzo 2020!

Paralleli con Dot.com

Dopo lo scoppio della bolla Dot.com nel 2001, sono state scoperte frodi in molte aziende tecnologiche, tra cui colossi come Enron e WorldCom, che ancora oggi sono tra i 10 maggiori fallimenti della storia degli Stati Uniti.

Durante i periodi di boom, molte di queste frodi passano inosservate, poiché gli investitori sono disposti a pagare valutazioni elevate quando il denaro è a buon mercato. Tuttavia, quando la liquidità si ritira e la marea si abbassa, molti di questi bilanci vengono a galla.

Ciò che ha permesso ai cattivi attori di operare nel grigio è stata la mancanza di una regolamentazione definitiva. E se da un lato l’ondata di riforme normative post-Enron ha soffocato la rapida crescita delle imprese, dall’altro ha gettato solide basi per la stabilità dei rendimenti negli anni a venire.

Fonte: notizie UNSW

La nostra analoga DeFi sta ancora seguendo perfettamente l’era Dot.com. Questo dimostra la crescita esponenziale che ci aspetta una volta che la regolamentazione avrà disegnato una sandbox in cui tutti i costruttori, gli investitori e gli operatori di mercato potranno operare in modo equo e corretto.

Fonte: QCP Insights, Bloomberg, DefiLlama

In sintesi

  • Anche se abbiamo superato il picco dell’inflazione, ci aspettiamo che l’inflazione rimanga più stabile di quanto previsto da molti, e soprattutto che si mantenga significativamente al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed. Ciò implica che la Fed aumenterà i tassi altre 4-5 volte fino a raggiungere la previsione del 5,5% e li manterrà fino al quarto trimestre del 2023.
  • La crescita mondiale non sarà in grado di resistere a questi tassi estremi e questa generazione vedrà per la prima volta nel mondo sviluppato un contesto di stagflazione, anche se la recessione si rivelerà lieve rispetto a quella degli anni Settanta.
  • Ciò significa che la nostra ipotesi di trading dello scorso anno è ormai imminente: un’ultima “Wave 5” di sell-off dopo la recente “Wave 4” di recupero del quarto trimestre. L’imminente Wave 5 sarà lunga e dolorosa per tutti gli asset class e durerà probabilmente fino al terzo trimestre del 2023, rompendo nuovi minimi nel corso del processo.
  • Infine, l’immediato periodo successivo al crollo delle Dot.com ha anche rivelato molteplici casi di frode come Enron e WorldCom, che rimangono ancora oggi tra i più grandi fallimenti. Allo stesso modo, nel crollo delle criptovalute del 2022 stiamo assistendo all’emergere di casi simili.
  • Il parallelo con il 2001 implica che le prossime normative volte ad affrontare queste gravi negligenze elimineranno i potenziali cattivi attori, stabilendo gli standard per il settore per riconquistare la fiducia e prevenire il ripetersi di tali casi per molto tempo a venire.

 

Disclaimer: QCP Capital è un fornitore di servizi di pagamento esente in attesa di licenza da parte dell’Autorità Monetaria di Singapore come MPI per i servizi di pagamento digitale a token ai sensi del Payment Services Act (2019). Le informazioni contenute nel presente documento sono da intendersi come un’introduzione generale a QCP Capital e alle sue attività come fornitore di servizi di Digital Payment Token (DPT) e sono a scopo puramente informativo. QCP Capital non agisce e non intende agire in alcun modo come consulente o in veste fiduciaria nei confronti di alcuna controparte. Pertanto, si consiglia vivamente a qualsiasi potenziale controparte di ottenere una consulenza indipendente in relazione a qualsiasi investimento di trading, finanziario, legale, fiscale, contabile o normativo discusso nel presente documento. Il presente documento è rivolto esclusivamente a investitori informati e qualificati. La lettura di questo materiale attesta che siete pienamente consapevoli del fatto che la negoziazione dei DPT non è adatta al pubblico in generale e che siete investitori informati e qualificati, oltre ad essere pienamente consapevoli di tutti i rischi tecnologici e finanziari associati alla negoziazione dei Digital Payment Token. Prima di affidarvi a noi o a uno qualsiasi dei nostri servizi, dovreste essere consapevoli di quanto segue: QCP Capital è un fornitore di servizi di pagamento esente in attesa di licenza da parte dell’Autorità Monetaria di Singapore come MPI per i servizi di Digital Payment Token ai sensi del Payment Services Act (2019). Si prega di notare che ciò non significa che sarete in grado di recuperare tutto il denaro o le DPT che avete pagato al vostro fornitore di servizi DPT se l’attività del vostro fornitore di servizi DPT fallisce. Dovete essere consapevoli che il valore dei DPT può subire forti oscillazioni. Dovreste acquistare DPT solo se siete disposti ad accettare il rischio di perdere tutto il denaro investito in tali token. Non dovreste effettuare transazioni in DPT se non avete familiarità con questo DPT. Ciò include il modo in cui il DPT viene creato e il modo in cui il DPT che intendete negoziare viene trasferito o detenuto dal vostro fornitore di servizi di DPT. Dovete essere consapevoli che il vostro fornitore di servizi di DPT, come parte della sua licenza per fornire servizi di DPT, può offrire servizi relativi a DPT che sono promossi come aventi un valore stabile, comunemente noti come “stablecoin”.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS