HomeCriptovaluteFTX: crypto news in merito alle condizioni di cauzione di SBF

FTX: crypto news in merito alle condizioni di cauzione di SBF

Importanti crypto news in merito a FTX, l’exchange crollato a novembre, e a Sam Bankman-Fried, ex CEO e in seguito indagato per il collasso del sistema. A quanto pare, il giudice ha recentemente richiesto la revisione delle condizioni di cauzione di SBF. 

Nello specifico, il patto è che la cauzione da $250 milioni di SBF sarà revocata a meno che l’ex CEO non accetti severe restrizioni sull’uso di Internet. La notizia viene confermata anche dall’account Twitter ufficiale di Watcher Guru, in cui si legge: 

“Il giudice degli Stati Uniti deve revocare la cauzione di $ 250 milioni di SBF a meno che non accetti severe restrizioni sull’uso di Internet.” 

FTX crypto news: le richieste del giudice a SBF, tutti i dettagli 

Dopo essere stato rilasciato su cauzione, Sam Bankman-Fried, ex amministratore delegato di FTX, è stato messo agli arresti domiciliari. La sua cauzione, tuttavia, non è stata così facile, poiché è arrivata con una pletora di condizioni. 

I primi si sono limitati a non parlare con gli attuali ed ex dipendenti di FTX. Il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti del distretto meridionale di New York è stato convinto dai pubblici ministeri federali a modificare ulteriormente le condizioni del suo rilascio.

È stato portato alla luce che SBF utilizzava una rete privata virtuale [VPN] per guardare il calcio. Secondo quanto riferito, lo ha fatto due volte per trasmettere in streaming le partite dei playoff della National Football League

Tuttavia, l’accusa non è stata soddisfatta, quindi si è cercato di chiedere al tribunale di vietare a SBF di utilizzare i telefoni e persino Internet. Gli sarebbe stato permesso di utilizzare questi benefici solo in circostanze specifiche.

Secondo i suoi termini precedenti, gli è stato impedito di utilizzare applicazioni di messaggistica crittografate o effimere. Il deposito disponeva, inoltre, quanto segue: 

“Nell’arco di un mese, l’imputato ha utilizzato almeno due metodi di crittografia in modo tale da giustificare la modifica delle sue condizioni di cauzione. Il suo comportamento mostra che le condizioni esistenti lasciano troppo spazio per l’elusione delle restrizioni volte a prevenire comportamenti inappropriati, incluso il contatto con testimoni e l’accesso alle risorse di criptovaluta.” 

Questo deposito impedisce, inoltre, a SBF di utilizzare tablet, computer e persino telefoni cellulari, come menzionato in precedenza.

Come comunicherà ora l’ex CEO di FTX? 

L’ex CEO di FTX avrà accesso ai materiali di scoperta e potrà comunicare con i suoi avvocati tramite Zoom o e-mail utilizzando il suo account Gmail. Potrà anche usare il suo telefono per effettuare chiamate e inviare messaggi. 

Va sottolineato che un software di monitoraggio installato sul suo computer e telefono tiene traccia di tutti i suoi record. Nello specifico, le nuove condizioni proposte a SBF sono, ad esempio, oltre il divieto dell’uso di cellulari e quant’altro, l’autorizzazione all’uso di Internet ai fini della revisione della scoperta.

Poi, l’autorizzazione a utilizzare la posta elettronica tramite il suo account Gmail e le chiamate vocali e gli SMS tramite il suo cellulare. In più, come anticipato, potrà anche usare Zoom esclusivamente per comunicare con il suo avvocato.

Tuttavia, a SBF è vietato l’uso di qualsiasi altra applicazione di telefonia mobile e computer per chiamate e messaggistica. E sarà limitato all’uso di un cellulare e di un computer con esterno, ed entrambi i dispositivi avranno un programma di monitoraggio del dispositivo installato dai servizi preliminari.

Infine, l’account Gmail dell’imputato e il suo numero di cellulare saranno monitorati attraverso l’installazione di registri a penna e deve sottoporre i suoi dispositivi elettronici a una perquisizione sulla base del fatto che l’ufficiale di sorveglianza abbia un ragionevole sospetto sulle violazioni. 

Inoltre, oggi il giudice Lewis Kaplan ha stabilito che i nomi dei garanti di SBF devono essere rivelati.

Chi sono i co-firmatari di SBF nella cauzione da $250 milioni 

Il giudice Lewis Kaplan ha ufficialmente ordinato l’apertura dei documenti che rivelano i co-firmatari della cauzione di 250 milioni di dollari di Sam Bankman-Fried. Secondo i documenti ottenuti, i co-firmatari si sono rivelati essere l’ex preside della Stanford Law School, Larry Kramer, e lo Stanford Research Scientist, Andreas Paepcke.

Una mozione per aprire i documenti è stata richiesta per la prima volta da Inner City Press il 3 gennaio. Successivamente, il giudice che presiede il caso, Kaplan, ha oscurato le identità precedentemente nascoste dei co-firmatari della cauzione.

Il primo dei co-firmatari è stato scoperto da Molly White come Andreas Paepcke . Documenti non sigillati hanno rivelato che Paepcke ha finanziato $200.000 di obbligazioni di Bankman-Frieds.

Il secondo co-firmatario del legame di Bankman-Freid si è rivelato essere Larry Kramer, che è l’ex preside della Stanford Law School. Inoltre, i documenti non sigillati rivelano che Kramer ha finanziato $500.000 dell’obbligazione dell’ex CEO di FTX. 

Kramer è stato preside della Stanford Law School dal 2004 al 2012 ed è l’attuale presidente della William and Flora Hewlett Foundation. La connessione tra Paepcke e Kramer è la loro affiliazione con la Stanford University.
La scuola della California impiegava entrambi i genitori di Bankman-Fried: Joseph Bankman e Barbara Fried. In particolare, entrambi i genitori erano impiegati presso la Stanford Law School, implementando il collegamento con Kramer.

Dal suo arresto e dalla sua estradizione negli Stati Uniti a novembre, l’identità dei responsabili del finanziamento della cauzione di Sam Bankman-Freid è stata una questione costante. Con l’identità che mostra entrambi i dipendenti della Stanford University, tutto ciò è  indiscutibilmente collegato alla professione di entrambi i suoi genitori.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS