HomeBlockchainRegolamentazione2023 CMC Crypto Playbook: prospettive di regolamentazione delle crypto negli Stati Uniti...

2023 CMC Crypto Playbook: prospettive di regolamentazione delle crypto negli Stati Uniti di APCO

Washington incontra il selvaggio west delle crypto

Di Jeff Zelkowitz

È uno strano spettacolo vedere i politici democratici e repubblicani del Congresso in forte accordo tra loro e che lavorano insieme per promuovere le politiche pubbliche. È ancora più insolito sentire i rigidi regolatori finanziari discutere in pubblico e parlare come un poliziotto di ronda in un quartiere particolarmente difficile.

Benvenuti nel mondo di Washington e nel selvaggio west delle crypto. Ciò che è chiaro è che i politici statunitensi di entrambi i principali partiti vogliono rafforzare la leadership americana nel sistema finanziario globale e alla frontiera tecnologica, difendendola al contempo dai cattivi attori. 

Ed è in questo contesto che si possono comprendere al meglio le proposte legislative che stanno attraversando il Congresso e i pronunciamenti e le azioni che provengono dalla Casa Bianca e dalle agenzie governative.

La trama di questa storia è difficile da seguire, con un ampio cast di personaggi e una minestra alfabetica di agenzie. 

Ecco il prezioso (e valoroso) tentativo del Congressional Research Service degli Stati Uniti di riassumere il ruolo delle criptovalute nella nostra struttura di regolamentazione finanziaria:

“Attualmente non esiste un quadro normativo completo per le criptovalute o altri asset digitali. Invece, i vari regolatori statali e federali del settore finanziario applicano i quadri e i regolamenti esistenti laddove gli exchange o gli asset digitali assomigliano a prodotti finanziari tradizionali. Di conseguenza, le autorità di regolamentazione possono trattare gli asset digitali come titoli, materie prime o valute a seconda delle circostanze.

Ad esempio, gli exchange di criptovalute sono autorizzati a livello statale e si registrano presso il Financial Crimes Enforcement Network del Tesoro degli Stati Uniti come trasmettitori di denaro per la conformità all’antiriciclaggio. Tuttavia, l’applicazione di questi quadri normativi attraverso linee guida formali o informali da parte di autorità di regolamentazione diverse può rendere l’ambiente più oscuro nel caso in cui varie autorità di regolamentazione che si sovrappongono si pronuncino in modo contrastante. 

Ad esempio, i presidenti della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) e della Securities and Exchange Commission (SEC) hanno accennato al fatto che alcuni asset digitali sono merci e altri titoli secondo le rispettive giurisdizioni. 

Quando gli attori crypto operano senza registrarsi presso queste agenzie, gli investitori non ricevono le protezioni che la conformità normativa fornisce.”

Il panorama normativo statunitense in materia di crypto

È in questo contesto confusionario che il presidente Biden ha emesso un ordine esecutivo della Casa Bianca all’inizio di quest’anno che riconosce l’importanza degli asset e delle tecnologie digitali e indirizza le agenzie governative della sua amministrazione a concentrarsi su diverse priorità chiave per lo sviluppo delle politiche.

Queste includono la protezione dei consumatori e degli investitori, la stabilità finanziaria, la finanza illecita, l’inclusione finanziaria, l’innovazione responsabile, la leadership nel sistema finanziario globale e la competitività economica degli Stati Uniti. 

Tra le altre cose, l’ordine esecutivo ha citato il principio normativo “stessa attività, stesso rischio, stesse regole”, affermando che le criptovalute non dovrebbero essere trattate in modo diverso o avere delle scappatoie.

Le proposte del Congresso che stanno attraversando le varie commissioni del Senato e della Camera dei Rappresentanti rappresentano un tentativo globale di integrare gli asset digitali nelle leggi esistenti. 

Ho assistito di persona a questa esplosione di consenso bilaterale al Bloomberg Crypto Summit di quest’estate, quando le senatrici Kirsten Gillibrand (D-NY) e Cynthia Lummis (R-WY) della Commissione bancaria del Senato hanno illustrato il loro storico Responsible Financial Innovation Act.

Ciò che mi ha colpito è stato il tono collegiale della conversazione e gli sforzi di questi legislatori per coordinarsi con altri che stanno lavorando su questi temi a Capitol Hill, in particolare con una proposta di legge della Commissione Servizi Finanziari della Camera per regolamentare le riserve delle stablecoin. 

Hanno espresso grandi speranze che quest’anno si possa fare qualcosa sulle stablecoin come primo passo verso un’azione più completa.

Due cose sono accadute per rallentare temporaneamente questo slancio, ma che alla fine porteranno a un futuro più conforme per le crypto.

In primo luogo, le elezioni di midterm negli Stati Uniti. Era del tutto prevedibile che i lavori si sarebbero fermati durante la campagna elettorale autunnale. Il fatto che i repubblicani abbiano ottenuto il controllo della Camera dei Rappresentanti non sembra alterare le prospettive del disegno di legge, dal momento che il presidente della commissione repubblicana entrante, il rep.

Patrick McHenry (R-NC) e l’attuale presidente democratico Maxine Waters (D-CA) stanno lavorando insieme e dando priorità all’azione per il prossimo anno. Anche la senatrice Gillibrand vede le prospettive di una legge sulla stablecoin da parte della sua commissione nelle prossime settimane.

In secondo luogo, il crollo di FTX. Non è stato l’unico fallimento crypto di quest’anno, ma certamente il punto di svolta. Quasi ogni giorno emergono rivelazioni esplosive su frodi massicce, uso improprio degli asset dei clienti, conflitti di interesse tra entità collegate e bilanci inesistenti o controlli di gestione del rischio.

Il nuovo amministratore delegato che supervisiona il fallito exchange di criptovalute ha definito FTX un fallimento della governance aziendale peggiore di Enron: 

“Dalla compromissione dell’integrità dei sistemi e dall’errata supervisione normativa all’estero alla concentrazione del controllo nelle mani di un gruppo molto ristretto di individui inesperti, non sofisticati e potenzialmente compromessi, questa situazione è senza precedenti.”

Il ruolo della SEC nel mercato statunitense delle crypto 

I politici e le autorità di regolamentazione sono alla ricerca di risposte e si interrogano su quali questioni e rischi debbano essere esaminati più a fondo per capire se le proposte su cui hanno lavorato debbano essere rafforzate, soprattutto se Sam Bankman-Fried ha fornito un contributo in merito. 

Non c’è dubbio che il martello si stia abbattendo su una serie di pratiche che le entità affiliate a FTX hanno messo in atto e che non sarebbero mai state tollerate nei servizi finanziari regolamentati.

In realtà, questo sta già accadendo. Sebbene gli operatori dell’industria crypto affermino che negli Stati Uniti mancano regole chiare e/o che le criptovalute dovrebbero essere trattate in modo diverso per evitare di soffocare l’innovazione, le autorità di regolamentazione statunitensi, tra cui la SEC e la CFTC, la vedono in modo diverso – e il loro è il punto di vista che conta.

La posizione della SEC è chiara fino al limite della logica socratica: La SEC ha 90 anni di esperienza nella regolamentazione dei titoli (security). Molte criptovalute rientrano nella definizione di security. Gli intermediari che facilitano le transazioni di criptovalute devono conoscere e rispettare le regole della SEC.

Gary Gensler, presidente della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, non ha peli sulla lingua riguardo alle crypto. Si descrive come “il poliziotto di turno”. 

Ecco Gensler che dice ai trasgressori della legge di uscire con le mani in alto: 

“Abbiamo avviato azioni contro le piattaforme di crypto lending, tra cui BlockFi, e continueremo a essere un vigoroso regolatore di titoli, ma suggerisco davvero a questi intermediari, a questi punti vendita, a questi casinò, se volete, di mettersi in regola, di lavorare con la SEC per diventare conformi, di scomporre queste attività.”

La SEC applica una decisione della Corte Suprema vecchia di decenni, nota come test di Howey, che definisce le security come “un investimento di denaro in un’impresa comune con una ragionevole aspettativa di profitti da ricavare dagli sforzi di altri”.

Sebbene Gensler consideri Bitcoin come oro digitale non controllato da un’entità centrale, ritiene che la maggior parte delle criptovalute siano titoli.

L’interpretazione della SEC dipende in larga misura da una causa contro Ripple che l’agenzia ha intentato nel 2020, sostenendo che i suoi token digitali XRP sono security non registrate. L’agenzia ha avviato diverse decine di azioni esecutive nel settore crypto e quest’anno ha quasi raddoppiato le dimensioni del suo personale addetto all’applicazione della legge in questo settore.

Che le azioni della SEC facciano agitare il settore è prevedibile. Che abbiano suscitato critiche pubbliche da parte di un collega regolatore è quantomeno insolito. 

La denuncia della SEC in questione sostiene che decine di asset digitali, tra cui token utility e token relativi a DAO, sono security. 

Questa azione ha attirato le ire del commissario della CFTC Caroline Pham, che ha rilasciato una dichiarazione pubblica in cui critica la SEC per “un esempio eclatante di regolamentazione attraverso l’esecuzione”. 

Ha rimproverato la SEC riguardo a “quanto sia critico e urgente che le autorità di regolamentazione lavorino insieme” e che “la chiarezza normativa deriva dall’essere allo scoperto, non all’oscuro”.

Il dibattito pubblico è importante a causa della percezione che l’industria delle criptovalute sia generalmente favorevole alla regolamentazione da parte della CFTC e stia facendo pressioni per una legislazione che dia all’autorità di regolamentazione del mercato delle materie prime l’autorità su Bitcoin, Ethereum e altre criptovalute.

Il Digital Commodities Consumer Protection Act, introdotto dai senatori Debbie Stabenow (D-MI) e John Boozman (R-AR), conferisce alla CFTC la giurisdizione sulle “materie prime digitali”, definendo tale termine in modo ampio per comprendere potenzialmente molto più delle due principali criptovalute. 

La proposta di legge è stata accolta favorevolmente dalla maggior parte dell’industria delle crypto e dai gruppi di consumatori quando è stata annunciata ad agosto, ma le cose potrebbero cambiare in un mondo post-FTX.

Rostin Behnam, presidente della CFTC, ha sostenuto che “Bitcoin potrebbe raddoppiare di prezzo se ci fosse un mercato regolamentato dalla CFTC” e recentemente ha suggerito che l’unica criptovaluta che dovrebbe essere considerata una commodity è Bitcoin. 

Egli ha anche cercato di minimizzare il dibattito tra CFTC e SEC e di far leva invece sui loro punti in comune basati sulla protezione degli investitori, citando decenni di esperienza normativa nell’adattarsi a ogni nuova innovazione di mercato e nell’imparare da ogni crisi.

A questo proposito, Behnam ha chiesto al Congresso di colmare la lacuna normativa che, a suo avviso, mette a rischio il pubblico statunitense. La CFTC ha autorità solo sui derivati, non sui mercati delle materie prime in contanti. È intervenuta nei mercati cash per avviare azioni esecutive in casi limitati, quando ci sono frodi e manipolazioni che hanno un impatto sugli investitori in derivati. 

Ha chiesto al Congresso di conferire alla CFTC l’autorità che attualmente le manca sulle commodity digitali, in modo da poter regolamentare i mercati e gli intermediari per salvaguardare gli investitori prima che il danno si sia già verificato.

Tutto questo per dire che, sebbene il sistema sia confuso e imperfetto, il quadro generale sta diventando più chiaro. Sembra che i politici di entrambe le parti siano disposti a fare qualcosa. 

Le autorità di regolamentazione chiedono azione e responsabilità per proteggere il pubblico degli investitori, e il fallimento di FTX ha reso pubblica la necessità di una regolamentazione meglio di quanto abbia fatto Sam Bankman-Fried per promuoverla.

Tuttavia, queste innovazioni possono potenzialmente risolvere molti problemi meglio dell’attuale sistema finanziario e perseguire obiettivi importanti per i responsabili politici, per il pubblico americano e per gli interessi economici e di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Allo stesso modo, ci sono importanti considerazioni internazionali per i sistemi senza confini (borderless) e senza permessi (permissionless) da cui i cittadini di molti altri Paesi del mondo dipendono per portare avanti valori e libertà a cui gli americani tengono molto.

Ciò significa che c’è ancora una conversazione da condurre per definire il quadro politico in cui le regole creano la fiducia nel denaro programmabile, negli asset digitali e nelle tecnologie blockchain che è essenziale per il livello di adozione del mercato, la scalabilità e l’utilità nel mondo reale che sono il sogno e la promessa degli innovatori crypto e delle loro community.

Jeff Zelkowitz è vicepresidente esecutivo di APCO Worldwide. Fornisce consulenza a clienti aziendali su questioni finanziarie, tecnologiche, di sostenibilità e di comunicazione.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS