HomeCriptovaluteStable CoinLa stablecoin Tether (USDT) guadagna market cap a discapito di BUSD

La stablecoin Tether (USDT) guadagna market cap a discapito di BUSD

Il nuovo report di CryptoCompare evidenzia l’andamento delle stablecoin nel mese di febbraio, in particolare di BUSD che ha subito un calo del 18% sulla  market cap, e di Tether (USDT) che ha beneficiato del calo di BUSD aumentando la capitalizzazione di mercato del 3,85%

La stablecoin BUSD subisce un calo del 18% a febbraio mentre Tether (USDT) ne approfitta 

CryptoCompare, una delle principali società di analisi dei dati sulle criptovalute, ha pubblicato il suo ultimo rapporto che evidenzia la performance delle stablecoin nel mese di febbraio.

Il rapporto fornisce preziose informazioni sul mercato delle stablecoin, che è diventato sempre più importante nello spazio delle criptovalute grazie al loro valore stabile e alla ridotta volatilità rispetto alle altre criptovalute.

Secondo il report, BUSD, la stablecoin emessa da Binance, ha registrato un calo del 18% nella sua capitalizzazione di mercato a febbraio. 

Si tratta di un calo significativo, considerando che BUSD aveva guadagnato quote di mercato nel mercato degli ultimi mesi. 

Il motivo di questo calo non è del tutto chiaro, molti pensano che sia legato all’accusa della SEC nei confronti di Paxos.

Ma potrebbe essere attribuito anche all’aumento della concorrenza nel mercato delle stablecoin, con l’introduzione di diverse nuove monete negli ultimi mesi.

Per chi non fosse a conoscenza della vicenda tra la SEC e Binance USD: la SEC ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che stava indagando se alcune stablecoin, tra cui Binance USD (BUSD) e Paxos (PAX), spiegando che fossero considerate titoli ai sensi della legge statunitense. 

BUSD è stato creato da Binance, il più grande exchange crypto al mondo, e PAX è stato creato da Paxos Trust Company, un istituto finanziario regolamentato. 

L’indagine della SEC ha sollevato le preoccupazioni degli investitori e degli appassionati di criptovalute sui potenziali rischi normativi associati alle stablecoin. 

D’altro canto, Tether (USDT), la più grande stablecoin del mondo, ha beneficiato del calo di BUSD aumentando la sua capitalizzazione di mercato del 3,85%. 

USDT è stata a lungo la stablecoin dominante sul mercato e continua a mantenere la sua posizione nonostante l’aumento della concorrenza. 

Il rapporto sottolinea che la posizione dominante di USDT sul mercato può essere attribuita al vantaggio della prima mossa, al marchio consolidato e all’accettazione diffusa tra gli scambi.

Il rapporto evidenzia il mercato delle stablecoin in crescita 

Le monete stabili sono diventate una parte essenziale dell’ecosistema delle criptovalute, in quanto forniscono un valore stabile che non è soggetto alla volatilità di altre criptovalute.

Questa stabilità rende le stablecoin un’opzione interessante per i trader e gli investitori che cercano un modo meno rischioso di entrare nel mercato delle criptovalute.

Inoltre, le stablecoin offrono anche diversi altri vantaggi, come tempi di regolamento più rapidi e commissioni di transazione ridotte rispetto alle valute fiat tradizionali.

Il settore è cresciuto rapidamente negli ultimi anni e la capitalizzazione di mercato totale delle stablecoin ha superato i 50 miliardi di dollari nel febbraio 2021. 

Questa crescita è stata trainata dall’aumento della domanda da parte di trader e investitori, nonché dall’introduzione di diverse nuove stablecoin che offrono caratteristiche e vantaggi unici.

Nel rapporto di CryptoCompare sono state analizzate anche altre monete, tra cui USD Coin (USDC), Dai (DAI) e TrueUSD (TUSD). 

Tutte queste stablecoin hanno registrato una modesta crescita della loro capitalizzazione di mercato nel mese di febbraio, con USDC che è stata la stablecoin che ha registrato la crescita più rapida con un aumento del 4,79% della sua capitalizzazione di mercato.

Il rapporto ha anche evidenziato il crescente interesse per le stablecoin decentralizzate, come TerraUSD (UST) e Frax (FRAX), progettate per essere più resistenti alle fluttuazioni del mercato e per offrire maggiore trasparenza e decentralizzazione rispetto alle stablecoin tradizionali. 

Le monete stabili decentralizzate sono ancora un concetto relativamente nuovo, ma stanno guadagnando terreno nello spazio delle criptovalute e negli ultimi mesi sono state introdotte diverse nuove monete stabili decentralizzate.

Il rapporto di CryptoCompare fornisce indicazioni preziose sulla performance delle stablecoin nel mese di febbraio, evidenziando la continua crescita del mercato e il dominio di stablecoin consolidate come USDT.

Il rapporto evidenzia anche il crescente interesse per le stablecoin decentralizzate, che potrebbero potenzialmente sconvolgere il mercato delle stablecoin tradizionali in futuro. Si può dunque affermare che le stablecoin sono diventate una parte importante dell’ecosistema delle criptovalute, fornendo un valore stabile e meno soggetto alla volatilità di altre criptovalute.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS