HomeTradingDash, Cronos e Solana, le crypto in ripresa

Dash, Cronos e Solana, le crypto in ripresa

Tra le crypto che stanno andando bene in questo lunedì troviamo Dash 2 Trade, Cronos e Solana.

Analisi delle crypto Dash 2 Trade (D2T), Cronos (CRO) e Solana (SOL)

Dash 2 Trade, Cronos e Solana iniziano bene la settimana, vediamo insieme notizie ed andamento di ciascuna crypto. 

Le performance di Dash 2 Trade (D2T) sopra le crypto Cronos e Solana

Dash 2 Trade dà la possibilità di affinare le proprie skills di trading iniziando a guadagnare ma anche ad imparare fin dall’inizio. 

La prevendita della crypto ha raccolto 15 milioni di dollari. 

Grazie a D2T chi investe potrà essere sempre aggiornato sulle ultime dritte di mercato, strategie e trend e metterà a disposizione gli strumenti finanziari più efficaci. 

Il white paper di Dash 2 Trade rivela che la La piattaforma, come riscontrabile dal white paper da a disposizione i dati on-chain e anche le statistiche sulle mosse delle balene. 

Grazie a D2T gli investitori possono aver parte a gare di trading e beneficiare di strumenti per efficientare l’analisi tecnica.

Dash 2 Trade si divide in due tipi di abbonamento, uno premium a 1000 D2T con le mosse delle balene e le ultimissime del mercato e uno base.

L’abbonamento base costa 400 D2T e dà la possibilità di accedere a Discord. 

Il prezzo di D2T oggi sale del 4,08% e tocca i 69,44 Euro con un circolante di 11.120 miliardi di Dash. 

Cronos (CRO)

Cronos guadagna l’1,41% del valore e si porta a 0,0758 Euro per CRO.

Il volume degli scambi resta stabile con un leggero aumento questa settimana portandosi a 13,08 milioni. 

Cronos ha recentemente potuto godere dell’aggiornamento Galileo che offre la possibilità di sviluppare dApp e DeFi tramite Solidity. 

Galileo è anche compatibile con EVM e permette di passare da Cosmos ad Ethereum con facilità agevolando lo sviluppo di smart contract e l’arrivo di nuovi capitali. 

Grazie a Galileo, Mempool facilita la scalabilità del TPS, – 30% di storage dei nodi e velocità raddoppiata. 

L’Acceleratore, è l’ultima novità introdotta, sostanzialmente una serie di tappe a trimestrali che permettono di attirare sviluppatori e nuovi capitali. 

Cronos offre 100 milioni di dollari per workshop e progetti che daranno la giusta spinta al Token per un 2023 degno di nota.

L’AMA darà la possibilità a player, finanziatori e addetti ai lavori di accedere al programma di accelerazione oltre ad attrarre sviluppatori informatici di App terze nell’ecosistema di Cronos. 

Accelerator ha avuto il suo AMA su Twitter due giorni fa e fra un mese ci sarà lo stop alle adesioni dei progetti. 

La parte finale dell’Accelerator è il DEMO day che si terrà a fine aprile dove verranno visionati i progetti anche da parte del pubblico. 

Cronos non aiuterà solo dal punto di vista tecnico ma sosterrà anche i progetti nella ricerca di capitali e finanziatori. 

Accelerator non è altro che un incubatore di start up dal quale vedrà la luce il futuro di Cronos.

Dopo la moda dei Layer 2 ora sembra che il focus si sia spostato sui Layer 1 di cui Cronos è illustre rappresentante.

Solana (SOL)

Solana inciampa in un problema tecnico che comporta lo stop all’attività e l’impossibilità di terminare le transazioni per un giorno intero.

Dal 25 febbraio data dell’aggiornamento 1.14, la rete sembra aver smesso di funzionare subentro rallentamenti così importanti da bloccare l’operatività.

Dopo aver provato senza successo a riavviare la rete, i validatori hanno sospeso tutto.

Nel mentre Solana non funzionava né per elaborare transazioni né per lo spostamento di capitali. 

In passato la cosa era già accaduta nel 2022 con numerosi stop della rete e quest’anno nei primi giorni gli endpoint RPC (Remote Procedure Call) di Solana Foundation si sono bloccati per via di un bug. 

Secondo una corrente di pensiero questo stop è la prova del “decentramento”.

Chorus One ritiene che i dibattiti tra i validatori per come far ripartire il tutto hanno allungato i tempi, ma sono un segno di maturità.

I tempi di decisione con queste discussioni e voti si sono allungati di 8-10 ore. 

A problema risolto il prezzo di SOL guadagnava comunque lo 0,48% a 22,88 dollari. 

L’asset digitale in sé per sé in due mesi è cresciuto oltre il 100% sfoggiando una delle migliori prestazioni crypto per ora. 

George Michael Belardinelli
George Michael Belardinelli
Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS