HomeCriptovaluteLa SEC attacca di nuovo le crypto: il mandato di comparizione a...

La SEC attacca di nuovo le crypto: il mandato di comparizione a Robinhood

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha citato in giudizio l’app di trading e intermediazione Robinhood per i suoi servizi di crypto. La società lo ha rivelato in un deposito finanziario annuale pubblicato lunedì.

La notizia viene riportata anche dall’account Twitter ufficiale di Watcher.Guru, in cui si legge: 

“La SEC cita in giudizio Robinhood $HOOD per elenchi di criptovalute.” 

Robinhood preoccupata per il suo trading crypto dopo le azioni della SEC

Come anticipato, la SEC ha presentato un mandato di comparizione a Robinhood poco dopo la debacle di FTX.

La società fintech di alto profilo ha anche riconosciuto che l’azione legale della SEC potrebbe portare alla cessazione degli scambi di asset digitali sulla sua piattaforma, come parte del suo elenco obbligatorio di rischi per la sua attività. 

Robinhood ha infatti affermato quanto segue: 

“Nella misura in cui la SEC o un tribunale determinano che le criptovalute supportate dalla nostra piattaforma sono titoli, tale determinazione potrebbe impedirci di continuare a facilitare il trading di tali criptovalute (inclusa la cessazione del supporto per tali criptovalute sulla nostra piattaforma).” 

Robinhood ha affermato di aver ricevuto la citazione in giudizio poco dopo che l’exchange di criptovalute FTX ha presentato istanza di fallimento a novembre. Il mandato di comparizione riguarda informazioni su argomenti come elenchi di criptovalute, custodia di criptovalute e operazioni della piattaforma. 

Robinhood facilita le negoziazioni dei clienti per determinate criptovalute che sono state analizzate in base alle politiche e procedure interne applicabili e che ritiene non siano titoli ai sensi delle leggi federali e statali sui titoli statunitensi. 

Questo è quanto sostiene l’azienda in seguito al deposito. Il trading di criptovalute su Robinhood è stata una linea di business in crescita negli ultimi 12 mesi, nonostante la flessione del mercato. 

La piattaforma di investimento ha lanciato il suo portafoglio crittografico a 10,000 utenti iOS a settembre, che utilizza la stablecoin USDC di Circle come principale token rappresentativo fiat. 

I precedenti tra la SEC e Robinhood 

Il CEO dell’azienda, Vlad Tenev, ha evidenziato che il crollo di FTX ha portato Robinhood a guadagnare maggiori quote di mercato. Nonostante ciò, il trading di criptovalute e le vendite sono diminuite nel quarto trimestre, con un calo del 24%, in linea con la maggior parte delle linee di entrate. 

Tuttavia, i volumi di scambio di criptovalute sulla piattaforma hanno recuperato a gennaio, balzando del 95% quando i prezzi delle criptovalute sono aumentati su tutta la linea. Se la SEC intraprende un’azione legale con Robinhood, non sarebbe la prima volta che l’autorità di regolamentazione dei mercati porta la società in tribunale. 

L’agenzia ha, infatti, accusato Robinhood nel 2020 di aver ingannato i clienti sulle fonti di guadagno. Robinhood ha accettato di pagare $65 milioni per saldare tali accuse nel dicembre del 2020. 

Robinhood è stato anche colpito da una multa di $30 milioni ad agosto come parte di un accordo con il Dipartimento dei servizi finanziari di New York per presunto mancato rispetto delle norme antiriciclaggio e di sicurezza informatica. La società crypto ha rifiutato di commentare oltre a ciò che era nel deposito. 

Il volume degli exchange crypto Robinhood aumenta del 95% a gennaio

Robinhood ha registrato volumi di exchange crypto in aumento del 95% a gennaio a 3,7 miliardi di dollari rispetto al mese precedente. I volumi di trading nozionali, che sono il motore principale dei ricavi delle transazioni, sono stati più alti a gennaio per azioni, opzioni e criptovalute rispetto a dicembre 2022. 

Gli utenti attivi mensili (MAU) a fine gennaio erano 12 milioni, in aumento di 600.000 rispetto a dicembre. Gli asset under custody (AUC) alla fine di gennaio ammontavano a 74,7 miliardi di dollari, in aumento del 20% rispetto alla fine di dicembre.

I depositi netti sono stati di 1,4 miliardi di dollari a gennaio, il che si traduce in un tasso di crescita annualizzato del 27% rispetto all’AUC di dicembre 2022. Negli ultimi dodici mesi, i depositi netti sono stati di $16,9 miliardi, che si traducono in un tasso di crescita annuale del 19% rispetto all’AUC di gennaio 2022.

I saldi di margine alla fine di gennaio erano di $3 miliardi, in calo di $ 0,1 miliardi rispetto alla fine di dicembre 2022. I saldi di Cash Sweep alla fine di gennaio erano di $ 7,1 miliardi, in aumento di $1,3 miliardi dalla fine di dicembre 2022. 

Dei $7,1 miliardi, $6,0 miliardi erano in conti in oro, che erano in aumento di $1,2 miliardi dalla fine di dicembre 2022. Inoltre, le azioni sono aumentate di quasi il 6% alla chiusura.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS