HomeCriptovaluteRipple (XRP) condivide i risultati del sondaggio: il 97% delle società di...

Ripple (XRP) condivide i risultati del sondaggio: il 97% delle società di pagamento crede nel potere delle crypto

Emergono i risultati del nuovo sondaggio portato avanti da Ripple (XRP) in merito al comparto blockchain e crypto. A quanto pare, il 97% delle società di pagamento crede nel potere delle criptovalute. Tutti i dettagli di seguito. 

Ripple (XRP) e il sondaggio sulle crypto 

Il settore dei pagamenti globali è fiducioso sul potenziale delle criptovalute e della blockchain per consentire transazioni più veloci ed economiche, secondo un nuovo sondaggio co-ospitato da Ripple.

Tuttavia, viene evidenziato anche come la mancanza di chiarezza normativa è il più grande ostacolo all’adozione di pagamenti abilitati per le criptovalute, sempre secondo il sondaggio. 

Nello specifico, la rete di pagamento digitale basata su blockchain Ripple e l’organizzazione di pagamento Faster Payments Council (FPC) il 2 marzo hanno pubblicato un rapporto dedicato alle opportunità dei pagamenti abilitati per le criptovalute.

Intitolato “Transforming the Way Money Moves”, il rapporto fornisce approfondimenti sulle tendenze globali dei pagamenti in criptovalute sulla base di un sondaggio inviato a oltre 950 abbonati FPC, come analisti e amministratori delegati in 45 paesi. 

Il sondaggio ha incluso un totale di 281 intervistati che hanno risposto a 25 domande su argomenti di casi d’uso e vantaggi dei pagamenti blockchain, proprietà delle risorse digitali e barriere all’uso. 

Il lavoro sul campo per il sondaggio è stato condotto durante la prima metà del 2022. 

I risultati del crypto sondaggio di Ripple (XRP): tutti i dettagli 

Secondo i risultati del sondaggio, quasi tutti gli abbonati FPC intervistati, ovvero il 97% degli intervistati, ritengono che la criptovaluta e la tecnologia blockchain avranno un ruolo significativo nel consentire pagamenti più rapidi nei prossimi tre anni. 

Inoltre, oltre il 50% dei responsabili dei pagamenti intervistati ritiene che la maggior parte dei commercianti accetterà pagamenti in criptovalute entro uno o tre anni.

Il 27% degli intervistati per i dirigenti del Medio Oriente e dell’Africa ritiene che la maggior parte dei commercianti sarà crypto-friendly già nel 2024. 

Secondo Ripple e FPC, un tale ottimismo in questi mercati potrebbe derivare da soluzioni abilitate per le criptovalute come i pagamenti mobili e la banca centrale valute digitali o CBDC.

Nonostante il 52% degli intervistati consideri l’uso delle criptovalute per i pagamenti, solo il 17% di questi supportava i pagamenti abilitati per le criptovalute al momento del sondaggio, secondo il rapporto.

I motivi principali per non adottare ancora le tecnologie crittografiche per i pagamenti da parte degli intervistati sono stati la chiarezza normativa e l’adozione limitata, osserva il rapporto. 

Quasi il 90% degli intervistati ha indicato l’ambiguità normativa come il principale ostacolo ai pagamenti in criptovalute, mentre il 45% degli intervistati ha citato la limitata accettazione da parte del settore. 

Cosa dicono gli altri sondaggi riguardanti il mondo blockchain? 

Nel 2022, la piattaforma di dati finanziari Pymnts e la società di pagamenti crittografici Bitpay hanno pubblicato un sondaggio suggerendo che la maggior parte degli intervistati per aziende con un reddito annuo di $1 miliardo stava adottando pagamenti crittografici per trovare e acquisire nuovi clienti. 

L’ultimo rapporto di Ripple ribadisce ulteriormente il significativo potenziale delle tecnologie legate alle criptovalute per diventare una parte cruciale del sistema finanziario globale.

Come suggerisce un sondaggio di Zogby Analytics e CasperLabs, ben il 90% delle imprese negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Cina ha sperimentato la tecnologia blockchain dall’inizio del 2023.

Ad ogni modo, la notizia arriva tra le aspettative espresse dal CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, che la causa XRP con la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti sarebbe stata risolta quest’anno.

Garlinghouse nello specifico ha affermato: 

“Sono passati quasi due anni e mezzo dall’inizio di quel contenzioso. Abbiamo cercato di andare avanti il ​​più rapidamente possibile. Ripple adesso si aspetta una decisione sicuramente nel 2023.” 

Regolamentazione crypto e il caso SEC contro Ripple (XRP) 

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti sta attualmente subendo un’intensa battaglia interna tra i membri del suo staff e il suo nuovo presidente, Gary Gensler. 

Il conflitto sorge mentre l’agenzia cerca di determinare la sua posizione sulla regolamentazione delle criptovalute. Secondo rapporti recenti, i membri dello staff si stanno opponendo alle prospettive rialziste di Gensler sulle criptovalute, che potrebbero potenzialmente avere un impatto sulla causa XRP.

Infatti, la crescente popolarità delle criptovalute ha indotto i regolatori di tutto il mondo a rivalutare la loro posizione sulle valute digitali. Poiché il panorama normativo rimane incerto, l’esito della causa XRP in corso è in bilico, con potenziali implicazioni per il mercato delle criptovalute nel suo complesso.
Come sappiamo, nel dicembre 2020, la SEC ha intentato una causa contro Ripple Labs, il creatore di XRP, sostenendo che la società aveva condotto offerte di sicurezza non registrate per un valore di 1.3 miliardi di dollari.

La causa ha fatto precipitare il valore di XRP e la criptovaluta è stata successivamente cancellata da diversi importanti exchange. Ripple ha negato le accuse e ha denunciato l’autorità di impegnarsi in un superamento normativo.

Nelle ultime settimane, ci sono state indicazioni secondo cui la SEC potrebbe prepararsi a risolvere la causa XRP. In una lettera alla corte, gli avvocati di Ripple hanno indicato di aver avuto discussioni “produttive” con la SEC e di sperare che si potesse raggiungere un accordo.

Tuttavia, il disaccordo interno della SEC sulla regolamentazione delle criptovalute potrebbe potenzialmente influire sull’esito della causa XRP. 

Se le prospettive rialziste di Gensler sulle criptovalute prevalgono, potrebbe portare a un ambiente normativo più favorevole per le valute digitali, che potrebbe potenzialmente avvantaggiare il caso di Ripple.

D’altra parte, se le preoccupazioni dei membri dello staff della SEC sui rischi delle criptovalute hanno più peso, potrebbe portare a un ambiente normativo più rigoroso, che potrebbe funzionare contro Ripple.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS