Valentino Rossi lancia il suo metaverso su Roblox: Moto Island, per gli appassionati di motorsport e non solo
Valentino Rossi lancia il suo metaverso su Roblox: Moto Island, per gli appassionati di motorsport e non solo
Metaverse

Valentino Rossi lancia il suo metaverso su Roblox: Moto Island, per gli appassionati di motorsport e non solo

By Alessia Pannone - 7 Mar 2023

Chevron down

Valentino Rossi, icona del motorsport e nove volte campione del motociclismo, entra ufficialmente nel mondo del metaverso con il suo mondo virtuale su Roblox. Di seguito i dettagli. 

Valentino Rossi e il lancio del suo metaverso

Il nove volte campione del mondo di motociclismo e VR46 Metaverse entra ufficialmente nel mondo di Roblox con un’esperienza unica e autentica dedicata agli appassionati del motorsport.

VR46 Metaverse è orgoglioso di annunciare il lancio di Moto Island, The Official Valentino Rossi Experience, su Roblox. Creato in collaborazione con lo studio Metaverse Dubit, Moto Island offre gare multigiocatore online ad alto numero di ottani in un vibrante mondo aperto.

L’esperienza è la prima incursione nei mondi virtuali per VR46 Metaverse, la società che sviluppa l’immagine del nove volte campione del mondo di motociclismo, Valentino Rossi, nei giochi e nei metaversi. 

Roblox, la popolare piattaforma di gioco con 58,8 milioni di giocatori giornalieri, è stata scelta come casa di Moto Island dalla stessa leggenda del motorsport per la sua importanza nel panorama dei giochi e il suo potere di raggiungere i giocatori in modi divertenti e coinvolgenti.

Moto Island è costruita attorno a due valori cardine di accessibilità e personalizzazione, con l’obiettivo di trasmettere in modo autentico lo spirito competitivo del motorsport.

Dichiarazioni in merito al lancio del metaverso di Valentino Rossi

Valentino Rossi, in merito al lancio di Moto Island, ha dichiarato quanto segue: 

“Volevo davvero creare un’esperienza del genere, per tutti gli appassionati di sport motoristici e non solo: con Moto Island vogliamo portare questo sport a un altro livello, offrendo a tutti i giocatori un’esperienza divertente e di qualità. Interagire e comunicare con i miei fan è sempre stata una chiave aspetto durante tutta la mia carriera e ora è così eccitante poter fare lo stesso con le generazioni più giovani attraverso Roblox.” 

Moto Island è un ambiente open world pieno di città, campagne, cime innevate, strade oceaniche, foreste e, naturalmente, piste da corsa che consentono a un massimo di trenta piloti di mettersi in fila e provare alcuni dei migliori motori fisici su Roblox.

All’interno di Moto Island ci sono dozzine di moto con migliaia di miglioramenti nell’aspetto e nelle prestazioni, inclusi elementi di contenuto generati dagli utenti come tute, caschi e persino un compagno di tartaruga per guidare il sellino.

Jean Claude Ghinozzi, CEO di VR46 Metaverse, ha invece commentato:

“L’uscita di Moto Island costituisce un’importante pietra miliare nella sequenza temporale di VR46 Metaverse per il 2023. Per far sì che ciò accadesse, volevamo un partner che avesse una grande esperienza in questo settore e lavorare con Dubit è stata la scelta migliore che potessimo fare.” 

A sua volta, Matthew Warneford, co-fondatore di Dubit, ha detto: 

“L’acronimo GOAT è molto diffuso in questi giorni. Nel caso di Valentino Rossi, è assolutamente giustificato. Abbiamo adorato creare Moto Island con VR46 Metaverse e non vediamo l’ora di vedere milioni di giocatori godersi le incredibili gare.” 

L’isola di Moto sarà costantemente evoluta e aggiornata nei prossimi mesi per creare valore per i giocatori con nuovi contenuti ed eventi.

Il metaverso è il nostro futuro? L’udienza svoltasi nel mondo virtuale 

Non è un segreto che negli ultimi anni molti eventi fisici abbiano avuto interazioni digitali o siano stati interamente digitalizzati nella realtà virtuale. 

Recentemente, in Colombia, un giudice locale ha stabilito di svolgere un’udienza nel metaverso come esperimento tecnologico. 

Si trattava, nello specifico, di un caso civile relativo ad un incidente stradale, che progredirà “parzialmente” nel metaverso. 

Sebbene molti credano che il metaverso rimodellerà la nostra vita sociale, ci si chiede se la realtà digitale possa servire al meglio ad affrontare momenti importanti per la società, come i casi giudiziari, in cui potrebbe essere in gioco il futuro di un individuo. 

Carlo D’Angelo, ex professore di diritto e avvocato difensore specializzato in criptovalute, ha espresso la sua opinione per capire meglio il possibile ruolo del metaverso nel sistema legale. 

Il caso giudiziario del metaverso in Colombia non si discosta molto da ciò che i sistemi legali di tutto il mondo hanno dovuto fare durante la pandemia COVID-19, ovvero convertirsi al digitale. D’Angelo ha infatti riferito che:

“L’urgente necessità di svolgere le attività giudiziarie, in mezzo ad una pandemia globale, ha certamente accelerato l’adozione di massa da parte dei giudici di Zoom e di altri servizi di videoconferenza.” 

D’Angelo ha inoltre dichiarato che, sebbene queste sessioni di Zoom abbiano funzionato per lo spostamento dei fascicoli e delle udienze in tribunale, la tecnologia con cui stiamo attualmente lavorando non si adatta particolarmente ai processi con giuria.

Il motivo principale è che i “sottili indizi visivi”, i pregiudizi e gli indizi verbali e non verbali di persona non vengono colti a distanza, soprattutto quando ci si trova davanti un avatar nel metaverso.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.