HomeCriptovaluteSilicon Valley Bank: il crollo di SVB e le opinioni degli esperti...

Silicon Valley Bank: il crollo di SVB e le opinioni degli esperti crypto in merito

La Silicon Valley Bank (SVB), una delle più grandi banche americane, ha dichiarato il fallimento nella giornata di venerdì 10 marzo, ma cosa è successo davvero e come sta reagendo il mondo crypto? 

L’implosione della banca della Silicon Valley, come prevedibile, ha scatenato paura e polemiche tra gli esperti. 

Così, è partito il “gioco della colpa” nell’industria tecnologica, dato che i dirigenti e gli investitori sono andati in crisi. Tuttavia, per una volta quest’ultima non sembrava ruotare attorno ad una società crypto. 

Fallimento della SVB: sono coinvolte le crypto?

L’ improvviso crollo della Silicon Valley Bank venerdì ha scatenato il panico nel settore tecnologico. Tuttavia, i dirigenti e gli investitori crypto, i quali hanno sopportato un anno di sconvolgimenti quasi costanti, hanno colto l’attimo per predicare e rimproverare.

La colpa era del sistema bancario centralizzato, hanno affermato i sostenitori delle criptovalute. La loro visione di un sistema finanziario alternativo, svincolato da grandi banche e altri guardiani, era migliore, a quanto sostengono. 

Infatti, questi hanno detto che le autorità di regolamentazione del governo, le quali hanno recentemente represso le società crittografiche, avevano gettato le basi dell’implosione della banca.

“Fiat è fragile”, ha scritto il sostenitore di Bitcoin Erik Voorhees, usando una scorciatoia comune per le valute tradizionali. Mo Shaikh, amministratore delegato della società di criptovalute Aptos Labs, ha invece affermato: 

“Stiamo riscontrando anomalie nella macchina. Questa è un’opportunità per prendere fiato e considerare gli aspetti pratici del decentramento.” 

Ad ogni modo, il tono è cambiato rapidamente, poiché una delle principali società di criptovalute ha rivelato venerdì scorso di avere miliardi di dollari intrappolati nella Silicon Valley Bank. 

Una cosiddetta stablecoin progettata per mantenere un valore costante di $1 è improvvisamente diminuita di prezzo, provocando brividi nel mercato. A questo punto, il dito puntato andava in entrambe le direzioni. 

Alcuni investitori tecnologici hanno sostenuto che la processione di cattivi attori e crolli notturni nel mondo delle criptovalute aveva condizionato le persone al panico al primo segno di difficoltà, ponendo le basi per la crisi della Silicon Valley Bank. 

Come sappiamo, a novembre, FTX, l’exchange di criptovalute gestito da Sam Bankman-Fried, ha cessato l’attività dopo che l’equivalente in criptovalute di una corsa agli sportelli ha rivelato un enorme buco nei suoi conti.

Opinione crypto in merito a SVB: il sistema finanziario tradizionale è instabile 

Joe Marchese, un investitore presso la società di capitale di rischio Human Ventures, in merito alla situazione attuale della SVB ha dichiarato quanto segue: 

“Questo è il riconoscimento del modello che troppi hanno.” 

Il gioco della colpa è un segno della faziosità nel settore tecnologico, dove le start-up e le tendenze vanno e vengono e le crisi possono essere utilizzate per far avanzare i programmi. Con l’implosione della Silicon Valley Bank, i sostenitori delle criptovalute hanno incolpato le strutture del sistema finanziario tradizionale per aver seminato instabilità. 

Alcuni investitori di venture capital, inoltre, hanno incolpato il panico sui social media che ha provocato la corsa agli sportelli. Altri ancora hanno incolpato il governo per le sue politiche economiche, o la banca stessa per la cattiva gestione e la cattiva comunicazione.

Il dibattito si sta svolgendo dopo un anno tumultuoso per le aziende tecnologiche in cui l’industria delle criptovalute è entrata in un tracollo durato mesi e alcune delle più grandi aziende della Silicon Valley hanno condotto licenziamenti di massa. 

Sam Kazemian, il fondatore del progetto crittografico Frax, ha espresso la sua opinione in merito: 

“Le persone sono solo traumatizzate. Sono finanziariamente sotto shock. Non appena vedi qualcosa, ti chiedi se c’è del fuoco laggiù perché puzza di fumo. E poi lo tratti come se tutto stesse bruciando e esci finché puoi.” 

La Silicon Valley Bank ha iniziato a vacillare mercoledì, quando ha rivelato di aver perso quasi $2 miliardi e ha annunciato che avrebbe venduto asset per soddisfare la domanda di prelievi. La notizia ha scatenato la paura nel settore tecnologico, poiché le start-up si sono affrettate a ritirare i loro soldi.

Perché la Silicon Valley Bank è crollata? 

Come spesso accade nelle corse agli sportelli, le preoccupazioni di cui sopra sono diventate una profezia che si autoavvera. Venerdì, la Federal Deposit Insurance Corporation ha annunciato che stava prendendo il controllo della Silicon Valley Bank, segnando il più grande fallimento bancario dalla crisi finanziaria del 2008. 

Le aziende tecnologiche con denaro depositato in banca si sono affrettate a pagare dipendenti e fornitori. La Silicon Valley Bank era in “buone condizioni finanziarie prima del 9 marzo”, secondo un ordine del Dipartimento per la protezione finanziaria e l’innovazione della California. 

È diventato insolvente dopo che investitori e depositanti hanno causato una corsa alle sue partecipazioni, ha detto l’ordine. La Silicon Valley Bank sembra aver avuto un’impronta relativamente piccola nel settore delle criptovalute. 

Storicamente, molte grandi banche hanno resistito a lavorare con società di criptovalute, data l’incertezza legale che circonda gran parte del business. Haseeb Qureshi, investitore di criptovalute presso la società di venture capital Dragonfly, ha affermato: 

“Molte start-up di criptovalute hanno avuto difficoltà a entrare a far parte della Silicon Valley Bank. Quindi la nostra esposizione è molto inferiore a quanto previsto.”

Tuttavia, c’è stata almeno un’eccezione degna di nota. Circle, una società che emette stablecoin, un fulcro nel trading di criptovalute, mantiene una parte delle sue riserve di liquidità presso la Silicon Valley Bank, secondo i suoi rendiconti finanziari. 

Dopo una giornata di frenetiche speculazioni sull’entità dell’esposizione di Circle, la società ha rivelato venerdì scorso che $3,3 miliardi dei suoi $ 40 miliardi di riserve sono rimasti alla Silicon Valley Bank. 

A differenza di altre criptovalute volatili, le stablecoin dovrebbero rimanere ancorate al prezzo di $1. L’incertezza intorno a Circle ha fatto precipitare il prezzo della sua popolare stablecoin, USDC, sotto $ 1 durante le negoziazioni di venerdì e sabato, alimentando i timori di un altro crollo del settore delle criptovalute. 

Venerdì sera, il gigantesco exchange di criptovalute Coinbase ha interrotto le conversioni tra USDC e dollari USA, citando la volatilità del mercato. 

Con l’avanzare della crisi, tuttavia, i sostenitori delle criptovalute hanno trattato il crollo della Silicon Valley Bank come un’opportunità per insistere sulle argomentazioni che hanno sostenuto dalla crisi bancaria del 2008. 

Quello sconvolgimento ha mostrato che i sistemi finanziari erano troppo centralizzati, hanno detto, il che ha contribuito a ispirare la creazione di Bitcoin.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS