HomeCriptovaluteFTX continua a spostare fondi: $145 milioni trasferiti ad exchange

FTX continua a spostare fondi: $145 milioni trasferiti ad exchange

Tra le molteplici indagini in corso, FTX continua a spostare i suoi fondi. A quanto emerge, gli indirizzi correlati al crypto exchange fallito avrebbero trasferito circa 145 milioni di dollari in stablecoin su varie piattaforme.

Inoltre, tre wallet, presumibilmente associati a FTX e alla sua controllata Alameda Research, hanno movimentato 69,64 milioni di USDT e 75,94 milioni di USDC. 

I wallet associati a FTX spostano milioni di Tether 

Come rilevato da Lookonchain in questi giorni, tre wallet associati a FTX e alla sua controllata, Alameda Research, hanno spostato 69,64 milioni di Tether (USDT) e 75,94 milioni di USD Coin (USDC).  

Le riserve di Tether sono state trasferite a wallet custodial su piattaforme come Coinbase, Binance e Kraken. Tutti i fondi in USDC sono stati trasferiti in un wallet custodial di Coinbase.

Sia FTX che Alameda sono in procinto di recuperare gli asset, poiché devono rispondere alle richieste di restituzione dei fondi a diversi gruppi di investitori. Secondo l’avvocato di FTX, Andy Dietderich, entro gennaio 2023 la travagliata piattaforma aveva già recuperato 5 miliardi di dollari in contanti e criptovalute liquide. 

Tuttavia, le passività totali superano gli 8,8 miliardi di dollari. L’ultimo aggiornamento sul caso di bancarotta di FTX giunge in seguito alla conclusione di un nuovo accordo con una società di proprietà del governo di Abu Dhabi. 

Alameda Research ha venduto la sua partecipazione residua alla società di venture capital Sequoia Capital al fondo sovrano di Abu Dhabi per 45 milioni di dollari. A marzo, Alameda Research ha intentato una causa contro Grayscale Investments presso la Court of Chancery del Delaware. 

L’azione legale mira, nello specifico, a sbloccare 9 miliardi di dollari o più di valore per gli azionisti dei Grayscale Bitcoin and Ethereum Trusts e a realizzare oltre 250 milioni di dollari di valore patrimoniale per i clienti e i creditori di FTX, secondo un comunicato.

Con l’accumularsi delle cause contro FTX, alcuni querelanti hanno richiesto il consolidamento delle cause contro l’exchange fallito. Tuttavia, l’8 marzo, un giudice ha negato la richiesta di consolidamento, sottolineando che ai convenuti non è stato ancora concesso di rispondere. 

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti, Jacqueline Corley, ha recentemente negato la richiesta di consolidare cinque proposte di azioni collettive contro FTX.

Quanto ha recuperato FTX dopo il crollo? 

Come anticipato, secondo Andy Dietderich, avvocato di FTX, il travagliato exchange di criptovalute avrebbe recuperato 5 miliardi di dollari in contanti e criptovalute liquide. Tuttavia, l’azienda sta ancora lavorando per ricostruire la cronologia delle transazioni e il deficit complessivo dei clienti è ancora poco chiaro.

Gli asset recuperati non includono quelli sequestrati dalla Securities Commission delle Bahamas, comprendenti perlopiù i token FTT dell’exchange.Inoltre, discutendo con un giudice fallimentare nel Delaware, Dietderich ha svelato che la società prevede di vendere investimenti non strategici per un valore di 4,6 miliardi di dollari. 

Questi includono filiali come LedgerX, Embed, FTX Japan e FTX Europe: tali società sono indipendenti da FTX e con conti segregati. FTX Japan ha già elaborato piani per restituire i fondi dei clienti. 

Inoltre, FTX concluderà il suo accordo di sponsorizzazione dal 2021 al 2028 con il popolare gioco League of Legends. Come precedentemente riportato, si calcola che FTX abbia 8,8 miliardi di dollari di passività totali. 

All’epoca diverse fonti avevano riportato che l’exchange possedeva asset per un valore complessivo stimato di 8 miliardi di dollari, ma la maggior parte era fortemente illiquida. In più, Sam Bankman-Fried, il fondatore di FTX, si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse penali relative al collasso dell’exchange. 

L’ufficio del procuratore per il distretto meridionale di New York ha formato una task force per rintracciare e recuperare i fondi dei clienti mancanti, nonché gestire le indagini e le azioni penali relative al crollo di FTX.

Alameda Research cede la partecipazione in Sequoia Capital per $45 milioni

Uno degli ultimi aggiornamenti sul caso della bancarotta di FTX giunge in seguito alla conclusione di un nuovo accordo tra l’exchange ed una società di proprietà del governo di Abu Dhabi. Un documento del tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto del Delaware dell’8 marzo rivela che Alameda Research, divisione di investimento dell’exchange, cederà la sua partecipazione residua nella società di venture capital Sequoia Capital al fondo sovrano di Abu Dhabi.

Secondo il documento, FTX ha deciso di stipulare l’accordo con l’acquirente sulla base della sua offerta superiore e della capacità di eseguire l’operazione di vendita in tempi brevi. Ciò avviene dopo l’interesse all’acquisto delle azioni da parte di quattro soggetti diversi.

Al Nawwar Investments RSC Limited, l’acquirente della quota di Alameda, è di proprietà del governo di Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti. Nel comunicato si legge che l’acquirente ha già investito in Sequoia.

L’operazione, del valore di 45 milioni di dollari, potrebbe essere conclusa entro il 31 marzo. Tuttavia, è soggetta all’approvazione del giudice fallimentare del Delaware, John Dorsey. Il tentativo di cedere la partecipazione residua in Sequoia Capital fa parte degli sforzi di FTX di liquidare i propri investimenti per pagare il debito con i creditori.

Dorsey è stato coinvolto in alcuni aspetti delle cause legali riguardanti FTX. Dopo la dichiarazione di fallimento iniziale, Dorsey ha concesso al crypto exchange il permesso di vendere alcuni dei suoi asset.

Tali attività includevano la piattaforma di derivati LedgerX, la piattaforma di compensazione delle azioni Embed e le filiali regionali della società, FTX Japan e FTX Europe. A gennaio 2023 è stato riferito che FTX ha recuperato oltre 5 miliardi di dollari in contanti e asset crypto liquidi.

In un caso correlato, l’8 marzo, i documenti del tribunale rivelano che Dorsey ha approvato che Voyager Digital stanzierà 445 milioni di dollari in seguito alla causa intentata da Alameda Research contro la società per il rimborso dei prestiti.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS