HomeCriptovaluteBitcoinIl prezzo di Bitcoin torna a 28.000 USD

Il prezzo di Bitcoin torna a 28.000 USD

Ieri il prezzo di Bitcoin è tornato a 28.000 USD. 

Tuttavia, alla riapertura dei mercati finanziari asiatici, ed in particolare di quelli cinesi, il prezzo è poi sceso nuovamente sotto quella soglia. 

Bitcoin: la risalita del prezzo sopra i 28.000 USD

Dieci giorni fa il prezzo di Bitcoin era attorno ai 20.000 USD, o poco sotto, a causa del fallimento di Silicon Valley Bank e della crisi del settore bancario. 

Da allora ha fatto registrare un +40%. 

Da notare che la risalita è iniziata sabato 11 marzo, ovvero a borse chiuse. Infatti il netto calo avvenuto tra il 9 ed il 10 marzo avvenne non a caso in contemporanea con un forte calo anche delle borse USA. 

Tuttavia con le borse chiuse per il weekend il prezzo di Bitcoin poté rifiatare, riportandosi prima a 21.000$ e poi anche a 22.000$, ovvero il prezzo che aveva l’8 marzo. 

Nel corso della settimana scorsa le borse USA hanno fatto un leggero rimbalzo, dovuto probabilmente all’intervento della Fed che ha impedito al settore bancario di collassare tornando ad inondare i mercati di liquidità. 

Ma mentre il rimbalzo settimanale del Nasdaq è stato solo del 5%, quello di Bitcoin è stato superiore al 30%, fino ad avvicinare i 27.000$ venerdì 17. 

Con le borse nuovamente chiuse per il weekend il prezzo di Bitcoin ha continuato la risalita iniziata una settimana prima, superando sia la soglia dei 27.000$, venerdì sera, sia quella dei 28.000$, domenica. 

Tuttavia alla riapertura in netto calo delle borse asiatiche il prezzo di Bitcoin è tornato sotto i 28.000 USD, probabilmente proprio perchè influenzato dal trend dei mercati finanziari tradizionali.

I motivi della correzione rialzista

In realtà già a metà febbraio il prezzo di Bitcoin aveva provato a sfondare il muro dei 25.000$, ma senza riuscirci. Fece addirittura quattro tentativi nel giro di una settimana, per poi tornare sotto i 24.000$. 

In quel momento sembrava pronto per un nuovo assalto, ma dal 24 febbraio tornò ad essere influenzato negativamente dalle performance dei mercati tradizionali. 

È proprio a causa delle sofferenze a livello macro dei mercati finanziari che, una volta tornato sotto i 24.000$, non è più riuscito a recuperare quella soglia fino allo scorso weekend. 

Anzi, già ad inizio maggio era stato trascinato anche sotto i 23.000$, con il calo finale avvenuto a causa della crisi del settore bancario nella seconda settimana di marzo. 

A questo punto era lecito attendersi un rimbalzo, nel caso in cui i problemi dei mercati finanziari avessero trovato una soluzione definitiva, o una soluzione tampone come quella che in effetti pare sia stata trovata.

Ma un tale ragionamento può giustificare il ritorno sopra i 24.000$, non l’abbattimento del muro dei 25.000$ e la risalita sopra i 27.000$. 

Per giustificare quest’ultima parte del trend bisogna prendere in considerazione la politica monetaria delle banche centrali. 

In particolare la Fed la settimana scorsa ha creato dal nulla 300 miliardi di dollari, annullando in un solo colpo quattro mesi di quantitative tightening. Inoltre anche altre banche centrali hanno ripreso ad inondare i mercati di liquidità, proprio per dare una mano al settore bancario, in crisi un po’ dappertutto a causa soprattutto dei tassi di interesse elevati. 

Un tale comportamento ha indotto molti investitori a ritenere Bitcoin un potenziale buon investimento in questo periodo, dato oltretutto che il suo prezzo non sembra ancora particolarmente alto. 

Il livello attuale

Il livello attuale di riferimento sono proprio i 28.000 USD, dato che il prezzo di Bitcoin sta oscillando proprio attorno a quella soglia. 

Si tratta di un livello che non si vedeva dal 12 giugno 2022, e che fu toccato anche a metà maggio dello stesso anno durante il crollo dovuto all’implosione dell’ecosistema Terra/Luna

Proprio per questo motivo la principale soglia di attenzione in questo momento sembrano essere i 29.000$ che mantenne per qualche giorno tra la metà di maggio e l’inizio di giugno, ovvero prima del fallimento di Celsius. In quei giorni il minimo fu di 28.500$, mentre il massimo di 31.800$. 

Tra l’altro, 28.800$ fu anche il picco minimo toccato a giugno 2021 dopo il crollo momentaneo in piena bullrun dovuto al ban cinese sul mining. Gli altri due picchi minimi del 2021 furono i 29.300$ del 19 luglio, ed i 30.000$ del 17 maggio.

 

Image credits given by Cryptowallet.com

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS