HomeCriptovaluteIl nuovo Bot di Telegram per gli exchange crypto dell'UE: aiuterà a...

Il nuovo Bot di Telegram per gli exchange crypto dell’UE: aiuterà a rispettare le regole AML e KYC

VAF Compliance, specialista in antiriciclaggio di denaro (AML), ha lanciato un nuovo Bot di Telegram che consente alle aziende crypto di conformarsi alle regole AML e Know Your Customer man mano che entrano in vigore maggiori normative globali sulle licenze. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste. 

Il nuovo Bot di Telegram a sostegno delle crypto: i dettagli 

Il nuovo Bot di Telegram per gli exchange crypto è compatibile con più blockchain, offrendo assistenza sia in inglese che in cinese. Nello specifico, il servizio giudicherà i rischi delle aziende che accettano fondi di criptovaluta contaminati utilizzando un elenco crescente di indirizzi di portafogli sanzionati. 

Secondo la società con sede a Dubai, le aziende possono pagare commissioni per i rapporti sulle transazioni su più blockchain. VAF ha, inoltre, recentemente assegnato all’exchange di criptovalute Huobi un rating C per le transazioni che coinvolgono un portafoglio di cluster collegato al terrorismo e agli abusi sui minori. 

Non solo, i senatori statunitensi il mese scorso hanno accusato Binance, il più grande exchange di criptovalute del mondo, di essere un “focolaio di attività illegali”. Dunque, gli strumenti antiriciclaggio come il bot di VAF possono aiutare le società crittografiche nell’Unione europea e a Hong Kong a conformarsi alla legislazione in arrivo.

Notabene, una società che aiuta le società di portafogli di criptovalute a conformarsi alla Travel Rule della Financial Action Task Force, che nel 2019 è cresciuta fino a includere transazioni crittografiche, ha favorito l’approccio adottato dai legislatori europei. 

Nello specifico, quando questi hanno applicato la Travel Rule alle criptovalute nella loro imminente proposta di legge Markets in Crypto-Assets. Recentemente Lana Schwartzman ha infatti dichiarato a BeInCrypto quanto segue: 

“Erano aperti e si sono mossi rapidamente.” 

Secondo Schwartzman, capo della regolamentazione e della conformità di Notabene, le nuove regole danno all’industria un periodo di ‘grazia’ per conformarsi. Il sottoinsieme delle regole di trasferimento di fondi di MiCA richiede controlli di identità a entrambe le estremità di un trasferimento crittografico. 

Secondo Alice Nawfal, COO di Notabene, gli Stati Uniti potrebbero utilizzare la strategia del MiCA e sviluppare la conformità in materia di riciclaggio di denaro incontrando l’industria.

Il disegno di legge MiCA, concordato dai legislatori europei nell’ottobre 2022, sarà votato dal Consiglio dell’UE alla fine di questo mese. 

Il servizio Telegram Bot valuta i rischi associati all’accettazione delle crypto come pagamento

La soluzione innovativa del Bot Telegram per gli exchange crypto è l’ultima aggiunta alla suite di servizi di conformità di VAF Compliance, che include responsabili della conformità esternalizzati e monitoraggio delle transazioni.

Ormai, il settore finanziario ha subito un cambiamento di trasformazione con l’avvento delle criptovalute e della tecnologia blockchain. Tuttavia, sebbene queste innovazioni abbiano portato trasparenza e decentralizzazione, la conformità rimane una sfida significativa che potrebbe minare il potenziale del settore. 

Sotto questo punto di vista, gli exchange di criptovalute sono particolarmente vulnerabili ai problemi di conformità. Dunque, per mantenerla è essenziale l’implementazione di solide politiche Know Your Customer (KYC) e Anti-Money Laundering (AML). 

Non solo, i recenti scandali nel settore delle criptovalute, come il crollo di FTX e Terra/Luna, hanno portato a un maggiore controllo legale e a un costante aumento degli indirizzi di portafogli personali inclusi come identificatori di sanzioni. 

Secondo un rapporto di Chainalysis, infatti, l’OFAC ha imposto sanzioni a due cittadini iraniani associati al ceppo ransomware SamSam, designando i loro indirizzi Bitcoin come identificatori nelle voci dell’elenco SDN. 

Inoltre, il numero di indirizzi di portafogli personali inclusi come identificatori di sanzioni è aumentato costantemente dal 2018. Purtroppo, sebbene le recenti sanzioni contro le entità che forniscono servizi di riciclaggio di denaro ai criminali abbiano avuto un impatto positivo, è ancora possibile trovare servizi di riciclaggio di denaro alternativi. 

In questo senso, Telegram Bot di VAF Compliance può aiutare i singoli clienti e le piccole imprese a evitare situazioni in cui potrebbero accettare inconsapevolmente fondi contaminati. 

Con questo servizio, VAF Compliance mira a democratizzare l’accesso alle soluzioni AML a tutti gli utenti, che ora possono valutare i rischi prima di accettare criptovalute, ricevere un rapporto chiaro e intuitivo, comprendere i rischi associati all’interazione con altri portafogli e impedire la ricezione di crypto con origini criminali.

Lo studio di VAF Compliance sull’exchange crypto Huobi 

Oltre al lancio del servizio Telegram Bot, VAF Compliance ha recentemente condotto uno studio sull’exchange crypto Huobi. Quest’ultimo, ha ricevuto un rating C basato sulle transazioni dal portafoglio cluster con indirizzi categorizzati relativi ad abusi sui minori, finanziamento del terrorismo e sanzioni OFAC, tra gli altri.

Essendo della regione e per la regione, la conformità VAF può sicuramente aiutare le aziende a evitare tali situazioni sfavorevoli, mentre le normative crittografiche degli Emirati Arabi Uniti gettano le basi per un futuro prospero nello spazio blockchain e crittografico. 

Durante l’analisi, VAF Compliance ha utilizzato un software di indagine sugli asset virtuali e informazioni blockchain pubblicamente disponibili per identificare e confermare con successo l’origine e la destinazione dei fondi. 

Di conseguenza, il report include i saldi del portafoglio, il flusso delle transazioni e la misura in cui il cluster del portafoglio specifico è esposto a vari indirizzi. Il caso dimostra in particolare come VAF Compliance possa rilevare difetti e rischi nelle operazioni degli exchange di criptovalute e aiutare le istituzioni a interagire in sicurezza con i portafogli crittografici. 

Tutto questo attraverso uno screening approfondito dei prelievi e dei depositi associati a questi portafogli per potenziali rischi di riciclaggio di denaro e sanzioni.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS