HomeCriptovaluteStablecoin: la crypto di Tether va all'università

Stablecoin: la crypto di Tether va all’università

Ieri la principale emittente di stablecoin al mondo, Tether, ha annunciato una partnership con la Business & Technology University (BTU) per sviluppare programmi educativi relativi a blockchain, crypto e tecnologie peer-to-peer.

La Business & Technology University ha sede a Tbilisi, in Georgia, ed è una delle migliori istituzioni del Paese. 

Tether sarà coinvolta nello sviluppo di corsi su argomenti come Bitcoin, stablecoin, ed altre tecnologie che promuovono la libertà finanziaria e la libertà di parola.

Nello specifico il programma includerà otto conferenze di esperti blockchain locali ed internazionali, docenti ospiti ed un progetto finale.

Inoltre la collaborazione prevederà anche la facilitazione delle opportunità di stage per gli studenti dell’università presso aziende dell’ecosistema blockchain.

Tether: l’università tra crypto e stablecoin

BTU è un’università tecnologica che offre ai georgiani una vasta gamma di programmi universitari in campi come ingegneria, informatica e business. 

L’obiettivo dell’università quello di fornire ai suoi studenti abilità e conoscenze pratiche che possano consentire loro di prosperare nella moderna economia digitale.

A livello globale non sono molte le università che offrono già corsi dedicati alle nuove tecnologie basate su blockchain, e spesso si limitano a fornire formazione teorica a riguardo. 

Il fatto è che invece il mercato del lavoro ha bisogno di esperti in materia, anche se spesso per essere veramente esperti tanto da interessare al reale mercato del lavoro, in questo settore conta più l’esperienza sul campo che la formazione. 

Attualmente c’è ancora un forte squilibrio tra offerta di lavoro in questo settore e domanda proveniente da personale specializzato, tanto che quest’ultimo può arrivare a chiedere stipendi anche decisamente interessanti per lasciarsi assumere. 

Le università dovrebbero colmare questa lacuna, ma non possono limitarsi a farlo fornendo conoscenze teoriche. 

Per questo motivo è molto importante che oltre ai classici corsi tenuti da docenti universitari gli studenti abbiano la possiblità di toccare con mano queste tecnologie facendosele spiegare da chi opera sul campo da anni. 

Crypto e stablecoin: il corso di BTU in partnership con Tether

Nello specifico, il programma di BTU in partnership con Tether si svolgerà in collaborazione con la piattaforma locale di educazione digitale Academy of Digital Industry, ed il maggiore spazio di co-working del Paese, Terminal.

Il corso durerà un mese, e sarà simile alla scuola estiva Plan B che Tether organizza già a Lugano, in Svizzera. 

In particolare è progettato proprio per fornire agli studenti esperienza e conoscenza pratica, in un settore in cui l’esperienza spesso finisce per contare più della formazione stessa. 

I relatori internazionali terranno le loro lezioni introduttive in inglese, ma la maggior parte delle lezioni sarà tenuta in lingua georgiana. 

I Paesi emergenti

La Georgia non è certo famosa per avere un panorama blockchain già affermato a livello internazionale. 

Tuttavia non sono pochi i georgiani che sarebbero disposti ad andare a lavorare per un certo periodo anche all’estero, pur di ottenere risultati interessanti.

Oltretutto spesso nei Paesi emergenti è un po’ più facile sperimentare cose davvero nuove, perchè non si parte da un forte sistema già ampiamente cristallizzato, come ad esempio quello finanziario tradizionale nei paesi avanzati. 

Quindi per i Paesi emergenti queste nuove tecnologie sono una vera e propria opportunità che non è particolarmente difficile da cogliere, proprio in virtù del fatto che ormai al giorno d’oggi il mercato del lavoro digitale è globale. 

Basti dire che il CTO di Tether, Paolo Ardoino, è italiano, mentre Tether è una società internazionale con sedi distribuite al cui vertice ci sono anche un’olandese e un canadese.

L’Italia non è certo un Paese all’avanguardia nel mondo tecnologico, ma questo non ha impedito ad Ardoino, Devasini e Van der Velde di portare Tether ai vertici mondiali. 

I commenti sulla nuova collaborazione

Il rettore di BTU, professor Nino Enukidze, ha dichiarato: 

“La nostra collaborazione con Tether è un passo importante verso lo sviluppo di un ecosistema educativo blockchain in Georgia. Riteniamo che questa collaborazione creerà per i nostri studenti l’opportunità di imparare da esperti del settore ed acquisire competenze pratiche per consentire loro di contribuire allo sviluppo dell’economia digitale”.

Il CTO di Tether, Paolo Ardoino, ha commentato dicendo: 

“Siamo entusiasti di lavorare con BTU per aiutare a promuovere la prossima generazione di esperti di blockchain. Tether si impegna a sostenere l’istruzione ed il mondo accademico, e questa collaborazione con BTU è un’eccellente opportunità per coinvolgere gli studenti nella regione. Questo è solo l’inizio dei nostri sforzi in Georgia e non vediamo l’ora di annunciare altre iniziative nel prossimo futuro”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS