HomeCriptovaluteStable CoinMarket cap di Tether vicino ai massimi storici, mentre la supply dei...

Market cap di Tether vicino ai massimi storici, mentre la supply dei token ERC-20 rimane invariata da oltre un anno

Buone notizie per Tether, società che gestisce l’emissione della stablecoin USDT, che sta conquistando sempre più quote di mercato confermandosi come leader del settore, fatta eccezione per il mondo dei token ERC-20 dove l’attività rimane piatta.

La capitalizzazione di mercato di USDT si sta avvicinando a nuovi massimi storici annullando di fatto le perdite registrate durante il bear market, ma contemporaneamente è possibile osservare che sulla blockchain di Ethereum la supply della stablecoin è rimasta invariata da oltre un anno: che sta succedendo?

Lo scopriamo insieme in questo articolo

La capitalizzazione di mercato di Tether si dirige verso nuovi massimi storici

Tether, la società con sede legale alle Isole Vergini britanniche che regola e controlla l’emissione di nuovi USDT, rafforza ancora di più la sua posizione nel settore delle stablecoin e si prepara a registrare nuovi record, ma non per quanto riguarda il mercato dei token ERC-20.

A partire dall’inizio del 2023, nel bel mezzo della crisi bancaria statunitense che ha visto il fallimento di istituzioni come la Silicon Valley Bank, la supply della crypto USDT è salita da 66,2 miliardi di dollari agli attuali 82,9 miliardi, avvicinandosi sempre di più all’ATH di Maggio 2022.

Ricordiamo che quando nel caso delle stablecoin il rifornimento circolante coincide con la capitalizzazione di mercato, fermo restando che il token in questione abbia un prezzo pari ad 1 dollaro e non ci siano depeg in corso.

Ciò significa che, nel caso di una copertura al 100% con asset liquidi (come accade in Tether),  più stablecoin vengono mintate ed emesse sul mercato più controvalore viene immagazzinato nella società che le emette.

tether usdt erc-20


Tether sti sta approcciando a registrare la supply più alta di sempre che suggerirebbe la possibilità di un’iniezione di liquidità sui mercati, ma contemporaneamente i prezzi della maggior parte degli asset crypto rimangono bassi così come i volumi di scambio in USDT su mercati centralizzati e non.

A tal proposito USDT mantiene la propria egemonia solo sui CEX come Binance, Coinbase, Okx e Bybit, ma ricopre ancora un ruolo marginale sui DEX del mondo DeFi, con un market share del 20%, dove vige il primato di Circle e della sua crypto USDC.

Le altre stablecoin che attualmente competono con Tether sono DAI, TUSD e BUSD ma coprono complessivamente un capitalizzazione di poco superiore ai 12 miliardi di dollari, ben distanti dalla testa di serie.

BUSD potrebbe facilmente perdere la sua restante quota di mercato dopo che la SEC ha ordinato a Paxos di smettere di emettere la stablecoin di proprietà di Binance. in conformità alle indicazioni e al coordinamento con il New York Department of Financial Services (NYDFS).

L’exchange di Changpeng Zhao come controrisposta sta spingendo la stablecoin TUSD con sconti sulle fees di trading e promozioni, molto probabilmente con l’intento di rimpiazzare BUSD che purtroppo ha i giorni contati.

Tether non emerge nel mondo dei token ERC-20 nonostante la capitalizzazione stia per toccare nuovi massimi storici

Nonostante Tether stia mostrando i muscoli nei confronti dei suoi principali competitor e si prepara a registrare la capitalizzazione di mercato più alta di sempre, nel comparto della blockchain di Ethereum e dei token ERC-20 la supply di USDT è rimasta piatta nell’ultimo anno.

Complessivamente la tendenza rimane positiva visto che dall’anno scorso le altre stable come USDC, BUSD e DAI hanno perso molta supply su Ethereum con una fuga di quasi 32 miliardi di dollari.

Nel dettaglio, a maggio 2022 la supply di Teher ammontava a 36,82 miliardi di dollari mentre oggi risulta essere pari a 36,28 miliardi di dollari. Nello stesso periodo, se guardiamo tutte le blockchain esistenti, USDT è cresciuto di 5 miliardi di dollari mentre tutto il settore stablecoin ha perso 28 miliardi di dollari.



Vedendo i dati da quest’ottica il fatto che USDT su Ethereum abbia fatto pochi progressi risulta meno grave di quanto si potesse pensare inizialmente. 

Tuttavia, rimane sempre un dubbio: dove si è svolta la crescita di Tether se non sugli ERC-20?

Essendo Tether una compagnia più orientata agli scambi off-shore piuttosto che all’utilizzo del proprio prodotto in ambienti DeFi, appare più sensato il fatto che su Ethereum non ci sia lo stesso interesse che ripone Circle con USDC.

In tal senso, la crescita di supply, e conseguentemente di capitalizzazione, è avvenuta sulla rete Tron dove vivono la maggior parte degli USDT, pari a 42.3 miliardi di dollari.

Binance ed Okx possiedono i più grandi saldi di USDT sulla blockchain di Justin Sun, suggerendo che le whale e i market maker preferiscono questa rete per i bassi costi di commissione.

Complessivamente Ethereum e Tron inglobano circa il 90% della supply di Tether, mentre il restante 10% è diviso tra la BNB Chain, Solana, Omni, Avalanche, Polygon, Arbitrum, Algorand e Fantom.

tether usdt erc-20

I numeri della DeFi e delle stablecoin su Tron

Sebbene la rete Tron sia la preferita dai grossi investitori per gli scambi off-shore, anche nel mondo DeFi registra numeri importanti attestandosi come seconda blockchain per TVL (Total Value Locked) nei protocolli decentralizzati.

Nei contratti di Tron girano attualmente 5,73 miliardi di dollari, con valori inferiori solo a quelli di Ethereum, nonostante non ci sia una grande numero di progetti sviluppati su questa rete.

Di fatto nei primi tre protocolli su Tron, ovvero JustLend, JustStables e Sun c’è praticamente il 99% di tutto il TVL della chain.

L’infrastruttura di Justin Sun, fondatore della Tron Foundation e dell’exchange di criptovalute Huobi, lavora per oltre il 64% sui prestiti decentralizzati della piattaforma JustLend in cui è possibile mettere in staking e prendere in prestito asset come USDT, USDC, TUSD,TRX, SUN, BTT e molti altri ancora.

La seconda piattaforma per TVL è JustStables dove avviene il minting della stabelcoin nativa di Tron, ovvero USDD che ha una marketcap di 736 milioni di dollari.

Le stable rappresentano il focus principale di questa rete, dove non ci sono altri protocolli interessanti da segnalare al di fuori di quelli citati. 

Infatti, nonostante Tron abbia un alto TVL, non ha un grande potenziale DeFi e spesso viene poco utilizzata, proprio per la scarsità di progetti all’interno dell’ecosistema e delle poche opportunità che offre al di fuorì della nicchia del crypto lending.

Come mai, però, girano tanti capitali su Tron se è una blockchain così poco utilizzata (al di fuori del mercato off-shore)? 

La risposta probabilmente sta nel suo fondatore Justin Sun, che finanzia la sua rete con i propri capitali, rendendola poco decentralizzata.

Basti pensare al fatto che i primi 3 protocolli della chain rimandano al suo nome, cosa che fa pensare a delle manie di protagonismo del trentenne multimiliardario.

A sostegno di questa tesi possiamo vedere come a partire dal 2022, anno in cui è iniziato il bear market ed i capitali hanno iniziato ad uscire dai mercati crypto e dal settore DeFi, il TVL su Tron è rimasto quasi invariato, probabilmente proprio perché la maggioranza del denaro che vi è all’interno appartiene al suo fondatore.

Se così non fosse, una situazione del genere in cui i market maker riducono il proprio rischio su chain come quella di Ethereum mentre mantengono invariate le proprie posizioni su Tron, sarebbe davvero strana.

Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS