Il piano di riorganizzazione di Celsius: convertire le altcoin in Bitcoin ed Ethereum
Il piano di riorganizzazione di Celsius: convertire le altcoin in Bitcoin ed Ethereum
Criptovalute

Il piano di riorganizzazione di Celsius: convertire le altcoin in Bitcoin ed Ethereum

By Alessia Pannone - 16 Giu 2023

Chevron down

In base alle ultime notizie, sembra che Celsius stia attuando un piano di riorganizzazione che prevede la conversione delle sue posizioni in altcoin nei due principali asset digitali, Bitcoin ed Ethereum. 

La notizia viene riportata anche su Twitter: 

Celsius venderà tutti gli altcoin di tutti i clienti (tranne i conti Custody e Withhold) a partire dal 1° luglio e li convertirà in Bitcoin ed Ethereum.” 

Ciò al fine di affrontare le crescenti preoccupazioni normative e massimizzare il valore delle sue risorse. 

Vediamo nei dettagli cosa sta succedendo. 

I piani di Celsius per il futuro: coinvolti Bitcoin ed Ethereum 

Il prestatore di criptovalute Celsius, che è attualmente coinvolto in una procedura di fallimento, ha recentemente presentato una revisione della sua dichiarazione di fallimento. 

Nello specifico, questa revisione è stata presentata in attesa dell’approvazione da parte di un tribunale fallimentare di New York, dopo che Celsius ha raggiunto un accordo di acquisizione di successo con il consorzio crittografico Fahrenheit. 

La presentazione del piano di riorganizzazione da parte del prestatore di criptovalute è avvenuta il 15 giugno. Il nuovo piano di risanamento mira a gestire le perdite dei clienti al dettaglio attraverso il concetto di trattamento di compensazione. 

Il concetto di “trattamento di compensazione” si riferisce al processo di confronto tra le perdite e i profitti di un determinato anno.

Dunque, le perdite che non possono essere compensate con il reddito in un anno possono essere riportate e compensate con il reddito negli anni successivi.

Il “trattamento di compensazione”: cos’è e come funziona?

A tal proposito, un utente di Twitter ha spiegato il funzionamento del trattamento di compensazione in base alla parte del prestito che viene restituita, come si legge: 

“Puoi fornire un esempio di vernice per numeri per noi trascinatori di nocche? Non conosciamo tutti quei termini fantasiosi come offset. Ma possiamo seguire una palla che rimbalza. Ad esempio, hanno depositato 2 BTC del valore di 100k, prendono un ltv del 25%, cosa succede?” 

Tuttavia, secondo David Adler dello studio legale McCarter & English, la proposta di ristrutturazione di Celsius potrebbe incontrare resistenza da parte dei mutuatari. 

Infatti, egli ha notato che il debitore, cioè Celsius, sta richiedendo il rimborso dei prestiti, ma non sta adempiendo ai propri obblighi contrattuali, come restituire la garanzia ai mutuatari. 

Questo potrebbe suscitare opposizione da parte dei mutuatari, ha dunque conseguito: 

“Ai sensi del Piano, i Debitori hanno scelto di trattare i Crediti di prestito al dettaglio attraverso il Trattamento di compensazione. Vedi le foto qui sotto. Sebbene i Debitori richiedano il rimborso dei prestiti (ossia esigano prestazioni da parte dei Debitori), i Debitori non hanno alcuna intenzione di adempiere ai loro obblighi contrattuali (vale a dire restituire la garanzia ai mutuatari). Questo “trattamento” proposto viola ogni legge sul prestito al consumo là fuori (statale, federale) e il gruppo ad hoc del mutuatario si opporrà a questo piano.” 

Inoltre, Celsius ha presentato una richiesta per nominare Chris Ferraro come rappresentante straniero per gestire i regolamenti sull’insolvenza transfrontaliera presso un tribunale nel Regno Unito. 

Questa mossa mira a proteggere le attività della società nel Regno Unito e ad avere il Chapter 11 degli Stati Uniti riconosciuto come il principale processo estero per una risoluzione globale.

Come sappiamo, il 13 giugno 2022, Celsius ha sospeso i prelievi a seguito di cattivi investimenti e dell’impatto del crollo dell’ecosistema Terra sulle criptovalute.

Celsius avvia il processo di ritiro del suo Lido Staked ETH (stETH)

Di recente, Celsius ha cercato di recuperare il proprio Ether Staked (ETH) dalla piattaforma di staking liquida Lido, che ha recentemente consentito i prelievi.

Dunque, Celsius ha avviato il processo di ritiro del suo Ether Staked tramite il protocollo Lido. Secondo i dati delle transazioni, la società ha richiesto il ritiro di 428.084 token stETH in lotti da 1.000.

Attualmente, il valore di questa scorta è stimato intorno a $784,7 milioni. Questo movimento segue un’operazione simile di ritiro di stETH effettuata il 15 maggio come preparazione per questa fase.

Una volta completato il processo di prelievo, Celsius riceverà l’equivalente in Ether, mentre i token stETH verranno bruciati da Lido.

Secondo Dune Analytics, la quantità totale di stETH in coda per il prelievo è di 442.000 da 141 richieste. Questa quantità ha un valore approssimativo di $808 milioni, anche se la maggior parte di essa è dovuta a Celsius. 

Finora, sono stati elaborati 629 ETH, secondo Dune. Il 16 maggio, Lido ha dichiarato di avere abbastanza Ether nei propri buffer per gestire le richieste di prelievo.

Tuttavia, se il numero di richieste di prelievo di Ether da parte di Celsius su Lido dovesse aumentare, potrebbe influire sulla coda di prelievo della rete, poiché questo è un processo dinamico. 

Lido è attualmente il principale fornitore di staking, con una quota di mercato di quasi il 30%. Di conseguenza, se ci sono molte richieste in attesa, potrebbe richiedere del tempo a Celsius per riottenere i suoi ETH.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.