HomeCriptovaluteL’exchange crypto in rotta di fallimento FTX torna a far parlare di...

L’exchange crypto in rotta di fallimento FTX torna a far parlare di sé

L’ecosistema crypto è stato scosso dalla sorprendente caduta di FTX, l’exchange di crypto un tempo di primo piano. 

L’ultima causa contro il cofondatore Sam Bankman-Fried e gli ex dirigenti ha fatto luce sulle scioccanti accuse di frode massiccia e transazioni discutibili che hanno afflitto la società. 

FTX sta ora cercando di recuperare milioni di dollari in contanti e di sciogliere oltre 1,5 miliardi di dollari in transazioni potenzialmente dubbie.

A far luce a nuove questioni della causa dell’exchange di crypto FTX sono gli ex dirigenti di Alameda Research 

Una delle rivelazioni chiave della causa è la stima fatta da Caroline Ellison, ex co-direttrice esecutiva dell’hedge fund affiliato Alameda Research, di uno sconcertante deficit di cassa di 14,8 miliardi di dollari presso FTX.com circa otto mesi prima del crollo dell’exchange di criptovalute. 

Questa rivelazione da sola dipinge un quadro desolante della cattiva gestione finanziaria e dei potenziali illeciti all’interno della società.

Un’altra affermazione allarmante contenuta nella causa è che Bankman-Fried e l’ex chief technology officer di FTX, Gary Wang, hanno preso da Alameda ben 811 milioni di dollari nel maggio 2022, presumibilmente per acquistare azioni di Robinhood Markets

Una mossa del genere solleva seri interrogativi sui conflitti di interesse e sul possibile auto-tradimento dei massimi dirigenti di FTX.

Forse la rivelazione più distopica della causa riguarda le attività della FTX Foundation, il braccio no-profit di FTX. 

La causa sostiene che la fondazione ha perseguito progetti non solo sbagliati, ma a volte persino inquietantemente distopici. In uno scioccante scambio di memorie tra un funzionario della fondazione e il fratello di Sam Bankman-Fried, Gabriel Bankman-Fried, viene illustrato un piano per l’acquisto della minuscola isola di Nauru e la costruzione di un bunker.

Secondo la nota, lo scopo dell’acquisto di Nauru era quello di garantire la sopravvivenza dei membri del movimento dell’altruismo efficace nel caso di uno scenario catastrofico in cui metà o più della popolazione mondiale fosse morta. 

L’altruismo effettivo è una filosofia a cui Sam Bankman-Fried ha aderito pubblicamente e il memo ha rivelato l’intenzione della fondazione di utilizzare Nauru come rifugio. 

Tuttavia, è stato anche suggerito che potrebbero esserci altri usi per un Paese sovrano, alludendo a possibili secondi fini dietro l’acquisto dell’isola.

Ancora una volta si conferma un giro di soldi immenso nelle mani dei dirigenti di FTX e Alameda 

Anche Caroline Ellison, l’ex amministratore delegato di Alameda, si trova profondamente coinvolta nello scandalo. 

La causa sostiene che si sia concessa un bonus da 33,4 milioni di dollari nel periodo in cui ha stimato l’enorme deficit di cassa di FTX.com nel marzo 2022. 

Inoltre, è accusata di aver effettuato trasferimenti contorti per depositare 10 milioni di dollari da Alameda sul suo conto FTX, una parte dei quali è finita sul suo conto bancario personale.

Ellison avrebbe anche sottratto fondi in diverse occasioni per concedersi bonus esorbitanti, aggravando ulteriormente la rete di cattiva condotta che circonda l’azienda.

Caroline Ellison si dichiara colpevole ed è pronta a testimoniare

In una svolta inaspettata, Caroline Ellison avrebbe accettato di dichiararsi colpevole per il suo ruolo nel crollo di FTX e si sarebbe offerta di testimoniare contro Sam Bankman-Fried. 

La sua confessione aggiunge peso alla gravità delle accuse e potrebbe rivelarsi cruciale per svelare l’intera portata delle malefatte all’interno di FTX.

Inoltre, la denuncia descrive come la cerchia ristretta di Bankman-Fried abbia goduto di privilegi speciali e abbia beneficiato di abusi di potere all’interno dell’azienda. 

Nishad Singh, ex direttore tecnico di FTX, avrebbe ricevuto un trasferimento fraudolento di circa 708 milioni di dollari di azioni ordinarie di FTX senza fornire nulla in cambio. 

Inoltre, lo stesso Sam Bankman-Fried è accusato di essersi concesso diritti su oltre 6 milioni di dollari in azioni senza alcun pagamento corrispondente.

Le preoccupanti rivelazioni emerse dalla causa di FTX Trading sono un monito per l’industria delle criptovalute, che negli ultimi anni è stata sottoposta a un maggiore controllo. 

Gli investitori e le autorità di regolamentazione sono sempre più attenti alle potenziali frodi e alla cattiva gestione dello spazio crittografico e il fallimento di FTX evidenzia l’importanza della trasparenza, della responsabilità e del rispetto di pratiche commerciali etiche.

Con l’evolversi dei procedimenti giudiziari e l’emergere di ulteriori dettagli, verrà svelata l’intera portata della presunta frode e della cattiva condotta di FTX. 

La comunità delle criptovalute deve trarre da questi eventi una lezione cruciale e sforzarsi di implementare salvaguardie più forti per prevenire tali abusi in futuro. 

Solo attraverso una rigorosa supervisione e l’adesione a standard etici il settore delle criptovalute potrà riguadagnare fiducia e credibilità tra gli investitori e il pubblico.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS