HomeCriptovaluteCoinbase: dalle battaglie legali dell’exchange con la SEC all'approvazione delle autorità di...

Coinbase: dalle battaglie legali dell’exchange con la SEC all’approvazione delle autorità di regolamentazione, una nuova era per la supervisione delle crypto

Lo scontro tra tecnologie finanziarie innovative e quadri normativi tradizionali ha spesso portato a incertezze e battaglie legali, in questo contesto, Coinbase, uno dei principali operatori nel settore degli exchange crypto, è riuscita a realizzare un’impresa notevole: ottenere l’approvazione della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) come commerciante di futures (FCM). 

Questo importante passo non solo distingue Coinbase come pioniere dell’industria delle criptovalute, ma ha anche implicazioni per il più ampio panorama normativo e per lo status delle criptovalute come l’etere come materie prime.

Le battaglie legali con la SEC non finiscono ma l’exchange crypto Coinbase raggiunge un traguardo importante

Sebbene Coinbase sia ancora coinvolta in una disputa legale con la Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense in merito al suo status di exchange, il suo riconoscimento come FCM registrato rappresenta un passo significativo verso l’accettazione normativa. 

In un settore affamato di controlli strutturati, questo sviluppo indica un potenziale percorso per altre entità cripto-native per ottenere il riconoscimento normativo degli Stati Uniti. La designazione di FCM è simile a quella di un broker-dealer registrato dalla SEC, una distinzione che svolge un ruolo vitale nel cuore del trading di derivati negli Stati Uniti.

L’importanza del nuovo status di FCM di Coinbase va oltre il suo significato superficiale. È un simbolo di legittimità e una testimonianza dell’impegno dell’azienda nell’istituire sistemi solidi per il capitale, la divulgazione, la tenuta dei registri e la salvaguardia dei fondi dei clienti. 

Dan Davis, ex consulente generale della CFTC, ha osservato che ottenere una registrazione di questo tipo non è un’impresa da poco e richiede una rigorosa osservanza dei severi requisiti normativi. Il fatto che Coinbase sia riuscita a soddisfare questi requisiti sottolinea la sua dedizione a operare in conformità con le aspettative normative.

L’approvazione dello status di FCM di Coinbase è avvenuta sotto la supervisione della National Futures Association (NFA), un’organizzazione finanziata dall’industria e responsabile della revisione delle registrazioni e dell’applicazione degli standard sotto l’autorità della CFTC. 

Tuttavia, la stessa agenzia per i derivati ha svolto un ruolo fondamentale nella valutazione della richiesta di Coinbase, a causa della sua natura intricata, nuova e potenzialmente controversa. 

Questa mossa evidenzia un netto contrasto tra gli approcci della CFTC e della SEC nell’affrontare le sfide poste dal settore delle criptovalute.

La differenza dei diversi approcci della SEC e della CFTC

Justin Slaughter, che ha maturato esperienza in entrambi gli organismi di regolamentazione, ha evidenziato le divergenze di approccio tra la CFTC e la SEC. 

Mentre la CFTC si è concentrata sull’accoglienza di un importante attore del settore crypto attraverso l’approvazione normativa, la SEC ha adottato un approccio più contraddittorio, ricorrendo ad azioni legali contro numerose entità.

Questa differenza di posizione riflette un più ampio divario nella filosofia normativa, in cui un organismo cerca di promuovere l’innovazione mentre l’altro è alle prese con timori e incertezze.

Al di là del significato immediato per Coinbase, questo step della regolamentazione ha anche implicazioni per la categorizzazione delle criptovalute, in particolare dell’etere (ETH). 

La decisione della CFTC di concedere a Coinbase la capacità di gestire i futures su bitcoin (BTC) ed ether non solo legittima le operazioni di Coinbase su questi asset, ma rafforza anche la tesi secondo cui l’ether può essere classificato come una commodity piuttosto che come un titolo. 

Ciò può potenzialmente alleviare il severo onere normativo che sarebbe imposto se l’etere fosse considerato un titolo dalla SEC.

L’approvazione di Coinbase come FCM accende ulteriormente il dibattito sullo status normativo dell’etere. I sostenitori della classificazione dell’etere come commodity hanno trovato motivo di ottimismo nel riconoscimento da parte della CFTC del ruolo di Coinbase nel facilitare i futures sull’etere. 

Questo sviluppo dà credito all’idea che l’utilità e la natura decentralizzata dell’ether si allineino più strettamente alle commodity, come i metalli preziosi o i prodotti agricoli, che ai titoli tradizionali.

Le implicazioni della decisione sono duplici

Le implicazioni di questa novità sono duplici. Da un lato, il traguardo raggiunto da Coinbase segnala un approccio progressivo alla regolamentazione del settore delle criptovalute, creando un precedente per altre aziende in cerca di un riconoscimento normativo. 

Dall’altro lato, il riconoscimento del potenziale status di commodity dell’ether funge da sottile contrapposizione alla giurisdizione normativa della SEC sull’asset. Mentre la SEC è alle prese con la sua battaglia legale contro Coinbase, l’approvazione da parte della CFTC delle attività della società con i futures sull’etere offre un barlume di speranza ai sostenitori di un ambiente normativo meno oneroso.

La battaglia con la SEC non finisce, ma questo ultimo aggiornamento può cambiare le cose per il crypto exchange Coinbase?

Brent Xu, CEO e co-fondatore di Umee, osserva che la decisione della CFTC rappresenta una battuta d’arresto per la SEC. 

Mentre la SEC continua la sua crociata legale contro Coinbase, il riconoscimento della CFTC etichetta essenzialmente Coinbase come un attore legittimo nel panorama finanziario statunitense. Questa dicotomia tra gli organismi di regolamentazione sottolinea un crescente divario nel loro approccio al complesso mondo delle criptovalute.

Le recenti azioni esecutive della SEC nei confronti di Coinbase e Binance, che hanno denunciato violazioni della legge statunitense sui titoli, hanno alimentato una battaglia legale su più fronti in merito alla classificazione dei titoli crittografici non registrati e alla legalità di alcuni scambi. 

L’accettazione di Coinbase come FCM da parte della CFTC non rafforza direttamente le difese legali di Coinbase contro le accuse della SEC. 

Tuttavia, il messaggio che invia è chiaro: afferma che una società cripto-nativa può navigare con successo nell’intricato panorama normativo e ottenere uno status prestigioso che rispecchia quello delle istituzioni finanziarie consolidate.

Zachary Townsend, cofondatore e CEO di Meanwhile, sostiene che le azioni della CFTC mettono in evidenza la posizione fuori dal coro della SEC. 

Le idee della SEC in contrasto con le altre autorità di regolamentazione

La disponibilità della CFTC a integrare un’entità crypto-nativa nei ranghi delle imprese tradizionali è in netto contrasto con l’approccio più avverso della SEC. 

Questa divergenza di filosofie normative è indice della più ampia complessità di armonizzare il fiorente settore delle criptovalute con il quadro normativo esistente.

Se da un lato il controllo della SEC sull’industria delle criptovalute è accolto con favore dagli scettici del Congresso e dai gruppi di consumatori, dall’altro vi sono preoccupazioni circa la concentrazione del controllo. 

Todd Phillips, ex avvocato del governo e difensore dei consumatori, avverte che le aziende che controllano ogni aspetto delle transazioni, dall’intermediazione agli scambi e alle stanze di compensazione, possono potenzialmente portare a un aumento dei costi per gli operatori e a una maggiore suscettibilità alla manipolazione del mercato. 

Questa preoccupazione vale sia per le società crypto-native come Coinbase sia per gli operatori tradizionali come NYSE.

Conclusioni

Il punto di vista di Coinbase sul suo nuovo status acquisito è in linea con la sua missione di fornire ai clienti un maggiore accesso al mercato delle criptovalute. 

L’azienda ritiene che offrire la possibilità di negoziare con margine dia ai clienti la possibilità di usufruire di una leva finanziaria e di un più ampio accesso al mercato con un investimento iniziale inferiore rispetto al tradizionale trading a pronti.

In definitiva, il viaggio di Coinbase dalle controversie sulla borsa al riconoscimento normativo come FCM sottolinea la necessità di una supervisione trasparente e prevedibile del settore.

Sebbene questo sviluppo non offra una difesa legale immediata contro le accuse della SEC, dimostra che gli ostacoli normativi possono essere superati con successo nello spazio delle criptovalute. 

Come prima società cripto-nativa a ottenere questo status, Coinbase ha aperto la strada ad altre che seguiranno, inaugurando potenzialmente una nuova era di cooperazione tra le autorità di regolamentazione e il settore delle criptovalute. 

Con la continua maturazione del settore, potrebbero emergere altre richieste di riconoscimento simili, ridisegnando ulteriormente il panorama normativo.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS