HomeCriptovaluteRonaldinho coinvolto nella vicenda del calcio: il possibile arresto in Brasile legato...

Ronaldinho coinvolto nella vicenda del calcio: il possibile arresto in Brasile legato all’indagine sulla truffa crypto

News preoccupanti da parte del mondo del calcio: Ronaldinho è attualmente impossibilitato a fornire testimonianza nell’ambito dell’inchiesta riguardante la truffa crypto e sta affrontando la prospettiva di un eventuale arresto in Brasile. 

L’attenzione dell’indagine è centrata sulla compagnia di proprietà di Ronaldinho, denominata “18kRonaldinho”, la quale aveva assicurato ai suoi clienti guadagni giornalieri superiori al 2% mediante investimenti nel campo blockchain. 

Di seguito tutti i dettagli. 

News nel mondo del calcio: i problemi di Ronaldinho in Brasile per la presunta connessione con una truffa crypto 

Come anticipato sopra, la celebre icona del calcio brasiliano, Ronaldinho Gaúcho, potrebbe trovarsi di fronte all’eventualità di un arresto da parte delle autorità in relazione alla sua richiesta di testimonianza nell’ambito di un’indagine riguardante una presunta frode crypto che si sta svolgendo in Brasile. 

Secondo quanto riportato dai media locali, Ronaldinho non ha presentato la propria presenza di fronte all’assemblea del paese per rispondere a domande relative a un presunto schema piramidale che avrebbe coinvolto una delle sue aziende.

L’ex stella di squadre di alto calibro come Paris Saint-Germain, FC Barcelona e AC Milan non è stato dunque in grado di testimoniare durante un’udienza parlamentare il 24 agosto, giustificando la sua assenza con condizioni atmosferiche avverse e ignorando per la seconda volta un mandato di comparizione. 

Secondo le dichiarazioni del deputato Aureo Ribeiro, verrà concessa a Ronaldinho un’ulteriore opportunità di fornire testimonianza il 31 agosto. 

Nel caso in cui Ronaldinho non dovesse presentarsi, le autorità avrebbero il potere di costringerlo a comparire di fronte alla commissione.

Ricordiamo che la legge brasiliana stabilisce che i testimoni citati in giudizio per comparire davanti al Congresso abbiano l’obbligo di farlo. 

Dunque, coloro che ignorano un mandato di comparizione possono essere soggetti a sanzioni pecuniarie e costretti fisicamente dalle forze dell’ordine a comparire davanti all’assemblea.

Ronaldinho e l’Indagine su ’18kRonaldinho’: crypto, NFT e accuse di truffa

Sottolineiamo inoltre che l’inchiesta ruota intorno all’azienda di Ronaldinho, “18kRonaldinho”. Tale compagnia avrebbe promesso ai suoi clienti guadagni giornalieri superiori al 2% attraverso investimenti nelle criptovalute

Una causa da oltre 61 milioni di dollari è stata avviata contro l’azienda in quanto non ha restituito tali profitti come promesso. Questa controversia ora è parte di un’indagine più ampia sulle frodi crittografiche all’interno del paese.

Il team legale di Ronaldinho sostiene che egli fosse semplicemente un “ambasciatore” dell’azienda, e dunque un’altra vittima della presunta truffa. 

Secondo la loro versione, l’immagine e il nome di Ronaldinho sono stati illegalmente sfruttati per ingannare possibili clienti senza il necessario consenso. 

Ricordiamo che l’impero crittografico di Ronaldinho include anche una collezione di token non fungibili (NFT), lanciata in collaborazione con INFLUXO nel 2021.

Nel 2020, Ronaldinho e suo fratello Roberto de Assis sono stati arrestati in Paraguay per aver utilizzato passaporti falsi per entrare nel paese, trascorrendo oltre 170 giorni dietro le sbarre. Assis è altresì coinvolto nell’attuale indagine legata alle frodi crittografiche.

Ronaldinho: passaporti falsi e altre truffe crypto

In merito a quanto detto sopra sui precedenti arresti di Ronaldinho, vediamo che ai tempi si era riferito che la polizia nazionale paraguaiana era entrata nella suite dell’hotel presso il Paraguay Golf Club, dove l’ex campione alloggiava, scoprendo due passaporti paraguaiani falsificati intestati a lui e a suo fratello, Roberto de Assis Moreira. 

Ronaldinho si era recato nel paese per partecipare a un’iniziativa comunitaria sponsorizzata da una fondazione che fornisce assistenza medica a giovani in condizioni di svantaggio.

Dopo aver rilasciato la sua testimonianza, il procuratore paraguaiano ha emesso un mandato di arresto per l’ex stella del Barcellona e suo fratello, accusati di aver introdotto il paese con passaporti falsi, secondo quanto riportato dal notiziario messicano Milenio 2020. 

Vediamo che questo episodio aggiunge un nuovo strato di controversia alla storia di Ronaldinho Gaúcho. In Brasile, infatti, l’ex atleta è stato oggetto di indagini da parte delle autorità a causa del suo coinvolgimento con due società accusate di perpetrare truffe legate al Bitcoin

Entrambe queste società sono state bandite dalla Commissione brasiliana per i valori mobiliari e il cambio. Le due società coinvolte sono LBLV e Ronaldinho 18k. 

Ronaldinho si è difeso dichiarando di aver abbandonato la seconda società non appena ha avuto conoscenza dell’offerta di investimenti in criptovalute. 

Inoltre, la celebrità sportiva è stata coinvolta anche in due progetti di offerta iniziale di monete (ICO) legati alle criptovalute: Ronaldinho Soccer Coin e Champion Coin

Entrambi questi progetti, tuttavia, hanno subito insuccessi e sono stati interrotti.                            

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS