US: accolta con disappunto una proposta di regolamentazione delle tasse sulle crypto
US: accolta con disappunto una proposta di regolamentazione delle tasse sulle crypto
Regolamentazione

US: accolta con disappunto una proposta di regolamentazione delle tasse sulle crypto

By Andrea Porcelli - 28 Ago 2023

Chevron down

Con una mossa che si è riverberata nel panorama digitale, il Dipartimento del Tesoro degli US ha recentemente presentato una nuova regolamentazione che riguarda le tasse sulle crypto.

Tuttavia, invece di essere applaudita, la proposta è stata accolta da un coro di disapprovazione da parte dell’industria delle criptovalute. 

Le obiezioni derivano principalmente dalle preoccupazioni circa il potenziale del piano di includere le operazioni decentralizzate, che sono fondamentali per l’etica e le operazioni del settore. 

Mentre la proposta entra in una fase di commenti e audizioni pubbliche, è chiaro che la strada da percorrere per queste norme fiscali sarà irta di sfide.

Il disappunto degli US per la regolamentazione sulle tasse crypto

Quasi subito dopo la pubblicazione della proposta, la comunità delle crypto si è riversata su X (ex Twitter) per esprimere il proprio malcontento. 

Il punto di contestazione più significativo riguarda i requisiti di dichiarazione fiscale, che secondo molti operatori del settore potrebbero inavvertitamente intrappolare le operazioni di criptovaluta decentralizzate. 

Queste entità decentralizzate, spesso considerate “broker”, facilitano le transazioni e i servizi sostenendo i principi di decentralizzazione e autonomia degli utenti.

Una delle voci più forti di dissenso è arrivata da Miller Whitehouse-Levine, amministratore delegato di un gruppo di pressione sulla finanza decentralizzata (DeFi). 

Egli ha criticato il linguaggio eccessivamente ampio della proposta, che sembra comprendere un’ampia gamma di entità, comprese quelle che gestiscono portafogli self-hosted. 

Whitehouse-Levine ha sottolineato la natura paradossale della posizione della proposta sulla “realizzazione dei trasferimenti”, mettendo in dubbio che il significato del termine sia stato distorto per adattarlo alla portata del regolamento.

I critici hanno inoltre sottolineato che gli attori di spicco dell’ecosistema decentralizzato, come i fornitori di portafogli come MetaMask e gli scambi decentralizzati come Uniswap, potrebbero inavvertitamente rientrare nell’ambito degli obblighi di segnalazione. 

Inoltre, i contratti intelligenti dotati di meccanismi di sicurezza a firma multipla potrebbero essere soggetti a nuove regole di conoscenza dei clienti (KYC), alterando in modo significativo la natura di queste piattaforme.

Altri personaggi importanti si sono espressi sulla questione 

Anche il deputato Patrick McHenry (R.C.), che presiede la Commissione per i servizi finanziari della Camera, è intervenuto sulla questione. 

Pur riconoscendo alcuni aspetti positivi della proposta, tra cui la data di entrata in vigore e le esenzioni, ha evidenziato le aree sostanziali in cui la regolamentazione è stata carente. 

Ha sottolineato la necessità di una regolamentazione ristretta, mirata e chiara, in linea con le intenzioni del Congresso, soprattutto considerando la natura unica dell’ecosistema delle criptovalute.

Kristin Smith, CEO della Blockchain Association, ha fatto eco a questi sentimenti, affermando che le norme proposte devono tenere conto delle caratteristiche distintive del panorama delle criptovalute. 

Ha sottolineato l’importanza di non spazzare via i partecipanti all’ecosistema che non hanno una strada percorribile per la conformità. 

Smith ha anche riconosciuto il rovescio della medaglia del dibattito: la possibilità che le norme proposte offrano chiarezza e accessibilità alle masse di investitori in criptovalute, eliminando così una barriera significativa all’ingresso nel mondo degli asset digitali.

La prospettiva di Smith allude all’idea che, se eseguite con criterio, queste norme potrebbero colmare il divario tra gli adempimenti fiscali e il settore delle criptovalute. 

Fornendo linee guida chiare per gli utenti quotidiani delle criptovalute, le norme potrebbero demistificare gli obblighi fiscali e facilitare una partecipazione più agevole ai mercati degli asset digitali.

Ancora c’è tempo per esprimere i propri suggerimenti ed il proprio pensiero sulla vicenda

Le parti interessate del settore delle criptovalute hanno tempo fino al 30 ottobre per esprimere le proprie preoccupazioni e critiche al Tesoro e all’Internal Revenue Service. 

Dopo questo periodo, il 7 e l’8 novembre sono previste delle audizioni pubbliche, durante le quali gli autori della proposta incoraggiano contributi e suggerimenti da parte del settore delle criptovalute. 

Questa disponibilità a confrontarsi con l’industria potrebbe potenzialmente portare a regolamenti più raffinati, in grado di raggiungere un migliore equilibrio tra sorveglianza e innovazione.

Tra le varie critiche, è emerso un aspetto positivo per la comunità dei minatori di criptovalute. La proposta ha escluso in particolare le operazioni di mining di criptovalute, alleviando le preoccupazioni sorte con l’introduzione delle norme fiscali della legge sulle infrastrutture del 2021. 

Questa esclusione riflette un livello di comprensione delle diverse attività nell’ambito del più ampio regno delle criptovalute e rappresenta un passo verso una regolamentazione più sfumata.

Mentre la polvere si deposita dopo l’iniziale ondata di obiezioni, è evidente che la strada da percorrere per la proposta fiscale sulle criptovalute del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti sarà lastricata di intense discussioni e negoziazioni. 

Trovare il giusto equilibrio tra la supervisione normativa e la salvaguardia dello spirito innovativo dell’industria delle criptovalute sarà la sfida finale. 

Mentre le parti interessate da entrambi i lati del dibattito si riuniscono per perfezionare queste norme, il risultato darà forma al futuro del rapporto tra il governo degli Stati Uniti e il mondo delle criptovalute.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.