Ethereum vince la sfida con Bitcoin per numero di wallet
Ethereum vince la sfida con Bitcoin per numero di wallet
Sponsored

Ethereum vince la sfida con Bitcoin per numero di wallet

By Massimo De Vincenti - 30 Ago 2023

Chevron down

SPONSORED POST* 

Un report di Chainalysis ha dimostrato che ETH è la criptovaluta più scambiata del momento, con i wallet Ethereum che superano quelli Bitcoin. 

A luglio del 2023, Ethereum ha visto una crescita esponenziale degli account dei wallet, arrivando a 79 milioni di indirizzi, superando i 50 milioni di wallet Bitcoin.

Parte del merito va attribuito ai pool di staking innovativi come Lido e Rocket Pool che permettono il “liquid staking”, ovvero una pratica secondo la quale i trader ricevono una quantità di token pari alla liquidità che hanno bloccato mentre sono in staking: una forma dunque più flessibile di staking.

Questo protocolli emettono token chiamati “staked ETH”, con un valore equivalente ai depositi originali di ETH che permettono ai trader di scoprire nuove opportunità nella finanza decentralizzata.

Non a caso, la coppia ETH-USDC è diventata sempre più importante nella DeFi, con i wallet attivi che detengono quasi la metà di tutti gli ETH e circa due quinti dell’offerta di USDC. 

Durante il terzo trimestre del 2020 e fino al primo trimestre del 2022 i portafogli Ethereum sono stati più attivi rispetto alle loro controparti Bitcoin. Inoltre, ETH ha superato BTC anche durante la fase rialzista del mercato del 2021.

Due nuove criptovalute emergenti. Più potenziale di Ethereum?

I wallet di Ethereum continuano a dominare il settore delle criptovalute, tuttavia il mercato si trova ancora nella fase ribassista del mese di agosto. Ethereum, Bitcoin, XRP e altre criptovalute consolidate stanno cercando di tornare in crescita, per questo i trader stanno cercando nuovi progetti, in modo da differenziare gli investimenti.

Tra questi progetti, due dei più interessanti sono meme coin. D’altronde, il 2023 è stato un anno molto positivo per questi token grazie al successo di Pepe Coin. Il token PEPE ha riscosso un grande successo al lancio, permettendo ad alcuni trader di raggiungere cifre milionarie con piccoli investimenti.

Di conseguenza, gli investitori si sono interessati a nuove meme coin in presale come Wall Street Memes e Sonik Coin.

Wall Street Memes

Wall Street Memes ha superato i 25 milioni di dollari in presale. Al momento, il $WSM viene venduto a 0.0337 dollari, un valore che aumenterà fino al listing del token su una serie di exchange di primo livello, previsto con il termine della presale tra poche settimane.

La meme coin si ispira al subreddit Wall Street Bets, conosciuto per lo short squeeze di Gamestop e per un approccio ironico nei confronti della finanza tradizionale. Proprio il legame con il gruppo Reddit ha permesso a Wall Street Memes di creare una community solida sin dal lancio della presale, grazie alla quale ha generato hype e FOMO, portando sempre più investitori a interessarsi al progetto.

Oltre alla community, Wall Street Memes vanta un team esperto nel campo degli asset digitali, autore della fortunata collezione NFT Wall Street Bulls, esaurita in meno di 30 minuti dal lancio. Anche Elon Musk si è dimostrato entusiasta, come dimostrano le sue interazioni sulla pagina X ufficiale di Wall Street Memes.

Sonik Coin

Basata sul personaggio dei videogiochi di SEGA Sonic The Hedgehog, la nuova meme coin Sonik Coin ha superato i 600mila dollari in presale, nella quale il token $SONIK viene venduto a un valore fisso di 0.000014 dollari. A differenza di altre meme coin, il token ha una sua utilità, in quanto i suoi titolari possono metterlo in staking per generare APY e ricevere ricompense passive.

Il team, non affiliato in alcun modo con SEGA, ha destinato allo staking il 40% dell’offerta totale di 299.792.458.000 token $SONIK, mentre il 50% verrà utilizzato per la presale. Il restante 10% è stato destinato alla liquidità per gli exchange.

La combinazione tra la tokenomics, lo staking e una roadmap ben definita ha attirato i trader alla presale del token che secondo alcuni esperti, potrebbe crescere significativamente al lancio. 

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti

Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.