HomeBlockchainAlex Tapscott: "Il Web2 ha arricchito gli intermediari finanziari, quindi abbiamo bisogno...

Alex Tapscott: “Il Web2 ha arricchito gli intermediari finanziari, quindi abbiamo bisogno del Web3”

The Cryptonomist ha intervistato Alex Tapscott, autore dell’imminente “Web3: Charting the Internet’s Next Economic and Cultural Frontier” (Web:3 Delineare la Prossima Frontiera Economica e Culturale di Internet) che sarà pubblicato il 19 settembre.

alex tapscott web3 book

Di cosa parla il libro? Puoi darci un’anteprima visto che sarà pubblicato tra una settimana?

Il Web, e con esso Internet, sta entrando in una nuova era, nota come Web3.

Il Web degli anni ’90 ha democratizzato l’accesso alle informazioni e ad altri contenuti.  In seguito, nuovi software e smartphone ci hanno portato un Web in cui tutti possiamo creare i nostri contenuti e collaborare insieme.  

Mentre questo “Web2” ha rivoluzionato i media, la vendita al dettaglio e altri settori, i dati e il valore generati da tutti sono stati catturati da aziende giganti e intermediari, tra cui una nuova specie di imprese chiamate conglomerati digitali come Facebook, Google e Apple. 

Sono diventati dei cosiddetti “gatekeeper”, imponendo barriere, pedaggi ed estraendo ricchezza da tutto ciò che facciamo, soffocando a loro volta l’innovazione, la prosperità e la libertà economica. Di conseguenza, la promessa del Web non è stata mantenuta, fino ad oggi.

Ecco Web3: un web decentralizzato in cui gli individui possiedono la propria identità e possono scambiare in modo sicuro beni come denaro, titoli, proprietà intellettuale e arte peer to peer.

Il Web3 ha il potenziale per reimmaginare le industrie culturali, trasformare il denaro e i mercati, restituire la privacy agli utenti online, rafforzare i diritti di proprietà digitale, introdurre nuovi tipi di beni e organizzazioni e sostenere una maggiore partecipazione globale alla nostra economia digitale. Se la diffusione della tecnologia rende davvero il mondo più piatto, allora il Web3 può essere un rullo compressore. Se facciamo le cose per bene. 

Come tutte le tecnologie rivoluzionarie, il Web3 è accompagnato da immense promesse e potenziali rischi per le aziende e per la nostra società. In effetti, questa nuova era digitale potrebbe essere ricordata come “l’era del Web3” – mi spiego: così come il termine Internet si è espanso dalla sua definizione originaria di internetworking per descrivere un’era che comprende molte tecnologie, modelli di business e comportamenti sociali, allo stesso modo il termine Web3 si sta evolvendo per caratterizzare un’era composta da gruppi di tecnologie tra cui l’AI (intelligenza artificiale), la realtà estesa e l’IoT (internet delle cose), con nuovi modelli e comportamenti. Questi definiranno la prossima era di Internet.

Come vedi il futuro di Web3? Cosa è andato storto nel Web2?

In che modo il Web2 è fallito? In primo luogo, in assenza di un livello di proprietà e transazione nativo di Internet, la pubblicità è diventata il modello di guadagno principale. 

In secondo luogo, il Web2 ha arricchito gli intermediari finanziari: non hanno avuto bisogno di innovare per rimanere rilevanti perché il Web2 non ha cambiato il loro ruolo di intermediari. Come abbiamo dimostrato, la maggior parte delle innovazioni fintech si è rivelata una carta da parati digitale sul vecchio edificio della finanza. 

In terzo luogo, quando il Web è diventato prevalentemente mobile, due società – Apple e Google – hanno controllato la porta d’accesso principale a Internet attraverso gli ecosistemi Android e Apple e hanno iniziato ad applicare tariffe di monopolio (o duopolio) esorbitanti per gli sviluppatori sulle loro piattaforme. I negozi di applicazioni mobili sono diventati dei colli di bottiglia per i nuovi sviluppi. Non solo sono dei gatekeeper, ma estraggono rendite per quasi tutte le attività economiche delle app stesse.

In quarto luogo, gli utenti non hanno alcun controllo sulle piattaforme e, in alcuni casi, non hanno visibilità su come vengono gestite. Le piattaforme possono anche cambiare senza il contributo della community: alcune aziende del Web2, nate come reti aperte, sono diventate piattaforme chiuse per ottenere maggiori entrate pubblicitarie. 

In quinto luogo, Web2 è diventato un modello “winner-take-all” che ha creato monopoli soffocando la concorrenza. Avviare una rete di concorrenti nell’economia del Web2 è diventato troppo costoso e rischioso, un compito di Sisifo destinato a durare per l’eternità. 

I giganti del Web2 hanno due categorie di azioni che danno potere ai dirigenti e riducono la responsabilità degli azionisti e del consiglio di amministrazione, esacerbando questa dinamica. Il processo decisionale di Elon Musk riguardo a Twitter ha allontanato utenti, inserzionisti e valore aziendale. 

In sesto luogo, gli utenti di Internet sono stati catturati dai motori di raccomandazione che, se da un lato sono stati spesso utili per aiutare le persone a trovare ciò che cercavano, dall’altro li hanno spinti in camere dell’eco che si auto-rinforzano. Gli algoritmi di Web3 hanno imparato che l’estremismo aumenta il coinvolgimento, così come la disinformazione. La frammentazione del discorso pubblico e il crescente estremismo nella nostra politica possono essere attribuiti in parte a questo fenomeno.

In settimo luogo, queste grandi piattaforme sono diventate punti di strozzatura per Internet e bersaglio delle pressioni governative per tracciare i cittadini. In Cina, lo Stato si è appropriato dei giganti del Web2, trasformandoli in un’estensione del sistema di sorveglianza dello Stato, e poi si è mosso rapidamente per cooptare l’innovazione del Web3. 

Cosa ne pensate di questo clamore nei confronti dell’AI? È una nuova bolla?

A chi non segue le nuove tecnologie, le innovazioni possono talvolta apparire come storie di successo notturne. Più spesso, si tratta di innovazioni che hanno alle spalle decenni di lavoro. L’intelligenza artificiale è un esempio perfetto. Nel 1965, i ricercatori promettevano che l’intelligenza artificiale avrebbe svolto tutti i compiti umani nei successivi 20 anni. Il primo inverno dell’AI è arrivato negli anni ’70, dopo che dieci anni di investimenti nell’AI avevano dato pochi risultati. La ricerca e lo sviluppo sono proseguiti per decenni attraverso miti periodi estivi e ere glaciali di AI che sono durate decenni.

In altre parole, non si tratta di una bolla, ma di una storia di successo che dura da decenni. 

Cosa pensi del mercato NFT, crescerà ancora?

Si. La mia citazione preferita sugli NFT nel libro viene da Yat Siu di Animoca Brands. 

Dice: “Se Bitcoin è un deposito di valore, allora gli NFT sono un deposito di cultura” che modificherà profondamente le industrie creative. Mi piace molto. Certo, singoli progetti NFT sono falliti come investimenti finanziari. Ma gli NFT sono molto promettenti! Semplificano le modalità di finanziamento delle iniziative creative. 

Eliminano i guardiani del settore e amplificano le voci sottorappresentate. In pochi anni, più di trecento diversi progetti NFT hanno generato almeno un milione di dollari di royalties per i creatori, che possono continuare a guadagnare istantaneamente e senza attriti quando le loro opere vengono rivendute. La Thailandia vanta più holder di Stati Uniti, Canada e Germania messi insieme. 

Su Ethereum, che è la rete più grande del Web3, i creatori hanno guadagnato più di $1,8 miliardi in royalties!

Come vedi la regolamentazione del Web3?

Ne abbiamo bisogno! O, più precisamente, abbiamo bisogno di un quadro politico completo per il Web3. La Silicon Valley è stata definita una Galápagos tecnologica per la miscela unica di talento, denaro, tecnologia, cultura e ricerca e sviluppo governativi che ha portato alla nascita di diverse specie di imprenditori tecnologici che hanno poi fondato le mastodontiche aziende Internet di oggi. 

Il World Wide Web è stato inventato dall’informatico inglese Sir Tim Berners-Lee presso il CERN, l’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare, in Svizzera, ma è stato commercializzato in America. Il Web3 sta emergendo in un momento in cui gli strumenti tecnologici e il capitale umano sono più distribuiti che mai. 

Se il Web1 e il Web2 hanno democratizzato l’accesso alle informazioni e reso più facile incontrarsi e collaborare online, il Web3 ci fornisce un insieme di strumenti più potenti per guadagnare denaro, possedere beni e costruire ricchezza su un piano di parità globale, decentralizzando il potere e l’influenza nel processo. Se la diffusione della tecnologia rende davvero il mondo “più piatto”, allora il Web3 sarà un rullo compressore. 

Ciò significa che la “Silicon Valley” del futuro non sarà affatto un luogo! Sarà ovunque e intorno a noi. Ciò significa che i Paesi che vedono il potenziale e creano le condizioni (comprese le normative, ma ragionevoli) per il successo dell’industria ne trarranno vantaggio.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchiohttps://cryptonomist.ch
Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist, oltre che Italian PR manager per l'exchange Bitget. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e ha pubblicato un libro "NFT: la guida completa'" edito Mondadori. Inoltre è co-founder del progetto NFT chiamati The NFT Magazine, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore. Come advisor, Amelia è anche coinvolta in progetti sul metaverso come The Nemesis e OVER.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS