HomeSponsoredBTC sale dell’1,1% mentre Bitcoin Minetrix supera $520.000 in prevendita

BTC sale dell’1,1% mentre Bitcoin Minetrix supera $520.000 in prevendita

SPONSORED POST*

Buone notizie per Bitcoin, che sale di circa l’1,1% e oggi è scambiato a $27.684: sembra quindi che il token sia in pieno trend rialzista, probabilmente anche per le recenti notizie relative alla causa della SEC contro XRP e dell’imminente arrivo dell’approvazione dei primi ETF spot su Bitcoin.

Se Bitcoin sale, l’attenzione degli investitori si concentra anche su progetti collegati a BTC: ora in prevendita c’è Bitcoin Minetrix, che ha superato $520.000 e che introduce il nuovo concetto dello stake-to-mine.

Bitcoin continua con il suo trend rialzista

Bitcoin si sta dimostrando forte negli ultimi tempi: basti pensare che, nell’ultimo mese, è salito di oltre il 7% e nei sette giorni di quasi il 5%. Oggi è scambiato a $27.684, con un rialzo pari all’1,1% nelle 24 ore.

Sono varie le motivazioni che portano BTC a mantenere questo trend rialzista: in primo luogo c’è l’ultima notizia sulla causa che vede la SEC contro Ripple Labs. Il giudice Torres ha infatti respinto la richiesta di ricorso interlocutorio da parte della Securities and Exchange Commission, contro la sentenza a favore di XRP dello scorso giugno.

Questa notizia non ha portato solo XRP a salire di quasi il 5%, ma ha avuto ripercussioni positive su tutto il settore. Inoltre c’è stato un nuovo exchange non custodial, EDX Markets, a essere introdotto e a far allontanare lo spettro del fallimento di FTX.

Questo exchange non detiene il denaro dei suoi clienti, ma facilita gli scambi collaborando con una terza parte, allo scopo di gestire gli accordi di custodia: in questo modo si viene ad affrontare uno dei problemi normativi relativi al settore delle crypto, ovvero la necessità di separare le funzioni di broker-dealer dalle piattaforme di scambio stesse.

Non in ultimo, ci sono le tante domande per gli ETF spot su Bitcoin: anche se la SEC ha rimandato la decisione in merito all’approvazione, sembra che sia sempre più vicina, per cui il sentiment degli investitori diventa sempre più positivo nei confronti di Bitcoin.

Ad avere la meglio ci sono anche tutti i progetti collegati a Bitcoin: i cosiddetti token 2.0, cloni di BTC, che hanno dimostrato di poter dare rendimenti interessanti (un esempio su tutti è BTC20, che ha ripagato con il 688% in più dopo la prevendita).

In particolare, Bitcoin Minetrix innova introducendo il concetto di stake to-mine e consentendo a tutti di fare mining di BTC, senza dover affrontare costi esorbitanti. Ecco di cosa si tratta.

Bitcoin Minetrix: con lo stake-to-mine tutti possono fare mining di BTC

Il nuovo token 2.0, ispirato a BTC, è Bitcoin Minetrix, che mette insieme staking e mining per permettere a tutti di accedere al mining di Bitcoin, con la nuova formula stake-to-mine. Basta acquistare almeno $10 del suo token BTCMTX, attualmente in prevendita al costo di $0,011, metterli in stake e generare così potenza di cloud mining e hashrate.

Se prima le barriere per accedere al mining di BTC escludevano quasi tutti coloro senza i mezzi per affrontare costi importanti di energia e attrezzature, adesso, grazie ai token ERC-20 BTCMTX, questa attività diventa possibile per tutti.

I token BTCMTX non sono negoziabili e sono sottoposti al processo di burning per ottenere tempo di mining, ma allo stesso tempo possono essere messi in stake e consentire ai detentori di ottenere ulteriori entrate passive.

Il progetto usa il cloud mining, che spesso è caratterizzato dalle truffe: qui la verifica di Coinsult di Bitcoin Minetrix garantisce maggiore trasparenza e sicurezza per i trader. Inoltre convincono gli investitori il non dover lasciare depositi in denaro e il fatto che il progetto sia costruito su Ethereum, la piattaforma più sicura in circolazione

BTCMTX è ora nella prima di 10 fasi di una prevendita che ha superato $520.000: il costo di $0,011 andrà ad aumentare del 10% in ogni fase. Per partecipare basta collegare il proprio crypto wallet alla pagina ufficiale del progetto e scambiare ETH, USDT o BNB con i token desiderati (un minimo di $10), oppure usare una carta bancaria. 

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS