HomeBlockchainL'impatto della regolamentazione sugli investitori crypto in Cina: stanziati oltre 100.000 dollari

L’impatto della regolamentazione sugli investitori crypto in Cina: stanziati oltre 100.000 dollari

Secondo le ultime notizie, sembra che gli investitori crypto mantengano un forte interesse in Cina nonostante la regolamentazione ostile. 

In particolare, Bitget riporta che, tra i venti paesi sottoposti a intervista, la Cina ha dimostrato il maggiore impegno negli investimenti crittografici.

Vediamo di seguito tutti i dettagli.

L’investimento in crypto persiste in Cina nonostante la regolamentazione severa 

Come anticipato, nonostante un divieto pratico imposto da Pechino, l’interesse verso le criptovalute in Cina rimane forte. 

Nello specifico, un recente studio condotto dall’exchange di derivati crittografici Bitget in 20 paesi ha rivelato che la Cina ha dimostrato il più alto grado di coinvolgimento con le crypto. 

La ricerca, condotta da maggio 2023 ad agosto 2023, ha coinvolto oltre 1.500 partecipanti provenienti da paesi tra cui Europa, Cina, Giappone, Corea del Sud e Turchia.

Il rapporto pubblicato giovedì ha rivelato che il 18% degli investitori con sede in Cina ha allocato fondi che variano da $50.000 a $100.000, mentre un ulteriore 19% ha investito somme comprese tra $100.000 e $500.000 in cripto asset.

Questa osservazione sulle attività di trading suggerisce che una parte della popolazione cinese sta ignorando il divieto imposto da Pechino nel settembre 2021.

Nonostante la Cina abbia messo al bando le transazioni crittografiche, abbia cercato di eliminare l’estrazione di risorse digitali e abbia dichiarato le attività svolte dagli exchange offshore come attività finanziarie illecite, alcuni trader hanno trovato modi per continuare a fare trading utilizzando piattaforme over-the-counter e exchange offshore.

Variazioni nei livelli di coinvolgimento degli utenti Europei, Turchi e Sudcoreani nel mondo crypto 

Tuttavia, il divieto sul trading di criptovalute ha avuto un impatto significativo. 

Secondo un recente rapporto di Chainalysis, infatti, l’Asia orientale ha sperimentato un notevole calo dell’attività crittografica, con una diminuzione dei volumi di trading sia a Hong Kong che in Cina quando si confrontano i dati del 2021 e del 2022. 

Il rapporto ha evidenziato una significativa riduzione del volume delle transazioni crittografiche in Cina, che è sceso da quasi $225 miliardi a circa $86,4 miliardi nel periodo da luglio 2022 a giugno 2023. 

Ad ogni modo, a differenza della Cina, gli utenti in Europa, Turchia e Corea del Sud mostrano un coinvolgimento finanziario più contenuto.

Secondo i risultati di Bitget, il 51% degli utenti europei, il 49% degli utenti turchi e il 46% degli utenti sudcoreani hanno investito importi nell’intervallo da $1.000 a $10.000 nelle criptovalute.

Lo studio ha anche rivelato come il genere influenzi gli obiettivi finanziari. In Corea del Sud, il 49% delle utenti di sesso femminile e in Giappone, il 41% delle utenti di sesso femminile investe in criptovalute per migliorare la propria situazione finanziaria, in contrasto con il 45% e il 30% rispettivamente per gli uomini.

Inoltre, è emerso che circa il 27% delle investitrici in Turchia e negli Stati Uniti utilizza la criptovaluta per finanziare l’istruzione dei propri figli.

L’attività crypto a Hong Kong sfida la Cina, indicazioni di un cambio di rotta? 

La Cina potrebbe essere incline a considerare un ritorno alle criptovalute, mentre un suo vicino adotta una prospettiva più positiva verso la blockchain in generale.

In un nuovo rapporto pubblicato, la piattaforma di dati blockchain Chainalysis ha rivelato che il volume di criptovalute recentemente trasferito a Hong Kong ha raggiunto livelli paragonabili a quelli trasferiti nel territorio cinese nell’ultimo anno, nonostante Hong Kong ospiti solo lo 0,5% della popolazione cinese.

Nello specifico, Chainalysis, nel suo Geography of Cryptocurrency Report del 2023, ha affermato quanto segue: 

“Hong Kong si conferma come un mercato crittografico altamente attivo in termini di volume di transazioni, con circa 64.0 miliardi di dollari in criptovalute ricevuti tra luglio 2022 e giugno 2023.” 

In confronto, nello stesso periodo, la Cina ha registrato transazioni per un totale di 86.4 miliardi di dollari. Dunque, mentre la Cina ha emanato una serie di divieti sulle criptovalute nel 2021, Hong Kong sta ora promuovendo lo sviluppo di Web3. 

La regione ha infatti adottato un quadro normativo che sottopone servizi crypto e tradizionali allo stesso regime normativo a giugno e ha rilasciato la sua prima licenza di exchange di criptovalute al dettaglio ad HashKey ad agosto.

Questa tendenza “potrebbe indicare che il governo cinese sta riconsiderando la sua posizione sugli asset digitali o sta almeno diventando più aperto alle iniziative crittografiche,” ha suggerito Chainalysis.

Finora, gran parte dell’attività nella regione rimane “over the counter”, un ambiente riservato progettato per evitare che grandi trasferimenti istituzionali influenzino il mercato. 

Al contrario, la Cina ha registrato una maggiore percentuale di volume “retail” (trasferimenti inferiori a 10.000 dollari) rispetto a Hong Kong, con rispettivamente l’8,5% e il 4%. 

La Cina ha anche una quota significativamente più elevata di trasferimenti di dimensioni “professionali” (tra 10.000 e 1 milione di dollari), pari al 34,8%, rispetto al 25,1% di Hong Kong.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS