HomeSponsoredTUK, la mobilità elettrica guidata dall’IA - La prossima crypto da 100x?

TUK, la mobilità elettrica guidata dall’IA – La prossima crypto da 100x?

SPONSORED POST*

C’è una nuova crypto sul mercato che sta crescendo rapidamente. TUK, il token nativo di eTukTuk, mira a rivoluzionare il settore dei trasporti con il suo avanzato ecosistema di veicoli elettrici alimentato da intelligenza artificiale e blockchain.

In un mercato affollato da progetti deboli, che finiscono rapidamente nell’oblio poco dopo il loro lancio, eTukTuk rappresenta una rivoluzione.

eTukTuk si rivolge alle nazioni in via di sviluppo ma TUK è per tutti 

Il cambiamento climatico è un fenomeno globale al quale, loro malgrado, contribuiscono tutti i Paesi del mondo. Quindi non è possibile rallentare il cambiamento climatico concentrandoci solo sulle nazioni sviluppate. Tanto più che quelle meno evolute sono anche le più aperte ai progetti che ruotano attorno alle crypto. 

Pur con questa consapevolezza, la maggior parte dei brand di veicoli elettrici hanno limitato il loro raggio d’azione alle nazioni più evolute. Per un individuo appartenente alla classe media di un Paese come l’India o lo Sri Lanka, per esempio, i veicoli elettrici sono estremamente costosi. 

Ed è qui che entra in gioco eTukTuk.

Questo progetto può essere meglio descritto come una moderna evoluzione dei tuk-tuk a tre ruote, alimentati non a benzina bensì a elettricità, blockchain e intelligenza artificiale. 

Sui media se ne parla come della Tesla del mercato dei veicoli elettrici.

L’obiettivo principale di eTukTuk è aiutare le nazioni in via di sviluppo a limitare le loro emissioni di carbonio promuovendo un’infrastruttura di veicoli elettrici basata su blockchain. 

E quale veicolo migliore ci può essere dei tuk-tuk, vera icona del trasporto in molti Paesi del secondo o del terzo mondo? Non per niente ci sono oltre 270 milioni di tuk-tuk registrati in tutto il mondo.

Le caratteristiche uniche degli eTukTuk

 Il progetto prenderà il via in Sri Lanka entro la fine di quest’anno, con piani per un’espansione globale estesa della sua rete di veicoli elettrici nei mesi a seguire.

eTukTuk è stato in fase di sviluppo per oltre mezzo decennio. Ha dedicato sforzi considerevoli all’ottimizzazione del tuk-tuk elettrico, in modo che siano alla portata dei conducenti sia dal punto di vista economico che tecnico.

Gli sforzi hanno dato i loro frutti. Il veicolo di eTukTuk stabilisce nuovi standard per i mezzi di trasporto elettrici. 

Poiché è realizzato con meno di 200 componenti, la produzione locale è possibile, grazie anche a un processo che riduce sostanzialmente i costi di investimento iniziali. Per parlare di cifre, le spese vengono ridotte del 78% rispetto ai tradizionali tuk-tuk.

Parliamo ora di sicurezza. Gli eTukTuk incorporano una gabbia di protezione anticapottamento brevettata, che li rende infinitamente più sicuri  rispetto ai corrispondenti tradizionali. 

Un’altra interessante integrazione è l’intelligenza artificiale, che aumenta ulteriormente l’efficienza energetica e dei costi, ottimizzando percorsi, minimizzando il consumo di batteria e fornendo previsioni sui tempi ottimali per la ricarica. 

Alimentato da BNB Chain 

Il sistema di pagamento per la ricarica opera sul protocollo opBNB di Layer-2 di BNB Chain e quindi mantiene un forte vantaggio competitivo in termini di efficienza energetica, velocità e costi delle transazioni.

eTukTuk introduce anche una rete di ricarica peer-to-peer basata su blockchain e creata grazie al coinvolgimento di Territory Partners e Power Stakers. Mentre i primi gestiscono stazioni di ricarica posizionate strategicamente, gli altri si occupano della sicurezza della rete di pagamento. I token TUK facilitano i pagamenti e le ricompense nell’ecosistema.

Ecco come funziona:

Notizie entusiasmanti per Colombo! 

eTukTuk è pronta per il suo debutto nella frenetica città di Colombo entro la fine dell’anno. La scelta non sorprende, dato che lo Sri Lanka vanta un impressionante numero di oltre 1,2 milioni di tuk-tuk registrati.

Inoltre, i crescenti costi del carburante nell’isola stanno creando enormi difficoltà a molti conducenti, che fanno sempre più fatica a garantirsi un reddito dignitoso.

Il progetto consentirà loro di passare a un sistema più efficiente dal punto di vista dei costi e in grado di aumentare i loro guadagni fino a un potenziale +400%. 

Oltre a introdurre i veicoli, eTukTuk creerà la prima rete di stazioni di ricarica nel Paese, grazie anche alla strategica collaborazione con il Capital Maharaja Group (CMG), un conglomerato con sede proprio nello Sri Lanka.

Questa partnership è solo una delle tante strette nel corso degli anni – come quelle con aziende leader come CityAM, AsiaTokenFund e NuFi – che aiuteranno il progetto a espandere la sua presenza nel mercato.

La prossima criptovaluta 100X? 

È troppo presto per dirlo.

Ma un’analisi dettagliata mette in evidenza la rilevanza di eTukTuk e lascia intendere come questo progetto si discosti da molti altri proprio per la sua missione tangibile nel mondo reale.

Se il progetto si sviluppa come previsto, TUK ha il potenziale per entrare nella lista delle prime 30 criptovalute nel 2024.

Questo ecosistema peer-to-peer ha il potenziale per ridurre in modo significativo le emissioni di carbonio in una nazione in via di sviluppo, mentre apporta benefici sia ai conducenti sia ai partner. Questo modello dinamico, basato su diverse fonti di reddito, unisce sostenibilità e innovazione in modo sinergico.

La prevendita di TUK attualmente in corso offre la migliore opportunità di ottenere un accesso anticipato al progetto, sfruttando così i prezzi più favorevoli.

VISITA IL SITO DI ETUKTUK

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS