HomeNews dal MondoIl debito USA in un giorno: oltre la metà della market cap...

Il debito USA in un giorno: oltre la metà della market cap di Bitcoin

In uno sviluppo finanziario di proporzioni sbalorditive, gli USA hanno aggiunto in sole 24 ore la cifra sbalorditiva di 275 miliardi di dollari al loro debito nazionale, pari a più della metà della capitalizzazione di mercato di Bitcoin. 

Il valore totale raggiunge così il massimo storico di 33,44 trilioni di dollari. Questa impennata esponenziale ha suscitato preoccupazioni e riflessioni sulla traiettoria fiscale della nazione.

Un’impennata allarmante: gli USA aggiungono oltre la metà del valore di mercato di Bitcoin al loro debito in un solo giorno

In una sconcertante successione di eventi, gli Stati Uniti hanno visto il loro debito nazionale salire di una cifra colossale di 275 miliardi di dollari nell’arco di un solo giorno, catapultando l’indebitamento complessivo della nazione a una cifra senza precedenti di 33,44 trilioni di dollari. 

Per mettere le cose in prospettiva, questo astronomico aumento giornaliero del debito statunitense ha superato la metà dell’intera capitalizzazione di mercato del Bitcoin, una somma pari a circa 10 milioni di BTC. 

Questo notevole sviluppo sottolinea la continua espansione della montagna del debito statunitense, a cui si aggiungono miliardi di dollari su base giornaliera. 

Sorprendentemente, questo accumulo quotidiano di debito supera la capitalizzazione di mercato totale della maggior parte delle criptovalute. In questo articolo approfondiamo le implicazioni e le ramificazioni di questo fenomeno fiscale.

Debito USA: metà della capitalizzazione di mercato del Bitcoin in debito

Il 4 ottobre, il famoso pioniere dei Bitcoin, Samson Mow, ha astutamente confrontato il monumentale aumento del debito statunitense con la capitalizzazione di mercato dei Bitcoin. 

Il risultato è stato a dir poco stupefacente: l’aumento del debito ha superato la metà della capitalizzazione di mercato del Bitcoin, pari a circa 267 miliardi di dollari. 

Per mettere questo dato in prospettiva, equivale a circa 10 milioni di BTC, una somma sbalorditiva che induce a riflettere sul valore relativo di 27.000 dollari come potenziale prezzo di acquisto.

Inoltre, l’aumento del debito ha superato l’intera capitalizzazione di mercato di Ethereum, che attualmente si attesta a poco meno di 200 miliardi di dollari. 

In sostanza, questa escalation giornaliera del debito costituisce un quarto della capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute che viene integrato senza soluzione di continuità nel fiorente debito nazionale. 

In particolare, questa impennata del debito statunitense si è verificata solo due settimane dopo il superamento della soglia dei 33.000 miliardi di dollari, a testimonianza della crescita esponenziale degli obblighi finanziari degli Stati Uniti. 

Per fornire un ulteriore contesto, ciò implica che gli Stati Uniti stanno aggiungendo 32 miliardi di dollari di debito ogni giorno, un ritmo che potrebbe potenzialmente portare alla maturazione di 1.000 miliardi di dollari di debito in un solo mese. Si tratta di un raddoppio del tasso precedente, che si attestava a 14 miliardi di dollari aggiunti ogni giorno.

Aumento dei costi di servizio del debito USA

Gli analisti di Goldman Sachs hanno previsto che il costo del servizio del colossale carico di debito degli Stati Uniti è destinato a raggiungere nuovi record entro il 2025. 

La traiettoria al rialzo dei costi di finanziamento nell’ultimo anno, in gran parte attribuibile ai rialzi dei tassi di interesse della Federal Reserve, ha esercitato una pressione al rialzo sulle spese associate alla gestione del gigantesco debito nazionale. 

Solo nel 2022, il governo statunitense ha speso ben 476 miliardi di dollari, pari a circa il 2% del PIL nazionale, per il servizio degli interessi sul debito. Tuttavia, le proiezioni indicano che il pagamento degli interessi dovrebbe salire al 3% del PIL entro il 2024, con una proiezione allarmante del 4% del PIL entro il 2030.

La Fondazione Peter G. Peterson ha stimato che nel prossimo decennio gli Stati Uniti dovranno spendere la cifra colossale di 10.600 miliardi di dollari per far fronte agli interessi sul debito nazionale. 

Inoltre, altre stime hanno previsto un tasso di crescita accelerato del rapporto debito pubblico/PIL. Secondo una proiezione del Congressional Budget Office, entro il 2053 il debito federale potrebbe raggiungere l’incredibile percentuale del 181% del PIL nazionale.

Massimale del debito illimitato fino al 2025

Infine, è imperativo notare che il tetto del debito, che impone un limite all’ammontare del debito che gli Stati Uniti possono accumulare, rimane sospeso fino al gennaio 2025. 

Di conseguenza, le cifre da capogiro che accompagnano questa impennata del debito statunitense sono destinate a diventare la nuova normalità, sollevando interrogativi critici sulla sostenibilità fiscale a lungo termine della nazione.

Il drammatico aumento del debito statunitense, che in un solo giorno ha superato la metà della capitalizzazione di mercato del Bitcoin, è un fenomeno finanziario che richiede attenzione e controllo. 

Le implicazioni di questa continua espansione fiscale vanno ben oltre il regno delle criptovalute e hanno profonde conseguenze per l’economia statunitense, i tassi di interesse e la stabilità finanziaria a lungo termine del Paese. 

Mentre gli Stati Uniti continuano ad accumulare debito a un ritmo senza precedenti, i politici, gli economisti e gli investitori devono confrontarsi con le intricate sfide e le incertezze che ciò comporta per il futuro fiscale della nazione.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS