HomeBlockchainGoogle Cloud potenzia Solana con l'integrazione di BigQuery, liberando gli approfondimenti del...

Google Cloud potenzia Solana con l’integrazione di BigQuery, liberando gli approfondimenti del mondo crypto e web3

L’integrazione da parte di Google Cloud del set di dati della rete Solana su BigQuery ha inaugurato una nuova era di analisi della blockchain e delle crypto, rivoluzionando la velocità e l’accessibilità dei dati basati su Solana. 

Questo passo importante offre approfondimenti senza precedenti sul mondo del web3 e promette di ridisegnare il panorama della tecnologia blockchain.

Google Cloud integra il dataset della rete Solana su BigQuery, accelerando lo sviluppo di Solana nel mondo crypto

In una mossa innovativa per il mondo della blockchain, Google Cloud ha ufficialmente lanciato il dataset della rete Solana su BigQuery, il suo potente data warehouse. 

Questa integrazione consente a consumatori, imprese e sviluppatori di accedere immediatamente a informazioni approfondite sulla rete Solana, migliorando drasticamente il ritmo di sviluppo dei progetti su Solana. 

Questa integrazione fondamentale è stata annunciata inizialmente al Breakpoint 2022 di Lisbona e segna un passo significativo verso il miglioramento dell’analisi della blockchain. Il responsabile web3 di Google Cloud, Nalin Mittal, aveva precedentemente indicato che il supporto a Solana sarebbe stato attivo nel primo trimestre. 

Tuttavia, Google Cloud ha dato priorità a un approccio meticoloso, assicurando che il set di dati catturi in modo completo le attività sulla catena. Come ha affermato il direttore esecutivo della Solana Foundation, Dan Albert, questo impegno per l’accuratezza e la completezza è stato fondamentale.

BigQuery di Google Cloud è un data warehouse senza server che combina apprendimento automatico, intelligenza artificiale e business intelligence, offrendo agli utenti la possibilità di interrogare vasti set di dati. 

Con la rapida crescita di Solana, è aumentata la richiesta di approfondimenti rapidi e accessibili sulle attività della rete, e BigQuery fornisce una soluzione. Questa integrazione testimonia l’impegno a rendere Solana più trasparente e aperta alla comunità web3.

Aperte nuove porte agli ecosistemi NFT

Sviluppatori, imprese e singoli utenti possono ora interrogare i dati di Solana per trovare risposte a domande complesse su transazioni, conio di NFT, attività dei portafogli e altro ancora. 

Sfruttando il servizio di archiviazione dati distribuito Bigtable di Google insieme a BigQuery, l’ecosistema ha accesso ai dati d’archivio della rete Solana, arricchendo ulteriormente le capacità analitiche.

L’integrazione ha aperto nuove porte all’ecosistema NFT, poiché applicazioni come Floor sfruttano i dati di Solana per casi d’uso innovativi. 

Il CEO di Floor, Chris Maddern, ha sottolineato la disponibilità di dati off-chain precedentemente scarsi, che consentono di approfondire le conoscenze sul mondo degli NFT Solana. 

Questo sviluppo ha il potenziale per rimodellare il modo in cui vengono analizzati i dati NFT, a vantaggio sia degli analisti che degli utenti.

Promozione dell’adozione del Web3

Al di là del regno del web3, questa integrazione ha implicazioni significative per le aziende del web2. Fornisce set di dati completi che possono aiutare le aziende tecnologiche e finanziarie tradizionali a comprendere il potenziale della blockchain e delle criptovalute

Utilizzando BigQuery, queste aziende possono comprendere meglio gli interessi dei consumatori nel web3, consentendo loro di prendere decisioni informate sull’integrazione della tecnologia blockchain nelle loro attività.

Il set di dati consente anche agli sviluppatori di Web3 di condurre ricerche avanzate utilizzando strumenti come i notebook di Google Colab. 

La disponibilità di dati ordinatamente analizzati semplifica il consumo esterno e consente un’esplorazione approfondita dell’ecosistema Solana. Questo sviluppo incoraggia la creazione di interessanti rappresentazioni visive dell’attività di rete.

L’integrazione è particolarmente preziosa per i progetti che devono confrontare l’attività degli utenti su diverse reti blockchain. Può fornire informazioni come il confronto delle tariffe di rete tra Solana e altre blockchain e la frequenza del conio di NFT nelle varie catene.

L’impegno continuo di Google Cloud

L’integrazione di Solana in BigQuery segna la ventesima integrazione di blockchain sulla piattaforma di Google Cloud. 

Questo viaggio è iniziato con il supporto per Bitcoin ed Ethereum nel 2018 e, nel corso degli anni, si è ampliato fino a includere una vasta gamma di reti blockchain. 

La dedizione di Google Cloud alla tecnologia blockchain si estende oltre BigQuery, poiché offre anche servizi di infrastruttura Web3 e sta lavorando attivamente per portare il supporto di Solana al suo servizio di hosting di nodi Blockchain Node Engine.

Questa integrazione riflette l’evoluzione in corso nell’adozione del Web3 da parte di Web2, che non cerca necessariamente di sostituire i sistemi esistenti, ma ottimizza l’infrastruttura esistente e amplia l’accesso attraverso la tecnologia Web3. 

Dalla creazione di contenuti all’infrastruttura dei pagamenti, l’integrazione della tecnologia blockchain è destinata a rivoluzionare diversi aspetti del panorama digitale.

In conclusione, l’integrazione da parte di Google Cloud del set di dati della rete Solana su BigQuery è uno sviluppo cruciale che promette di catalizzare l’innovazione all’interno dell’ecosistema Solana e web3. 

Il suo profondo impatto si estende a sviluppatori, imprese e utenti, offrendo un accesso senza precedenti a intuizioni complesse sul mondo della blockchain. 

Mentre il panorama web3 continua a evolversi, integrazioni come questa rappresentano il futuro della tecnologia e dell’analisi dei dati.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS