HomeAIL'evoluzione dell'IA nella verifica dell'identità digitale: Una previsione per le banche entro...

L’evoluzione dell’IA nella verifica dell’identità digitale: Una previsione per le banche entro il 2028

L’ultimo studio di Juniper Research analizza il ruolo trasformativo dell’Intelligenza Artificiale (IA) nel ridisegnare la verifica dell’identità, prevedendo significativi risparmi sui costi per le banche e un cambiamento sostanziale nel regno dell’onboarding digitale.

Lo studio sull’evoluzione della verifica digitale IA: una trasformazione nel mondo delle banche

Lo studio rivela una notevole riduzione del tempo medio dedicato alle verifiche digitali di onboarding, che passerà da oltre 11 minuti nel 2023 a meno di 8 minuti entro il 2028, con un notevole aumento dell’efficienza del 30%. 

Questo cambiamento è attribuito alla crescente precisione dell’IA, che porta a una sostanziale diminuzione dei controlli d’identità che richiedono l’intervento umano ed elimina la necessità di rifare le foto durante la verifica. Inoltre, l’IA emerge come una difesa formidabile contro le minacce emergenti, in particolare le frodi di identità sintetiche.

Con l’aumento dell’accuratezza dell’IA, lo studio prevede una diminuzione tangibile dei casi in cui i controlli d’identità richiedono la revisione umana, riducendo in definitiva i tempi di verifica e i costi associati. 

Questo progresso tecnologico non solo snellisce le operazioni, ma rafforza anche il sistema contro le minacce in evoluzione, posizionando l’IA come sentinella contro lo spettro delle frodi di identità sintetiche.

Nonostante la prevista riduzione dei costi per ogni verifica dell’identità digitale, lo studio prevede una traiettoria paradossale delle spese di onboarding. L’aumento del volume dei controlli, soprattutto nelle regioni in via di sviluppo, dovrebbe controbilanciare questo guadagno di efficienza. 

Di conseguenza, Juniper Research prevede un aumento del 34% della spesa totale per l’onboarding delle banche, che passerà da 7,4 miliardi di dollari nel 2023 a 9,9 miliardi di dollari nel 2028.

Michael Greenwood, autore del rapporto, spiega: 

“La crescita sarà particolarmente robusta nei mercati in via di sviluppo, dove la proliferazione degli smartphone catalizza l’accessibilità del mobile banking, favorendo l’onboarding digitale. 

Per sfruttare questo potenziale, i fornitori di servizi di verifica devono orientarsi verso lo sviluppo di processi di onboarding che si allontanino dai tradizionali punteggi di credito, enfatizzando controlli alternativi, come la storia dell’operatore mobile, per ottimizzare la redditività nelle regioni emergenti”.

I vantaggi delle banche

Sulla scia di quest’era trasformativa, in cui l’IA diventa il perno della verifica dell’identità, è indispensabile sottolineare i molteplici vantaggi che le banche possono ottenere. 

Oltre all’evidente riduzione dei tempi di onboarding e dei costi associati, l’integrazione dell’IA nei processi di verifica dell’identità promette un aumento delle misure di sicurezza. 

La capacità della tecnologia di discernere schemi e anomalie rafforza in modo significativo la difesa contro uno spettro di frodi, con particolare attenzione a contrastare le frodi di identità sintetiche, un problema sempre più diffuso nel panorama digitale.

Quando le istituzioni finanziarie abbracciano l’IA per navigare nel terreno in evoluzione della verifica dell’identità, il paradigma va oltre il semplice guadagno di efficienza. 

La relazione simbiotica tra l’IA e la supervisione umana emerge come una strategia potente, in cui l’IA semplifica le verifiche di routine, liberando gli agenti umani per concentrarsi su casi complessi che richiedono un giudizio sfumato. 

Questa collaborazione armoniosa non solo aumenta l’efficienza operativa, ma eleva anche la posizione di sicurezza complessiva delle banche.

La previsione dello studio di una riduzione del 30% dei tempi di verifica sottolinea il ruolo fondamentale dell’IA nell’alleggerire il gravoso processo di onboarding. 

I clienti, a loro volta, sperimentano un’interazione più snella e priva di attriti, favorendo un’esperienza utente positiva, un fattore cruciale in un’epoca in cui l’onboarding digitale è una pietra miliare del coinvolgimento dei clienti.

Sebbene la traiettoria preveda un’impennata della spesa per l’onboarding digitale per le banche, è indispensabile analizzare i fattori alla base di questo paradosso. 

Il volume crescente di assegni, soprattutto nei mercati in via di sviluppo, sottolinea la democratizzazione dei servizi finanziari facilitata dalla proliferazione degli smartphone. Ciò rappresenta un momento opportuno per i fornitori di servizi di verifica per ricalibrare le proprie strategie, dando priorità a controlli che vanno oltre i tradizionali punteggi di credito.

Le prospettive future

 L’enfasi sui controlli alternativi, come la storia dell’operatore mobile, diventa fondamentale per massimizzare la redditività nelle regioni emergenti, dove queste metriche non convenzionali possono offrire una comprensione più sfumata dell’affidabilità finanziaria di un individuo.

In prospettiva, il panorama della verifica dell’identità digitale sembra destinato a una continua evoluzione. 

La suite di ricerca di Juniper Research non serve solo a fornire un’istantanea completa dello stato attuale, ma anche a guidare le istituzioni finanziarie attraverso i cambiamenti imminenti. 

La “Competitor Leaderboard” incorporata nella suite di ricerca offre una roadmap strategica, aiutando le banche a identificare i principali attori che guidano l’innovazione nel campo della verifica dell’identità digitale.

In conclusione, la suite di ricerca completa di Juniper Research è all’avanguardia nella valutazione del mercato della verifica dell’identità digitale. 

Con un’analisi esaustiva e previsioni che coprono oltre 82.000 punti dati in 60 mercati per cinque anni, include una “classifica dei concorrenti” e un esame meticoloso delle opportunità di mercato attuali e future. 

Si tratta di una tappa fondamentale per comprendere il panorama dinamico della verifica dell’identità digitale guidata dall’intelligenza artificiale, con implicazioni di vasta portata per il settore finanziario.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS