HomeSponsoredETF spot su BTC: secondo l'ex presidente del NYSE gli investimenti in...

ETF spot su BTC: secondo l’ex presidente del NYSE gli investimenti in Bitcoin esploderanno dopo l’approvazione

SPONSORED POST*

Negli ultimi tempi le previsioni sull’influenza dell’approvazione degli ETF spot su Bitcoin sono state tante e tutte molto positive per il valore del token. Ora arriva anche il sentiment rialzista dell’ex capo del NYSE a dare maggiore fiducia in tal senso.

Tom Farley, infatti, in un’intervista alla CNBC, ha condiviso la sua visione ottimistica nei confronti delle criptovalute e, in particolare, di Bitcoin: secondo lui, con l’approvazione degli ETF spot su BTC, molte più persone investiranno in quella che oggi è considerata come una riserva di valore.

L’attesa per l’approvazione trova forma anche in un progetto, chiamato Bitcoin ETF, che segue ogni passo degli ETF spot, dall’approvazione al lancio: il token BTCETF, ora in prevendita, ha superato $1,4 milioni.

Tom Farley: Bitcoin è considerato una riserva di valore

L’ex presidente della Borsa di New York (NYSE) e attuale CEO di Bullish, Tom Farley, ha rilasciato di recente un’intervista alla CNBC, nella quale ha condiviso la sua visione ottimistica sul futuro delle criptovalute, e in particolare di Bitcoin, in seguito alla potenziale approvazione di un ETF spot su BTC da parte della SEC.

Durante l’intervista, Farley ha sottolineato come questa approvazione possa costituire un vero e proprio punto di svolta per Bitcoin: gli ETF spot consentirebbero agli investitori di ottenere un’esposizione diretta all’asset sottostante, a differenza degli ETF basati sui futures attualmente disponibili sul mercato.

Farley ha affermato: “Tutti riconoscono che Bitcoin non è un titolo, compresi i regolatori. Il denaro affluirà nel settore grazie a un ETF spot su Bitcoin, perché è facile da acquistare. La gente crede in Bitcoin. Bitcoin è una grande invenzione. È una riserva di valore .”

Inoltre Farley, che ha recentemente guidato l’acquisizione di CoinDesk da parte di Bullish, ha espresso anche fiducia nel potenziale a lungo termine di Bitcoin, prevedendo un sostanziale afflusso di capitale nel mercato una volta che un ETF spot avrà ricevuto l’approvazione normativa. 

Tutto il settore delle criptovalute attende con impazienza la decisione della SEC, ma commenti come quello di Farley aumentano la fiducia nel futuro di Bitcoin, che ha quindi il grande potenziale di vedere un afflusso sostanzioso di capitali grazie all’approvazione di un ETF spot.

A cavalcare quest’onda c’è il nuovo progetto Bitcoin ETF, che segue proprio la traiettoria degli ETF spot su BTC e che, in questo momento, ha superato ben $1,4 milioni nella sua prevendita.

Bitcoin ETF è un nuovo progetto collegato agli ETF spot su BTC

Seguendo tutte le attese e le aspettative nei confronti dell’approvazione degli ETF spot su BTC, Bitcoin ETF è un progetto che si basa proprio sull’andamento di questo prodotto e, di conseguenza di Bitcoin. 

Alla base di Bitcoin ETF c’è il burning dei token nativi, BTCETF: in questo modo si va a ridurre l’offerta totale e influire sul valore del token. Il progetto prevede il raggiungimento 

di cinque traguardi, al raggiungimento di ognuno dei quali si provvederà al burning del 5% dell’offerta totale dei token pensata a questo scopo.

I cinque traguardi sono i seguenti:

  • BTCETF raggiunge un volume di trading pari a $100 milioni
  • Gli ETF spot su Bitcoin vengono approvati
  • Viene lanciato il primo ETF spot su BTC
  • Il patrimonio gestito dall’ETF spot raggiunge $1 miliardo
  • BTC ha valore di $100.000.

Si provvederà inoltre anche alla riduzione della fee sulle vendite dei token BTCETF, partendo dal 5% e fino allo 0%, con il raggiungimento dell’ultimo traguardo. Il numero di token sottoposti al burning corrisponderà al 25% della fornitura totale

Il team ha inoltre introdotto anche lo staking come forma aggiuntiva di guadagno: le ricompense per gli staker verranno distribuite nell’arco di 5 anni. In questo momento l’APY è pari al 178%.

Per quanto concerne la tokenomica, la fornitura totale di BTCETF è pari a 2.100.000.000, della quale il 40% è disponibile in prevendita, in questo momento al costo di $0,0056 per BTCETF, ma, nelle fasi successive alla prima (in tutto 10), il prezzo seguirà un meccanismo crescente. 

Inoltre, il 25% è destinato alle ricompense per la comunità e un altro 25%, come detto in precedenza, al burning; l’ultimo 10% invece garantirà la liquidità sugli exchange. Bitcoin ETF, in sostanza, è un progetto in cui il team mette il 100% dei token nelle mani della community, che diventa il suo fulcro centrale.

La prevendita di BTCETF ha superato $1,4 milioni: per partecipare è necessario avere a disposizione un crypto wallet, compatibile con i token ERC-20 come BTCETF, come Metamask e Wallet Connect.

Una volta collegato alla prevendita, facendo clic su Connect Wallet, sarà possibile acquistare i token BTCETF, inserendo la quantità da acquistare tramite ETH, USDT, BNB, MATIC o una carta bancaria.

Cliccando sul pulsante Buy Now si andrà poi a finalizzare l’acquisto. Al termine della prevendita, per trasferire i token sul proprio wallet, si dovrà tornare sul sito ufficiale di Bitcoin ETF e fare clic su Claim Token

In alternativa, è invece possibile continuare a fare staking e ottenere così un introito passivo. Se le previsioni relative agli ETF spot sono reali, il progetto potrà fare grandi cose con il listing sugli exchange.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS