HomeSponsoredBitcoin: secondo Glassnode oltre l'80% dell'offerta di BTC è in profitto

Bitcoin: secondo Glassnode oltre l’80% dell’offerta di BTC è in profitto

SPONSORED POST*

Secondo la società di analisi on-chain, Glassnode, il volume dell’offerta di Bitcoin in profitto ha raggiunto in questo momento i livelli visti per l’ultima volta due anni fa, quando il mercato è uscito dal suo massimo storico di novembre 2021.

Un momento, quindi, molto positivo per Bitcoin, che conta sulla prossima approvazione degli ETF spot su BTC e che vede la difficulty del mining crescere. L’interesse nei confronti dell’asset viene confermato dalla nascita del nuovo progetto Bitcoin Minetrix, che permette a tutti di fare mining di BTC con lo stake-to-mine.

Glassnode: la percentuale dell’offerta circolante di BTC in profitto supera l’80%

Il rapporto di Glassnode, società di analisi on-chain, denominato “Week on Chain” e  pubblicato questa settimana, riporta che il volume dell’offerta di Bitcoin in profitto ha raggiunto livelli visti per l’ultima volta due anni fa e che l’entità dei profitti non realizzati rimane modesta.

Inoltre la percentuale dell’offerta circolante di BTC, detenuta in profitto, ha superato l’83,6% o 16,36 milioni di Bitcoin durante il rally della scorsa settimana: un fattore significativo, visto che è ben al di sopra del valore medio storico del 74%.

Bitcoin è riuscito a toccare quota $37.900 lo scorso 16 novembre e oggi è a $37.500, con un guadagno del 2,58% nelle 24 ore e di quasi il 23% nell’ultimo mese. Utilizzando un punteggio di tendenza dell’accumulazione, Glassnode ha riferito che questa recente impennata ha visto modelli di accumulo maggiori rispetto ad altri quest’anno. 

Ci sono stati due rally significativi a fine gennaio e fine marzo, quando i prezzi sono saliti rispettivamente del 40% e del 50%, un rialzo che ha visto un guadagno di circa il 40% dai $26.800 di metà ottobre al massimo della scorsa settimana. 

Secondo Glassnode, tuttavia, durante la recente espansione dei prezzi si è verificato un “robusto regime di accumulazione” e aggiunge: “Questo ampio aumento dell’accumulazione di BTC indica che la forte performance del mercato e le speranze sempre più ottimistiche attorno a un ETF spot su BTC stanno migliorando la fiducia degli investitori nel trend rialzista.”

Glassnode sottolinea inoltre che negli ultimi dieci mesi il mercato delle criptovalute è stato in una fase di transizione ribassista/rialzista, riprendendosi dall’inverno del 2022: il rally di ottobre rappresenta la prima rottura prolungata al di sopra dei livelli medi di trading della fase di transizione. 

In questo momento il mercato di Bitcoin è entrato in una “fase di equilibrio”, che di solito precede il rally “euforico” del bull market. 

Come ha reagito il mercato alla vicenda di Binance?

La vicenda di Binance, che ha visto le dimissioni del CEO Zhao e la sua sostituzione con Teng, non ha scosso in maniera esagerata il mercato, che ha visto il market cap generale scendere di solo il 3% nell’ultimo giorno.

Se BNB è stato il perdente maggiore, con un sostanzioso 20% in meno a un certo punto, Bitcoin ed Ethereum hanno avuto perdite marginali: inoltre la ripresa è avvenuta durante la sessione di negoziazione asiatica di mercoledì mattina, con il cap totale che è tornato a $1,43 trilioni. 

La situazione generale del mercato è quindi sostanzialmente positiva: in questo contesto si incastra molto bene la presale di Bitcoin Minetrix, che con il suo stake-to-mine è riuscita a raggiungere $4,2 milioni. 

Bitcoin Minetrix supera $4,2 milioni in presale

Bitcoin Minetrix è un progetto clone di Bitcoin, che è riuscito a superare $4,2 milioni in prevendita anche grazie all’introduzione del nuovo concetto di stake-to-mine. Tramite, infatti, lo staking dei suoi token nativi, BTCMTX, gli utenti possono fare mining di Bitcoin.

Basta acquistare un minimo di $10 di BTCMTX, ora in vendita al costo di $0,0118, mettere in blocco i token e generare potere di cloud mining e hashrate, per ottenere alla fine premi in BTC. In questo modo tutti possono fare mining di Bitcoin, perché non è più obbligatorio acquistare attrezzature costose o spendere molto in consumi di energia.

Grazie allo staking si otterranno inoltre crediti per il mining, token ERC-20 non negoziabili, che possono essere sottoposti a burning in cambio di tempo di mining. Bitcoin Minetrix sfrutta il cloud mining, un settore di solito non sicuro ma che qui ha la verifica di Coinsult.

Gli investitori non sono inoltre obbligati a depositare denaro, perché i crediti necessari per il mining possono essere ottenuti semplicemente mettendo in stake i token BTCMTX.

Chi lo preferisce può, in aggiunta allo stake-to-mine o esclusivamente, fare staking, un meccanismo accessibile anche prima del termine della prevendita, se si acquistano i token con ETH e si paga una fee di $0,015. In questo momento ci sono oltre 301.000 token in blocco, con un APY del 138%

La prevendita di BTCMTX segue lo schema del prezzo crescente: il costo dei token salirà del 10% in ogni fase (in tutto 10) e fino a raggiungere $0,0119 nel momento del listing: chi è interessato a partecipare può quindi ottenere un ritorno maggiore se investe in anticipo.

Per partecipare alla prevendita di BTCMTX, si deve avere un crypto wallet, come MetaMask o Trust Wallet, compatibile con i token ERC-20 come BTCMTX, e usare ETH, BNB, USDT o MATIC per ottenere la quantità di BTCMTX desiderata oppure servirsi di una carta bancaria. 

Il wallet si collegherà alla pagina della prevendita cliccando sul pulsante “Connect Wallet”: a questo punto si dovrà scegliere il metodo di pagamento preferito e decidere se mettere in stake i token o acquistarli, cliccando su “Buy Now”.

Al termine della presale, infine, si potranno riscattare i token acquistati, cliccando sul pulsante “Claim”, oppure si potrà continuare a fare stake-to-mine o a mettere in stake i token, per ottenere ritorni passivi.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS