HomeCriptovaluteARK vende altre azioni del Grayscale Bitcoin Trust

ARK vende altre azioni del Grayscale Bitcoin Trust

ARK Invest di Cathie Wood sta continuando a vendere azioni GBTC del Grayscale Bitcoin Trust. 

Dopo aver investito molto nel 2020 e nel 2021, in questo 2023 stanno continuando a vedere

ARK: le vendite del 2023 del Grayscale Bitcoin Trust

Dopo aver raggiunto il picco a luglio del 2021, ad agosto dello stesso anno iniziarono a vendere

A dire il vero le vendite maggiori iniziarono quasi contemporaneamente allo scoppio della bolla speculativa, ovvero nella seconda metà di novembre 2021. 

Da febbraio 2022 a gennaio 2023 le vendite si erano quasi fermate, ma in questo 2023 sono riprese. 

Quindi le vendite di fine 2021 ed inizio 2022 probabilmente servivano per incassare i guadagni, dopo lo scoppio della bolla speculativa, dato che la maggior parte degli acquisti erano stati effettuati tra la seconda metà del 2020 ed i primi mesi del 202. Le vendite del 2023 invece devono essere state decise partendo da motivazioni differenti. 

Si sono verificate tre campagne di vendita. 

La prima è terminata a maggio, ed ha seguito la risalita del prezzo di BTC di inizio anno. 

La seconda è iniziata ad agosto ed è terminata ad ottobre, sempre durante una risalita del prezzo di Bitcoin. 

La terza, di gran lunga più significativa, è iniziata a fine ottobre ed è ancora in corso. 

I volumi delle vendite

Al momento del picco, a luglio 2021, gli ETF di ARK Invest possedevano più di 9 milioni di azioni GBTC. 

Prima dello scoppio della bolla, a fine novembre dello stesso anno, erano già scese a meno di 8 milioni, ed a febbraio 2022 erano scese a 6,2 milioni. 

A maggio di quest’anno erano scese a 5,3 milioni, ed a metà ottobre erano ancora 5 milioni. 

Attualmente invece risultano essere scese addirittura a quota 4,3 milioni, ovvero meno della metà di luglio 2021. 

Di recente risulta che ne abbiano vendute 163.722 incassando 5,02 milioni di dollari. 

L’unico ETF di ARK che possiede azioni del Grayscale Bitcoin Trust è l’ARKW Next Generation Internet ETF, all’interno del quale GBTC ora pesa solamente il 9,24%, contro il 10,42% di Coinbase ed il 9,76% di Roku. 

Si tratta pertanto di un notevole scarico, in particolare negli ultimi 30 giorni. 

Il recupero del Grayscale Bitcoin Trust: ARK Invest ne approfitta

D’altronde il prezzo delle azioni GBTC negli ultimi 30 giorni è salito del 18%. 

La cosa è curiosa perchè nel medesimo periodo il prezzo di BTC è aumentato “solo” del 9%. 

Il fatto è che, dopo la vittoria contro la SEC di fine agosto, si è ridotto molto lo sconto sul NAV del Grayscale Bitcoin Trust. 

Basti pensare che ad inizio anno la capitalizzazione di mercato complessiva di GBTC risultava essere quasi del 50% inferiore al valore dei BTC che il fondo detiene come collaterale.

Questo sconto sul NAV a metà giugno era risalito a -43%, e da allora non ha fatto altro che recuperare. 

Ad inizio luglio era risalito a -26%,  ed a settembre addirittura a -17%. In altri termini a quel punto si era più che dimezzato rispetto ad inizio anno. 

Il mese scorso era risalito a quasi -11%, ed ora è a -8%. 

Di questo passo potrebbe anche azzerarsi prima della definitiva conversione del Grayscale Bitcoin Trust in un vero e proprio ETF su Bitcoin spot. 

Il guadagno

Quindi per chi aveva acquistato le azioni GBTC quando il prezzo di BTC era inferiore, e lo sconto sul NAV era maggiore, vendere adesso significa incassare dei notevoli guadagni. 

Se il prezzo di Bitcoin è a +125% da inizio anno, il prezzo delle azioni del Grayscale Bitcoin Trust è addirittura del 280% superiore. Si tratta di un guadagno più che doppio, dovuto quindi principalmente alla riduzione dello sconto sul NAV. 

Da notare che era da marzo 2021 che la capitalizzazione di mercato di GBTC era inferiore al valore di mercato complessivo dei BTC immobilizzati dal fondo come collaterale, mentre in precedenza era sempre stato il contrario, fin dal momento del lancio a dicembre del 2018.

Quindi chiunque abbia comprato azioni GBTC prima di febbraio 2021 di fatto le ha pagate troppo, mentre chi le ha comprate da marzo 2021 in poi le ha pagate troppo poco. 

ARK Invest le ha comprate soprattutto prima di febbraio 2021, ma ne comprò anche tra maggio e luglio dello stesso anno, quando lo sconto sul NAV era di circa -14%. 

Questo rende più semplice capire perchè abbiano venduto azioni GBTC sia a fine 2021 sia nel corso del 2023, ovvero sia quando il prezzo era sui massimi che quando lo sconto sul NAV ha iniziato a ridursi. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS