HomeAIIn arrivo anche il chatbot AI di Mastercard

In arrivo anche il chatbot AI di Mastercard

Dopo ChatGPT, Bard e Grok, ora è in arrivo anche un chatbot AI di Mastercard. 

I chatbot sono dei bot che rispondono a richieste scritte in linguaggio naturale degli utenti, e sono basati su Intelligenza Artificiale (AI). 

Anzi, in questi casi tecnicamente si parla di Intelligenza Artificiale Generativa (GAI o GenAI) perchè i chatbot utilizzano l’AI per generare testi o altri tipi di contenuto, come immagini o video. 

Il chatbot AI di Mastercard

Come rivelato in un recente comunicato, il chatbot di Mastercard si chiamerà Shopping Muse, ed è già possibile iscriversi alla lista d’attesa su www.dynamicyield.com/shopping-muse

Shopping Muse infatti è stato creato da Dynamic Yield di Mastercard, e sarà un assistente personale retail di nuova generazione. 

Il suo obiettivo è quello di ridefinire l’esperienza di vendita al dettaglio su misura del cliente, rivoluzionando il modo con cui i consumatori cercano e scoprono i vari prodotti all’interno dei cataloghi digitali dei rivenditori.   

In altre parole, Shopping Muse cerca di ricreare digitalmente l’esperienza umana in un qualsiasi negozio, traducendo il linguaggio naturale del consumatore in suggerimenti su misura di e accessori. 

Sarà una sorta di “commesso virtuale” in forma di chatbot, ovvero con cui si interagirà semplicemente scrivendo domande ed ottenendo risposte in forma scritta, come per gli altri chatbot.  

Shopping Muse consentirà agli utenti di esplorare con facilità non solo i cataloghi dei prodotti, ma anche le tendenze del momento, anche utilizzando termini colloquiali o gergali in uso in un determinato momento. 

I suggerimenti che fornirà saranno elaborati in modo personalizzato, ovvero in conformità allo specifico profilo dell’utente, alle sue intenzioni ed all’affinità con i singoli prodotti. 

Dynamic Yield

La società Dynamic Yield è stata acquisita da Mastercard l’anno scorso, per rafforzare la sua suite di servizi di coinvolgimento e fidelizzazione dei consumatori, e per aiutare i brand ad offrire esperienze più efficaci ed affidabili su tutti i canali. 

In passato Dynamic Yield è risultata essere per ben 6 volte leader nel Gartner® Magic Quadrant™ per i motori di personalizzazione, ed applica principi e standard IA efficaci e responsabili.  

Il CEO di Dynamic Yield, Ori Bauer, ha dichiarato: 

“La personalizzazione offre alle persone le esperienze di acquisto che desiderano, e l’innovazione basata sull’intelligenza artificiale è la chiave per sbloccare uno shopping online coinvolgente e su misura. Sfruttando la potenza dell’intelligenza artificiale generativa in Shopping Muse, stiamo soddisfacendo gli standard del consumatore e rendendo lo shopping più intelligente e fluido che mai”.

Il Presidente Data & Services di Mastercard, Raj Seshadri, ha aggiunto: 

“Soluzioni come Shopping Muse rappresentano il prossimo passo naturale nella rivoluzione del commercio al dettaglio e sono fondamentali per riportare il consumatore al centro dell’esperienza. In Mastercard, stiamo mettendo a frutto la tecnologia e l’apprendimento automatico per fornire risultati migliori sia per i brand che per il consumatore”.

I vantaggi dei chatbot

Per quanto riguarda le esperienze di acquisto online, i chatbot possono aiutare i clienti ad effettuare ricerche, riducendo la frustrazione spesso dovuta alla difficoltà di effettuare queste ricerche. Il cliente potrà rivolgersi al chatbot come farebbe in un negozio fisico con un commesso, e così potrà trovare facilmente ciò che cerca anche se non sa bene come descriverlo perfettamente. 

Infatti i chatbot AI possono utilizzare anche strumenti avanzati di riconoscimento delle immagini, così da fornire suggerimenti basati ad esempio su somiglianze visive con altri prodotti, anche in assenza di tag o informazioni precise e corrette. 

Ovviamente più vengono utilizzati da uno stesso utente più ne imparano le preferenze, diventando così sempre più bravi ad interpretarne il comportamento ed i desideri. 

Se i commessi virtuali non hanno mai avuto grande successo, soprattutto perchè nei negozi fisici hanno subito la forte concorrenza dei commessi reali, i chatbot AI potrebbero invece diffondersi molto nel mondo degli acquisti online, dove già oggi molti utenti sono abituati a fare domande in chat. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS