HomeCriptovaluteBitcoinPrevisioni su Bitcoin in vista del quarto halving 

Previsioni su Bitcoin in vista del quarto halving 

Vi sono due tipologie differenti di previsioni che si possono fare sull’halving di Bitcoin. 

La prima riguarda la data in cui avverrà, mentre la seconda riguarda l’effetto che avrà l’halving sul prezzo. 

Previsioni sulla data dell’halving di Bitcoin 

Una cosa è certa: l’halving di Bitcoin avverrà sicuramente una volta raggiunto il blocco numero 840.000. 

Infatti, è scritto nello stesso protocollo Bitcoin che ogni esattamente 210.000 blocchi debba per forza avvenire un halving. 

Ad oggi sono stati minati circa 820.000 blocchi, quindi ne mancano meno di 20.000 al prossimo halving. 

Tuttavia, non si sa di preciso quando verrà minato il blocco che farà scattare il quarto halving, perchè il tempo che passa tra un blocco e l’altro non è fisso e preciso. 

In media dovrebbero passare circa 10 minuti tra un blocco e l’altro, quindi in teoria per minare 20.000 blocchi occorrerebbero meno di 140 giorni (poco più di 4 mesi e mezzo). Però in realtà il cosiddetto blocktime (ovvero il tempo medio che passa tra il mining di un blocco e quello successivo) è spesso inferiore ai 10 minuti ultimamente. 

Ad esempio negli ultimi 30 giorni è stato superiore ai 10 minuti solamente sette volte, mentre per ben 13 volte è stato nettamente inferiore. Per minare gli ultimi 10.000 blocchi ci sono voluti in totale solamente 67 giorni, quindi il blocktime medio degli ultimi due mesi è stato di poco superiore ai 9,6 minuti. 

Se venisse mantenuto questo ritmo ci vorrebbero ancora 134 giorni per arrivare al blocco 840.000, quindi in teoria il prossimo halving di Bitcoin potrebbe avvenire il 18 aprile 2024. 

Se però l’hashrate dovesse continuare ad aumentare il blocktime potrebbe accorciarsi ancora, e potrebbe avvenire qualche giorno prima. 

I precedenti halving

Fino ad oggi ci sono già stati tre halving, il primo al blocco numero 210.000, il secondo al blocco numero 420.000 ed il terzo al numero 630.000. Il quarto per l’appunto avverrà sicuramente al blocco 840.000. 

Il primo avvenne il 28 novembre del 2012, ed il secondo avvenne 1.319 giorni più tardi. Il terzo avvenne 1.402 giorni dopo il secondo, quindi non c’è regolarità in queste tempistiche. 

Se il prossimo avvenisse veramente il 18 aprile del prossimo anno sarebbero passati 1.438 giorni dal precedente, ovvero un vero e proprio piccolo record. Per questo motivo è possibile immaginare che avvenga prima di quella data. 

Sembra però difficile a questo punto sia che possa avvenire a maggio, sia che possa in qualche modo essere anticipato a marzo. Il mese buono per il quarto halving di Bitcoin è aprile 2024. 

L’impatto sul prezzo di Bitcoin

I miner che minano i blocchi di Bitcoin ricevono il loro compenso solamente in BTC, la maggior parte dei quali arriva dal premio assegnato a chi riesce a minare un blocco. Tale premio attualmente è di 6,25 BTC, ed è quello che verrà dimezzato con l’halving di aprile 2024. 

Tuttavia i miner devono sostenere costi molto elevati per la loro attività di mining, dato che consumano molta energia elettrica. Questo fa sì che siano spesso costretti a vendere molti dei BTC che incassano per potersi ripagare le forti spese con le valute fiat che ricavano da questa vendita. 

In altre parole buona parte dei BTC che vengono creati dal nulla ogni giorno per essere assegnati come premio ai miner finisce per essere rivenduta sul mercato in tempi brevi. 

Quindi grazie all’halving di colpo si ridurranno in modo significativo i BTC che mediamente ogni giorni i miner vendono sui mercati. 

Va però sottolineato che ogni giorno in totale vengono creati circa 155 BTC, che al prezzo attuale hanno un valore di mercato di circa 6,8 milioni di dollari. Questa cifra si dimezzerà a partire dall’halving dell’anno prossimo, ma è davvero poca cosa se confrontata con i volumi di scambio giornaliero di BTC sul mercato spot, superiori ai 40 miliardi di dollari. 

L’impatto sul prezzo pertanto dovrebbe essere minimo sul lungo periodo, ma diventa più significativo nel corso dell’anno. Infatti in un anno al ritmo attuale vengono creati circa 57.000 BTC, per un valore totale di circa 2,5 miliardi di dollari, ai prezzi attuali. Questa è già una cifra significativa in grado di avere un impatto sui mercati. 

Le previsioni sul prezzo di Bitcoin in vista del prossimo halving

Prevedere quale impatto avrà sul prezzo di Bitcoin l’halving del prossimo aprile è pressochè impossibile. Tuttavia possono venire in aiuto gli halving passati. 

Infatti in tutti e tre i casi l’anno successivo a quello in cui sono avvenuti gli halving si sono gonfiate tre grosse bolle speculative (2013, 2017 e 2021). E non è nemmeno un caso che queste bolle hanno iniziato a gonfiarsi mesi dopo che avvenne l’halving, per i motivi di cui sopra. 

In molti ritengono che qualcosa del genere potrebbe accadere anche stavolta, tanto che forse il forte aumento di prezzo delle ultime settimane potrebbe anche essere dovuto al fatto che i mercati stanno già iniziando a prezzare questa ipotetica dinamica. 

D’altronde ormai è certo che l’halving ci sarà, ed è anche estremamente probabile che avvenga ad aprile. A questo punto, dato che i mercati prezzano sempre con anticipo eventi futuri sicuri, è assolutamente possibile che abbiano già iniziato a prezzarlo. 

Il fatto però che si ignori ancora del tutto quale impatto potrebbe avere l’halving sul prezzo fa sì che tale impatto non verrà sicuramente prezzato del tutto in anticipo. In altre parole verrà prezzata solo la notizia dell’avvenuto halving, ma non necessariamente le sue conseguenze sul prezzo. 

Quello che però si può dire è che se la parabola di crescita dei picchi massimi del prezzo di Bitcoin verrà rispettata (1.100$ a fine 2013, 20.000$ a fine 2017 e 69.000$ a fine 2021) ci si potrebbe attendere un prossimo picco a circa 180.000$, probabilmente a fine 2025 o forse addirittura già a fine 2024. 

Non va infatti dimenticata l’ipotesi che stavolta la bullrun potrebbe venire anticipata da un anno dato che i mercati sembrano aver già iniziato a prezzare l’halving (non era mai accaduto prima). 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS