HomeBlockchainRegolamentazioneLa senatrice statunitense Elizabeth Warren presenta una nuova proposta di legge sulla...

La senatrice statunitense Elizabeth Warren presenta una nuova proposta di legge sulla regolamentazione crypto

La recente proposta legislativa della senatrice Elizabeth Warren segna un momento cruciale nel dibattito in corso sulla regolamentazione delle crypto. 

In risposta alle crescenti preoccupazioni sul loro presunto uso improprio in attività criminali, la proposta di legge della Warren cerca di stabilire quadri normativi rigorosi, riflettendo un più ampio consenso all’interno della commissione bancaria e dei principali stakeholder del settore.

La senatrice statunitense Elizabeth Warren propone una regolamentazione rigorosa per le crypto

In una mossa decisiva per affrontare le crescenti preoccupazioni sul presunto uso illecito delle valute digitali, la senatrice statunitense Elizabeth Warren ha presentato oggi una proposta di legge completa, sottolineando l’urgente necessità di rafforzare i quadri normativi all’interno dell’ecosistema dei Bitcoin e delle criptovalute. 

La proposta di legge, sostenuta da una coalizione all’interno della Commissione bancaria, rappresenta un passo significativo verso una maggiore sorveglianza in risposta alle crescenti preoccupazioni relative alle attività criminali facilitate dagli asset digitali.

La senatrice Warren ha sottolineato il ruolo centrale del Dipartimento del Tesoro nel segnalare la necessità di nuove misure legislative per contrastare l’impiego delle criptovalute a sostegno di attività come il terrorismo, il riciclaggio di denaro, il traffico di droga, l’evasione delle sanzioni, gli attacchi ransomware e gli schemi fraudolenti. 

Caratterizzando il disegno di legge bipartisan come la proposta più solida sul tavolo, la senatrice Warren ha affermato che esso mira a dotare le autorità di regolamentazione di ulteriori strumenti per limitare il coinvolgimento delle criptovalute in attività illegali.

“Il Dipartimento del Tesoro sta chiarendo che abbiamo bisogno di nuove leggi per reprimere l’uso della criptovaluta per consentire a gruppi terroristici, nazioni canaglia, signori della droga, bande di ransomware e truffatori di riciclare miliardi di fondi rubati, eludere le sanzioni, finanziare programmi di armi illegali e trarre profitto da devastanti attacchi informatici”, 

ha dichiarato la senatrice Warren.

Al centro della proposta di legge c’è l’estensione delle responsabilità del Bank Secrecy Act (BSA), che include un rafforzamento dei requisiti Know-Your-Customer (KYC). 

Il disegno di legge prevede inoltre obblighi di segnalazione più severi, obbligando le entità a presentare rapporti sulle “transazioni che coinvolgono portafogli non ospitati”, tra le altre misure. 

L’obiettivo generale è quello di risolvere le lacune esistenti e garantire che l’ecosistema degli asset digitali si conformi a standard di conformità più severi.

I vari enti che appoggiano la Warren 

Appoggiata da enti influenti come Bank Policy Institute, Massachusetts Bankers Association, Transparency International U.S., Global Financial Integrity, National District Attorneys Association, Major County Sheriffs of America, Massachusetts Sheriffs’ Association, AARP, National Consumer Law Center e National Consumers League, la proposta di legge riflette un ampio consenso sulla necessità imperativa di un intervento normativo.

La tempistica di questa proposta legislativa è degna di nota, in quanto coincide con un periodo di maggiore interesse e adozione del Bitcoin, in particolare negli Stati Uniti. 

Con l’imminente decisione della Securities and Exchange Commission (SEC) sull’approvazione del primo fondo negoziato in borsa (ETF) di Bitcoin, si profila il potenziale di una consistente domanda istituzionale e al dettaglio di BTC.

Le preoccupazioni della senatrice Warren si estendono oltre i confini nazionali, poiché ha recentemente affermato alla CNBC che la Corea del Nord sta sfruttando il Bitcoin e altre criptovalute per finanziare quasi la metà del suo programma di armi nucleari. 

Questa affermazione sottolinea le ramificazioni globali delle transazioni cripto non regolamentate e rafforza la necessità di una risposta legislativa completa.

Conclusioni

In conclusione, la proposta di legge della senatrice Elizabeth Warren rappresenta uno sforzo concertato per affrontare le sfide in evoluzione poste dall’uso improprio delle valute digitali. 

Le misure legislative delineate mirano a creare un ambiente più sicuro e conforme all’interno della sfera delle criptovalute, segnalando una risposta proattiva alla complessa intersezione tra tecnologia, finanza e sicurezza nazionale. 

Mentre le discussioni sulla regolamentazione proseguono, la traiettoria del panorama delle criptovalute rimane soggetta agli esiti di queste iniziative legislative cruciali.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS