HomeCriptovaluteNews positive per la crypto Arbitrum

News positive per la crypto Arbitrum

Dopo i problemi di congestione avuti la settimana scorsa, ora le news che riguardano il progetto crypto Arbitrum sono decisamente incoraggianti. 

Persino lo stesso problema di congestione di qualche giorno fa potrebbe essere interpretato come un buon segno, ora che è riuscito. 

Il boom dei volumi: le ultime crypto news sull’ecosistema Arbitrum

In particolare, c’è stato un boom del volume di scambio sui protocolli DeFi basati su Arbitrum. 

Va ricordato che Arbitrum è un layer-2 di Ethereum, quindi conviene confrontarne le performance con quelle della mainnet. 

Il picco di questo periodo si è verificato l’11 dicembre, quando il volume di scambio complessivo sui protocolli DeFi basati su Arbitrum ha superato il miliardo di dollari (in un solo giorno). 

Si tratta tuttavia di un valore inferiore ai picchi annuali di marzo, quando arrivò a sfiorare gli 1,3 miliardi di dollari al giorno. 

È però fin dal 23 ottobre che la media giornaliera rimane quasi stabilmente sopra il mezzo miliardo di dollari, ovvero da quando c’è stato il risveglio dei mercati crypto. 

Infatti, la stragrande maggioranza di quel volume (più della metà) viene generato dal solo Uniswap, ovvero il più importante exchange decentralizzato su Ethereum. 

Andando ad analizzare nello specifico proprio Uniswap, si scopre che il boom dei volumi di scambio è iniziato il 20 ottobre su Ethereum, e poi è proseguito anche su Arbitrum. 

In particolare i volumi settimanali indicano che a partire dalla settimana del 15 ottobre quelli su Arbitrum avevano già superato il miliardo di dollari e quelli su Ethereum i 3,5 miliardi. 

Il picco c’è stato la settimana scorsa, quella del 10 dicembre, quando i volumi settimanali su Ethereum sono schizzati a 6,5 miliardi di dollari, e quelli su Arbitrum a 2,2 miliardi.

Il prezzo di ARB

Il token di Arbitrum, ARB, continua, però, a non performare molto bene sui mercati crypto. 

Infatti a fronte di un +5% negli ultimi trenta giorni, negli ultimi sette è sotto del 2%. 

ARB ha esordito sui mercati crypto solamente quest’anno, a marzo, con un prezzo di 1,18$. Attualmente è a 1,11$, ovvero poco sotto. 

Escludendo i brevi picchi insensati toccati nelle vicinanze del lancio, nel corso dell’anno non è mai riuscito a salire sopra gli 1,8$, ma non è mai sceso sotto gli 0,7$. 

Praticamente sta lateralizzando da quando è nato, pur con escursioni significative sia verso l’alto che verso il basso. 

Va, però, sottolineato che le escursioni verso l’alto ci sono state solo nella prima metà dell’anno, mentre da agosto in poi è stato quasi sempre sotto il livello medio. 

Attualmente si è limitato a recuperare per l’appunto quel livello medio dopo essere sceso in modo significativo tra settembre ed ottobre. 

Se lo si confronta con ETH tale confronto risulta impietoso: Ethereum è salito fino ad aprile, sceso leggermente fino ad ottobre, e poi tra novembre e dicembre ha fatto segnare i nuovi massimi annuali. In altre parole le performance di ARB in questo 2023 per ora sono decisamente deludenti.

Il futuro di Arbitrum

Bisogna però distinguere il progetto Arbitrum dal token ARB. 

Arbitrum è un layer-2 di Ethereum, ed in quanto tale è in assoluto uno dei più utilizzati insieme a Polygon. 

Anzi, in ambito DeFi per volumi è dietro solamente a Ethereum e Solana, ma nettamente davanti agli altri layer-2 di Ethereum come Polygon, Optimism o Base. 

Basti pensare che i volumi di scambio recenti su protocolli DeFi su Arbitrum sono superiori alla somma di tutti i volumi di scambio su protocolli DeFi basati su altri layer-2 di Ethereum. 

Si può affermare, pertanto, che in ambito DeFi Arbitrum è il layer-2 di Ethereum più utilizzato, mentre in ambito NFT è Polygon. 

In caso di nuovo boom della DeFi Arbitrum potrebbe giocare un ruolo chiave, soprattutto per quanto riguarda i DEX come Uniswap dove le fee basse possono attrarre molti utenti in fuga da Ethereum. 

È però difficile immaginare quale conseguenze potrebbe avere tutto ciò sul prezzo di ARB, dato che quest’anno al recente aumento dei volumi non è corrisposto un simile incremento di valore di ARB. 

Da notare però che il picco di prezzo di ARB di aprile, escluso quelli assurdi toccati al momento del lancio, è avvenuto proprio in concomitanza con i picchi massimi di sempre per quanto riguarda i volumi di scambio su protocolli DeFi basati su Arbitrum. 

Su DefiLlama è possibile tenere monitorati giorno per giorno i volumi di scambio sui protocolli DeFi per ogni chain, compresa Arbitrum. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS