HomeCriptovaluteBitcoinAnche oggi il prezzo di Bitcoin è sostenuto dai volumi

Anche oggi il prezzo di Bitcoin è sostenuto dai volumi

Il prezzo di Bitcoin oggi è tornato sopra i 42.500 USD sostenuto dai volumi. 

Ormai sono diciassette giorni consecutivi che rimane sopra i 40.000 USD, ed è piuttosto strano che dopo aver fatto registrare i nuovi massimi annuali non sia ancora ritracciato. 

Gli ultimi dati sui volumi e il prezzo di Bitcoin di oggi

Il fatto è che i volumi stanno tenendo. 

Il picco di volumi più recente è stato quello di metà ottobre, quando è iniziata la piccola bull run ancora in corso. 

Questo picco è stato replicato una sola altra volta fino ad oggi, ovvero il 24 ottobre quando vennero superati di slancio i 31.000 USD. Quello era il precedente livello dei massimi annuali, ma il 24 ottobre il prezzo di BTC salì fino a 35.000 USD. 

Da allora è iniziata una fase di crescita meno veloce, che però ha accelerato tra l’1 ed il 5 dicembre. 

Prendendo in considerazione soltanto i volumi giornalieri di novembre e dicembre, ovvero esclusi i picchi di metà e fine ottobre, non si nota un raffreddamento. 

A dire il vero un picco minore si è verificato il 9 novembre, quando ha superato di slancio anche i 36.000 USD, ma si tratta di un picco non molto più ampio dei volumi dei giorni seguenti. 

In particolare negli ultimi tre giorni (18, 19 e 20 dicembre) i volumi di scambio giornalieri sono in linea con quelli dell’1 dicembre, quando iniziò la salita che lo ha portato anche sopra i 40.000 USD. 

In altre parole a partire dalla settimana del 24 ottobre non c’è ancora stata alcuna flessione significativa dei volumi di scambio. Questo significa che, nonostante tutto, c’è ancora domanda di BTC anche a questi prezzi. 

La price action

Il giorno del picco di volumi, ovvero il 16 ottobre, il prezzo fece un balzo del 5% passando da 27.000 USD a 28.500 USD ma passando anche per quota 30.000 USD. 

Quello fu solo il risveglio dei mercati crypto e l’inizio della piccola bullrun ancora in corso. 

Il periodo con più volumi di scambio sono stati il 23 ed il 24 ottobre, ovvero quando il prezzo di Bitcoin con un balzo del 15% si è portato da 30.000 USD a 34.500 USD nel giro di tre giorni. 

Quello è stato il singolo maggior balzo insieme a quello di inizio dicembre. 

Tuttavia tra i due balzi c’è stato comunque un incremento del 9% durato per tutto il mese di novembre che portò il prezzo a poco meno di 38.00 USD prima del balzo finale. 

L’altro balzo è avvenuto in quattro giorni, dall’1 al 5 dicembre, ed è stato del 17%, con il prezzo salito a quasi 45.000 USD per poi scendere a 44.000 USD. 

Solo che dopo quel balzo ha iniziato a lateralizzare, ed ormai sono quindici giorni che lateralizza in una fascia compresa tra 40.000 USD e 45.000 USD. 

La differenza con il primo picco

Va però evidenziato come questo periodo di lateralizzazione post-balzo risulta essere differente rispetto a quello di fine ottobre. 

Infatti a partire dal 24 ottobre il prezzo di BTC ha lateralizzato per poco meno di due settimane, fino al 7 novembre, ma comunque salendo da 34.000 USD a 35.000 USD. 

Invece l’attuale periodo di lateralizzazione ha visto una leggera discesa, da 44.000 USD a 43.000 USD, con escursioni anche sotto. 

Unendo questo al fatto che l’anno sta per finire, c’è da temere che mentre la lateralizzazione ascendente di inizio novembre finì con un rialzo, quella attuale discendente possa terminare invece con un ribasso. 

D’altronde sono in molti coloro che si attendono un ritracciamento, ovvero un ritorno del prezzo ampiamente sotto i 400.000 USD. 

Ormai è da fine settembre che, in modo più o meno pronunciato, il prezzo di Bitcoin tende a salire, ed una salita così lunga potrebbe far pensare ad una fine relativamente vicina della piccola bullrun di fine 2023. 

Il fatto è che però spesso in passato Bitcoin ha demolito qualsiasi previsione, quindi anche chi crede in un ritracciamento deve per forza prendere in considerazione l’ipotesi che possa stupire ancora una volta. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS