HomeCriptovaluteBitcoinAnalisi del prezzo di Bitcoin: il ritorno ai 45.000 USD

Analisi del prezzo di Bitcoin: il ritorno ai 45.000 USD

La settimana è iniziata bene per Bitcoin, dato che il suo prezzo è tornato intorno ai 45.000 USD: ecco le ultime analisi.

L’analisi del prezzo attuale di Bitcoin in USD

Un’analisi approfondita rivela che non c’è nulla di curioso o importante dietro il ritorno ai $45.000, ma solo un ritorno al prezzo di inizio anno. 

Ieri, il prezzo di Bitcoin aveva oscillato attorno a 44.000 USD, tanto che stanotte era sceso anche sotto i 43.300 USD. 

Se è trattato di un banale movimento di lateralizzazione in linea con quello dei giorni precedenti. 

Tuttavia stanotte ad un certo punto è balzato di colpo da 43.600 USD a 44.300 USD. Tutto ciò è avvenuto dopo l’apertura delle borse asiatiche. 

Prendendo in particolare l’indice Hang Seng della borsa di Hong Kong, in Cina, in apertura c’è stato un forte calo superiore al 2%. Dopo qualche ora però c’è stato un piccolo rimbalzo di +0.4% nell’arco di soli 5 minuti. Qualche minuto dopo c’è stato il piccolo balzo di BTC. 

Mentre avveniva tutto ciò, il Dollar Index era in leggera discesa, dopo essere risalito ieri sera, e prima di tornare a risalire in mattinata. 

È possibile che vi sia stato un qualche intervento della banca centrale cinese sui mercati finanziari che abbia immesso liquidità, parte della quale potrebbe essere finita su Bitcoin

Circa quattro ore dopo la chiusura della borsa di Hong Kong, con il Dollar Index nuovamente in discesa, la risalita di Bitcoin è proseguita, fino a superare i 45.000 USD. 

Le notizie dalla SEC

Quest’ultima risalita probabilmente non a caso è iniziata poco dopo l’uscita della notizia che molti dei richiedenti degli ETF su Bitcoin spot negli USA hanno presentato la documentazione definitiva alla SEC con tanto di percentuali sulle fee. 

Si è diffusa l’idea che la SEC ora abbia tutte le informazioni necessarie per poter decidere a riguardo, tanto che qualcuno ipotizza persino che potrebbe farlo oggi stesso. 

Queste notizie, insieme al calo del Dollar Index, potrebbero aver favorito la risalita di Bitcoin verso i 45.000 USD. 

Va ricordato che il massimo annuale del 2024 sono i 45.900 USD toccati il 2 gennaio, e che questo è un livello che non si vedeva più da inizio aprile 2022, ovvero quasi due anni. 

Oltretutto la risalita sopra i 45.000 USD di oggi è avvenuta con le borse americane ancora chiuse, ovvero mentre erano attivi soprattutto i mercati finanziari europei. 

A questo punto è lecito immaginarsi che prima dell’approvazione definitiva degli ETF su Bitcoin spot da parte della SEC il presso di Bitcoin potrebbe persino far registrare nuovi massimi annuali. 

La dominance

Un’altra cosa da notare è che oggi invece le altcoin stanno performando peggio di Bitcoin. 

È in atto infatti un trend di risalita anche della dominance di Bitcoin. 

Tale trend in realtà era iniziato un anno fa, ma si era interrotto ai primi di dicembre. 

Il mese di dicembre è stato caratterizzato da una buona performance di molte altcoin, ed in particolare da uno straordinario +134% di Solana

Questo forte incremento dei prezzi delle altcoin molto probabilmente è stato generato da una mini-bolla speculativa che ha fatto anche ridurre momentaneamente la dominance di Bitcoin. 

A partire però da fine dicembre la mini-bolla speculativa si è leggermente sgonfiata, e così la dominance di BTC ha ripreso a salire. 

Attualmente è ancora poco sotto quella di inizio dicembre, ma è vicina ai massimi da aprile 2021, ovvero dal picco della prima parte dell’ultima grande bull run. 

L’attesa per gli ETF e le relative analisi del prezzo di Bitcoin in USD

Tutto ciò si deve in gran parte probabilmente all’attesa per l’approvazione degli ETF su Bitcoin spot da parte della SEC. 

Tale approvazione non è scontata, ma secondo gli esperti di ETF ormai sarebbe probabile al 95%. 

Inoltre sembra estremamente probabile anche che possa arrivare entro mercoledì, giorno in cui scadono i tempi per la SEC per dare una risposta alla richiesta di Ark a riguardo, anche se qualcuno ipotizza che potrebbe arrivare già oggi. 

Il vero punto chiave però non è l’approvazione, che ormai molti danno per scontata, ma il successo o l’insuccesso sui mercati. 

Circolano voci, non confermate, che BlackRock sarebbe pronta ad acquistare BTC sul mercato per un importo fino a due miliardi di dollari nella sola prima settimana di presenza sui mercati del suo ETF. 

D’altro canto però gli ETF su Bitcoin spot già presenti da tempo sulla borsa di Toronto, in Canada, non hanno mai ottenuto un grande successo, quindi c’è anche il rischio che l’accoglienza da parte degli investitori tradizionali possa rivelarsi timida. 

Ciò che farà maggiormente la differenza potrebbe essere la sponsorizzazione da parte di emittenti come BlackRock e Fidelity, i cui clienti hanno a disposizione molti miliardi di dollari da investire in questi nuovi prodotti derivati. 

In teoria gli ETF su Bitcoin spot potrebbero esordire sui mercati non appena la SEC li approverà, anche se al momento della notizia dell’approvazione potrebbe scattare un sell the news che potrebbe far scendere il prezzo di Bitcoin. Però in caso di successo immediato di questi ETF sui mercati tradizionali il prezzo di BTC potrebbe salire nuovamente. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS