HomeCriptovaluteGiappone: il gigante e-commerce Mercari accetterà pagamenti in Bitcoin

Giappone: il gigante e-commerce Mercari accetterà pagamenti in Bitcoin

Mercari, il gigante e-commerce in Giappone, ha annunciato che accetterà pagamenti in Bitcoin (BTC) a partire dal prossimo giugno 2024. Già nella prossima estate, gli utenti potranno acquistare i prodotti presenti nell’app in BTC. 

Giappone: l’e-commerce Mercari accetta pagamenti in Bitcoin (BTC) dal prossimo giugno 2024

Secondo quanto riportato, pare che Mercari, una delle maggiori piattaforme di e-commerce giapponesi, accetterà pagamenti in Bitcoin (BTC) dal prossimo giugno 2024. 

In pratica, già dalla prossima estate, gli utenti potranno acquistare i prodotti presenti nell’app del marketplace direttamente in BTC. 

Questo è stato possibile grazie al crypto-exchange Melcoin, con sede a Tokyo, filiale di Mercari, che gestirà le transazioni in bitcoin. 

Nello specifico, sull’app del marketplace saranno mostrati i prezzi dei prodotti in yen giapponesi, con la possibilità però di pagare in bitcoin. 

Non solo, i venditori continueranno a ricevere i BTC pagati, in valuta legale, questo perché Melcoin provvederà a convertire tutto in valuta fiat in tempo reale. 

Giappone: l’e-commerce Mercari che accetta Bitcoin (BTC) 

Lanciato nel 2013, Mercari è uno dei più grandi mercati di e-commerce consumer-to-consumer del Giappone, con 22 milioni di utenti mensili e un tasso di utilizzo del 94%. 

Con questi numeri, il presente annuncio diventerebbe un’occasione per incoraggiare l’adozione di Bitcoin nella nazione tecnologica. 

Ad ogni modo, questa non è la prima volta che Mercari si affida a BTC e crypto. E infatti, di recente, l’azienda ha lanciato il servizio di crypto-trading Mercari Bitcoin, che consente agli utenti di acquistare e vendere BTC utilizzando i proventi delle vendite sulla piattaforma. 

Non solo, anche il programma di fidelizzazione del gigante dell’e-commerce è incentrato sulle criptovalute e consente agli utenti di scambiare i propri punti con le crypto. 

“Bitcoin Adoption Fund” della banca giapponese Nomura

Sempre in Giappone, a fine settembre, era trapelata la notizia che la sussidiaria di Nomura per gli asset digitali, Laser Digital Asset Management, aveva presentato il Bitcoin Adoption Fund per gli investitori istituzionali. 

Si tratta di un’iniziativa significativa nel Paese, in quanto rappresenta il riconoscimento di Bitcoin da parte di uno dei colossi finanziari giapponesi. 

E infatti, il colosso bancario con un patrimonio di oltre 500 miliardi di dollari, Nomura, col suo nuovo fondo, ha cominciato a offrire un’esposizione diretta a BTC. Si tratta proprio di fornire un’esposizione long-only al Bitcoin. 

Per questa operazione, la sussidiaria di Nomura, pare abbia scelto Komainu per la custodia delle crypto. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS