HomeSponsoredIl volume di trading degli ETF di Bitcoin supera $4 miliardi nel...

Il volume di trading degli ETF di Bitcoin supera $4 miliardi nel primo giorno

*SPONSORED POST

Nel primo giorno dopo l’approvazione della SEC, gli undici ETF di Bitcoin hanno accumulato un volume di trading di oltre 4 miliardi. La maggior parte del volume è stato generato agli asset manager Grayscale, BlackRock e Fidelity Investments.

Dopo anni di rifiuti a causa delle preoccupazioni legate alla manipolazione di mercato, l’11 gennaio la SEC ha approvato undici ETF Spot di Bitcoin, permettendo ai trader di accedere al Bitcoin tramite i metodi della finanza tradizionale.

Il volume di trading iniziale fa ben sperare nel del Bitcoin, con gli ETF di BlackRock e Fidelity Investments che hanno registrato rispettivamente un volume di trading di 942 milioni e 628 milioni.

Questi rappresentano la maggior parte del volume di trading iniziale e giornaliero, specialmente in termini di nuovi flussi di capitale. I flussi verso i dieci nuovi ETF, escludendo GBTC, andranno direttamente all’acquisto di Bitcoin.

Il Bitcoin Trust di Grayscale (GBTC), ora convertito in un ETF, ha guidato il gruppo in termini di volume di trading con circa 1,9 miliardi. Tuttavia, non è chiaro quanto di questo volume rappresenti nuovi flussi di capitale.

Eric Balchunas, analista senior di Bloomberg, ha ipotizzato che la maggior parte del volume di trading di Grayscale potrebbe rappresentare attività di vendita, in contrasto con la probabile entrata di nuovo capitale per gli ETF di BlackRock e Fidelity.

L’ETF Bitcoin ARK 21Shares ha registrato 148 milioni di volume di trading, mentre nuovi ETF come quelli di Franklin Templeton e Valkyrie hanno registrato meno di 10 milioni.

Balchunas ha descritto i volumi di trading come “numeri irreali per il primo giorno”. Nel frattempo, l’analista James Seyffart ha suggerito che questi volumi erano in gran parte guidati dai flussi di capitale, con l’eccezione del GBTC di Grayscale.

Il volume di trading di Bitcoin over-the-counter (OTC) su Coinbase ha raggiunto i 7,7 miliardi l’11 gennaio, segnando un record storico. Questo aumento si allinea a un significativo aumento dei volumi di trading delle criptovalute, che hanno raggiunto i 52 miliardi.

La Standard Chartered Bank ha recentemente previsto che nel corso del 2024 questi ETF potrebbero portare dai 50 miliardi ai 100 miliardi al Bitcoin

La banca ha affermato che questi nuovi flussi, combinati con l’halving, potrebbero spingere il valore di BTC a 200,000 dollari entro la fine del 2025.

In attesa della crescita del Bitcoin, i trader stanno investendo nella presale di Bitcoin Minetrix, una piattaforma di cloud mining in presale.

Bitcoin Minetrix

Bitcoin Minetrix vuole proporre un metodo alternativo e innovativo per il cloud mining del Bitcoin, tramite la meccanica Stake-To-Mine.

Lo Stake-To-Mine consentirà agli utenti di ottenere crediti di mining mettendo in stake il token nativo BTCMTX. I crediti di mining, sotto forma di token ERC-20 non scambiabili, si potranno bruciare per generare hashrate sul cloud mining di Bitcoin Minetrix.

L’hashrate è la potenza di calcolo necessaria per la convalidazione dei blocchi sulla rete Bitcoin, un’attività che permette ai miner di ricevere ricompense in BTC

Di conseguenza, più saranno i BTCMTX messi in stake e i crediti di mining bruciati, più possibilità si avranno di ottenere BTC.

A differenza degli altri servizi di cloud mining, Bitcoin Minetrix non propone contratti vincolanti ai suoi utenti, dando loro la piena proprietà del token BTCMTX. I titolari potranno vendere, mettere in stake e prelevare i token senza l’intervento di terze parti.

Il tutto sarà gestibile attraverso una pratica dashboard che verrà lanciata con la piattaforma nel corso del 2024.

Finora il progetto ha raccolto più di 8,2 milioni di dollari, con il BTCMTX venduto a 0,0128 dollari. Acquistando i token in presale con ETH, USDT o carta di credito sarà possibile fare subito staking e ottenere ricompense passive in base all’APY, attualmente al 78%.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS