HomeCriptovaluteIl caso crypto Delio-Haru Invest in Corea del Sud continua con un...

Il caso crypto Delio-Haru Invest in Corea del Sud continua con un mandato di arresto

In uno sviluppo cruciale nel panorama crypto   della Corea del Sud, i pubblici ministeri hanno emesso un mandato di arresto per Bang. 

Una figura centrale nell’indagine sulle sospensioni dei prelievi che hanno interessato il prestatore crypto locale Delio e la società di investimento Haru Invest.

La Corea del Sud emette un mandato d’arresto nel caso crypto Delio-Haru Invest

Le autorità sudcoreane hanno compiuto un passo importante nell’indagine in corso sulle sospensioni dei prelievi che affliggono il prestatore locale di criptovalute Delio e la società di investimento Haru Invest. 

Secondo quanto riportato dal media sudcoreano Digital Asset, è stato emesso un mandato di arresto per una figura chiave, nota come Bang, la cui proprietà di maggioranza di B&S Holdings sarebbe al centro delle sospensioni del servizio.

Il panorama delle criptovalute è stato sconvolto il 14 giugno 2023, quando Delio, una piattaforma che vanta un volume di transazioni superiore al miliardo di dollari nei servizi di prestito e prestito di criptovalute, ha improvvisamente interrotto i prelievi degli utenti. 

Delio ha attribuito questa mossa inaspettata all’improvvisa cessazione dei depositi e dei prelievi da parte di Haru Invest, un gestore di investimenti in criptovalute in partnership con Delio.

Haru Invest ha prontamente risposto presentando una denuncia penale contro B&S Holdings, un operatore di consignment accusato di pratiche ingannevoli attraverso la fornitura di falsi rapporti di gestione. 

Secondo quanto riportato da Digital Asset, Haru ha sostenuto che B&S Holdings ha subito una perdita impressionante di 350 miliardi di won coreani (262 milioni di dollari) nel crollo dell’exchange FTX

Questa perdita colossale, attribuita alla borsa crollata, sarebbe la causa della sospensione sequenziale dei prelievi subita dagli utenti di Delio.

La persona chiave del caso Delio-Haru Invest

La persona chiave in questione, Bang, che detiene una quota di maggioranza di B&S Holdings, deve ora affrontare gravi accuse. 

La polizia sudcoreana ha richiesto un mandato di arresto nei confronti di Bang, con l’accusa di frode e violazione della fiducia, come riportato da Digital Asset. I procuratori di Seul hanno poi chiesto la revisione di questo mandato attraverso un tribunale locale.

In risposta ai disordini, i clienti di Delio e Haru hanno espresso le loro rimostranze, spingendo i procuratori ad agire rapidamente.

I membri chiave di Delio, Haru e B&S sono impossibilitati di lasciare il Paese durante lo svolgimento delle indagini. 

Questa mossa indica la gravità della situazione e l’impegno delle autorità a garantire un esame approfondito delle presunte attività fraudolente.

Sebbene la Procura del distretto meridionale di Seoul non abbia risposto immediatamente alle richieste di conferma e di ulteriori commenti, il mandato di arresto contro Bang sottolinea la gravità delle accuse. 

Gli eventi in corso che riguardano Delio, Haru Invest e B&S Holdings evidenziano la vulnerabilità del settore delle criptovalute alle pratiche fraudolente, rendendo necessario un controllo normativo e misure preventive.

Man mano che i procedimenti giudiziari procedono, gli stakeholder dello spazio crittografico ne osserveranno con attenzione l’esito, sperando in una risoluzione che non solo risponda alle preoccupazioni immediate degli utenti coinvolti, ma che contribuisca anche alla creazione di un ambiente più sicuro e trasparente all’interno dell’ecosistema delle criptovalute e della blockchain.

Conclusioni sulla vicenda

In conclusione, il mandato d’arresto emesso nel caso Delio-Haru Invest segna un passo fondamentale nel dipanare l’intricata rete di irregolarità finanziarie che impattano sul settore delle criptovalute della Corea del Sud. 

La sospensione dei prelievi degli utenti da parte di Delio, derivante dal collasso dell’exchange FTX e dalle presunte pratiche ingannevoli di B&S Holdings, sottolinea la vulnerabilità del settore delle criptovalute alle attività fraudolente. 

Mentre si svolgono i procedimenti legali, la comunità delle criptovalute attende una risoluzione che non solo risponda alle preoccupazioni immediate degli utenti colpiti, ma che serva anche da precedente per un maggiore controllo normativo. 

Questo incidente sottolinea l’urgente necessità di solide tutele e trasparenza all’interno dell’ecosistema delle criptovalute e della blockchain. 

Le misure proattive adottate dalle autorità sudcoreane, che hanno limitato i movimenti delle persone chiave coinvolte, segnalano ulteriormente la serietà con cui affrontano queste accuse. 

In ultima analisi, l’esito di questa indagine avrà un ruolo fondamentale nel definire il futuro panorama della regolamentazione delle criptovalute e nel promuovere un ambiente più sicuro per gli operatori del settore e gli investitori.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS