HomeDeFiCrypto: PancakeSwap integra gli oracoli di Chainlink su Arbitrum

Crypto: PancakeSwap integra gli oracoli di Chainlink su Arbitrum

Ieri, è stata annunciata l’integrazione di Chainlink sull’exchange crypto decentralizzato PancakeSwap.

Grazie a questa integrazione, PancakeSwap potrà alimentare i suoi mercati di previsione su Arbitrum con i flussi di dati e l’automazione di Chainlink 

PancakeSwap: il DEX crypto integra Chainlink per la rete Arbitrum

PancakeSwap è uno dei principali exchange crypto decentralizzati (DEX) al mondo. 

C’è stato un tempo in cui era riuscito a raggiungere volumi giornalieri di scambio superiori persino a quelli di Uniswap, diventando per un breve periodo il maggior DEX al mondo. 

Ora invece è scivolato più indietro in questa classifica, sempre dominata da Uniswap. In particolare di recente è stato superato anche da Orca, il principale DEX su Solana

PancakeSwap è nato come exchange su BSC (Binance Smart Chain), e ancora oggi è il principale DEX su questa rete. Ad inizio 2021 ci fu un vero e proprio boom di BSC, e questo aiutò molto PancakeSwap a crescere ed a diffondersi. 

Però nel corso del bear-market del 2022, e soprattutto durante il 2023 con i grossi problemi con le autorità passati da Binance, l’utilizzo di PancakeSwap si è decisamente ridotto. 

Tutto ciò è ben rappresentato dalla parabola discendente del suo token CAKE. 

Il token sbarcò sui mercati crypto a settembre 2020, ovvero poco dopo il lancio del DEX, ad un prezzo di circa 1,3$. 

Durante l’incredibile boom di inizio 2021 il suo prezzo toccò il massimo storico addirittura sopra i 44$, il 30 aprile, con un guadagno dagli esordi di pochi mesi prima del 3.000%. 

Da quel punto iniziò una lunga discesa, potenzialmente ancora in corso, tanto che a fine 2021 era già a 12$, per poi scivolare a 2,6$ nel 2022. Nel 2023 scese ancora, fino a 1$ ad ottobre, ovvero un punto più basso del prezzo iniziale del 2020. 

A dicembre 2023 era risalito fino ad oltre 3,5$, ma nel corso del 2024 è sceso fino a 2,5$. Il prezzo attuale è inferiore al minimo del 2022, mentre è più del doppio del minimo di fine 2023. 

Gli oracoli di Chainlink 

Chainlink è il maggior fornitore di oracoli nel mondo crypto. 

Si tratta di un progetto nato molti anni fa, nel 2017, quando non esistevano ancora nè Arbitrum, nè PancakeSwap, e nemmeno BSC. 

Anche in questo caso la parabola del suo successo è ben rappresentata da quella del valore di mercato del suo token LINK. 

Va detto che esistono persino degli ETP (simili agli ETF) su LINK, talmente ebbe successo negli anni scorsi. 

LINK esordì sui mercati crypto proprio nel 2017, ad un prezzo irrisorio inferiore a 0,2$. 

Nel corso della bolla del 2017/2018 superò anche 1$, ma è a partire dal 2019 che decollò. 

Prima superò i 3,6$, e poi nel 2020 anche i 4,5$. A quel punto, ancor prima che iniziasse a gonfiarsi la bolla del 2021, aveva già guadagnato il 2.000% rispetto al prezzo iniziale di tre anni prima. 

Nel 2021 sfiorò la ragguardevole cifra di 53$, per poi scendere a 5,4$ a fine 2022. Nel 2023 ha toccato il punto più basso del suo bear-market, a quota 5,2$, che comunque è una cifra di molto superiore al picco della bullrun del ciclo precedente (1$). 

A fine 2023 ha fatto registrare un ottimo rimbalzo, portandosi fin oltre i 16$. Ora è sceso a 14$, ma nonostante ciò le sue performance sul lungo periodo rimangono eccellenti, per ora. 

PancakeSwap e Chainlink

PancakeSwap ormai non è solo su BSC, ma anche su Ethereum e su alcuni suoi layer-2 tra cui Base, Polygon e per l’appunto Arbitrum. 

Arbitrum però è in assoluto uno dei layer-2 di Ethereum più utilizzato dai DEX, tanto che ad esempio la versione di Uniswap su Arbitrum è la seconda per volumi dietro quella su Ethereum. 

Il fatto che Arbitrum consenta transazioni più veloci, e soprattutto più economiche, la rende spesso preferibile come rete ad Ethereum, sebbene sia ancora Ethereum ad attrarre i maggiori volumi. 

La versione su Arbitrum di PancakeSwap supporterà i flussi di dati e l’automazione di Chainlink. 

Come riferisce Chainlink stessa, grazie a questa integrazione il DEX avrà accesso ai dati sui prezzi on-demand con bassa latenza utilizzati all’inizio ed alla fine di ogni round di previsione.

Infatti per i suoi mercati di previsione PancakeSwap necessita di un oracolo basato su pull che fornisca dati di mercato rapidissimi, e che sia supportato da un’infrastruttura decentralizzata e trasparente. 

Per questo motivo ha scelto Chainlink Data Streams, perchè ha la risoluzione del prezzo inferiore al secondo, la protezione frontrunning, l’esecuzione onchain decentralizzata tramite Chainlink Automation ed un’infrastruttura collaudata nel corso del tempo. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS