HomeBlockchainSicurezzaNews sull’operazione di polizia nel Regno Unito (UK): il sequestro di $1,4...

News sull’operazione di polizia nel Regno Unito (UK): il sequestro di $1,4 miliardi in Bitcoin

Secondo le recenti news, la polizia nel Regno Unito (UK) ha recentemente effettuato un sequestro da $1,4 miliardi in Bitcoin nel tentativo di rinsanguare i proventi di una frode di investimento dal valore di 5 miliardi di sterline, perpetrata in Cina. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

News sul sequestro dei Bitcoin: UK coinvolta nel recupero dei proventi di investimenti in CIna

Come anticipato, una delle più significative operazioni di confisca di Bitcoin a livello mondiale si è appena conclusa nel Regno Unito, con oltre 1,4 miliardi di sterline in Bitcoin recuperate dalle mani dei truffatori cinesi. 

Questa vittoria non è solo un successo per il Regno Unito, ma rappresenta anche un duro colpo al crimine finanziario su scala internazionale.

La vicenda, che si è svolta presso la Southwark Crown Court, ha come protagonista Jian Wen, 42 anni, accusata di riciclare una considerevole quantità di Bitcoin per conto del suo ex capo, un presunto fuggitivo dalle autorità cinesi. 

Nonostante la sua dichiarazione di non colpevolezza, le prove presentate contro di lei sembrano essere schiaccianti, secondo le fonti. 

Nel 2018, infatti, la Metropolitan Police ha fatto una scoperta importante, trovando oltre 61.000 Bitcoin nascosti in quattro dispositivi. Tra questi una cassetta di sicurezza e una proprietà condivisa tra Wen e il suo ex capo, Yadi Zhang. 

I pubblici ministeri dipingono Zhang, noto anche come Zhimin Qian, come l’architetto di una massiccia frode da 5 miliardi di sterline, che ha truffato oltre 128.000 investitori in Cina dal 2014 al 2017. 

Dopo aver convertito illegalmente questa ricchezza in Bitcoin, Zhang è misteriosamente scomparso a Londra nel 2017 sotto falsa identità, mentre su Wen sono cadute tutte le accuse al momento. 

Il presunto ruolo di Wen è quello di aver contribuito a convertire i Bitcoin in contanti, gioielli di lusso e altri beni di pregio, comprese le proprietà. 

Altri dettagli e colpi di scena sull’indagine crypto nel Regno Unito

Gillian Jones KC, a capo dell’accusa, ha narrato di questa storia usando parole come ‘spese sontuose’ e ‘transazioni subdole’ nel processo in corso. 

Secondo le dichiarazioni, Wen ha tentato di acquistare una proprietà a Londra del valore di 12,5 milioni di sterline nel 2018 attraverso lo studio legale Mishcon de Reya. 

Tuttavia, la transazione non è andata a buon fine poiché lo studio legale non è riuscito a verificare l’origine dei Bitcoin utilizzati nell’affare. Nello stesso anno, la polizia ha congelato i fondi di Wen presso il suo conto cliente presso il Mishcon.

Wen è arrivata nel Regno Unito dalla Cina nel 2007 e diventata cittadina britannica nel 2018, è passata da lavorare nei ristoranti cinesi a gestire Bitcoin dal valore superiore al PIL di alcuni piccoli paesi. 

Jones ha aggiunto un altro colpo di scena alla narrazione, definendo Wen come la “persona di facciata” di Zhang, pagata per tenere Zhang lontano dai riflettori. 

La difesa di Wen sostiene che pensava di gestire proventi legittimi derivanti dall’attività di gioielleria e dal portafoglio immobiliare di Zhang. La giuria deve ancora decidere se Wen sia stata una “pedina in un gioco più grande o una giocatrice indipendente.”

Con l’evolversi del processo, emerge chiaramente che la questione non riguarda solo la colpevolezza o l’innocenza di una singola persona. 

Si tratta, infatti, di un severo monito riguardo al lato oscuro delle criptovalute e del loro richiamo per coloro che si muovono al di fuori della legalità. 

In conclusione, dal punto di vista del Regno Unito, questo sequestro non rappresenta solo il recupero di una somma considerevole, ma è piuttosto un messaggio chiaro e deciso rivolto a truffatori internazionali.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS