HomeCriptovaluteAnalisi dei crypto token ERC-20 sui DEX e lo spettro degli schemi...

Analisi dei crypto token ERC-20 sui DEX e lo spettro degli schemi Pump and Dump nel 2023

Il mondo crypto non è privo di sfide, e una preoccupazione persistente è la presenza di schemi di pump and dump. 

Nell’annuale Crypto Crime Report, condotto da Chainalysis, è emersa una rivelazione sorprendente nel 2023: il 54% dei token ERC-20 quotati sugli exchange decentralizzati (DEX) mostrava schemi suggestivi di schemi di pump and dump. 

Tuttavia, questi token costituivano solo l’1,3% del volume complessivo degli scambi sui DEX. Questi dati interessanti spingono a esaminare più da vicino l’intricata relazione tra questi token e la potenziale manipolazione del mercato.

L’ascesa degli schemi crypto di pump and dump nella DeFi

Gli schemi di pump and dump sono una tattica ben nota nello spazio delle criptovalute, in cui gli attori gonfiano strategicamente il prezzo di un token prima di vendere rapidamente le loro partecipazioni con profitti sostanziali, lasciando gli investitori ignari nei guai. 

Nel tentativo di comprendere e combattere queste pratiche, i ricercatori di Chainalysis hanno analizzato i dati sulla catena, concentrandosi sull’ecosistema di finanza decentralizzata (DeFi) della rete Ethereum.

Lo studio, condotto tra gennaio e dicembre 2023, ha rivelato che in questo periodo sono stati lanciati su Ethereum oltre 370.000 token, con circa 168.600 disponibili su almeno un DEX. Per identificare i potenziali candidati al pump and dump, i ricercatori hanno stabilito tre criteri, noti collettivamente come “Criteri A”. 

I token che soddisfano questi criteri includono quelli acquistati cinque volte o più sui DEX senza alcun collegamento on-chain con i principali titolari, i token la cui liquidità è stata significativamente prosciugata da un singolo indirizzo e i token con una liquidità attuale di 300 dollari o meno.

Sul totale dei token lanciati, il 24,4% (90.408 token) ha soddisfatto il criterio A, che rappresenta il 53,6% di quelli quotati sui DEX. Tuttavia, questi token hanno rappresentato solo l’1,3% del volume totale di scambi sui DEX di Ethereum nel 2023. 

Il calo dei token mensili che soddisfano i criteri A dalla metà del 2023 suggerisce un potenziale cambiamento nelle dinamiche di mercato.

Nonostante il numero significativo di token che soddisfano i criteri, lo studio sottolinea che questa metodologia non prova in modo definitivo che i token siano coinvolti in schemi di pump and dump. 

Serve invece come punto di partenza per ulteriori indagini, combinando i dati sulla catena con le informazioni fuori dalla catena.

Calcolo dei profitti e studio del caso

Lo studio ha anche cercato di quantificare i profitti realizzati dagli attori che hanno lanciato i token che soddisfano il criterio A. 

Utilizzando una formula che tiene conto del prelievo e del deposito di fondi dai pool DEX, nonché delle spese di trading, i ricercatori hanno stimato che questi attori hanno realizzato collettivamente circa 241,6 milioni di dollari di profitto nel 2023. 

Tuttavia, il profitto medio per ogni token che soddisfa i criteri è stato di soli 2.672 dollari, il che riflette il successo limitato di queste potenziali attività di pump and dump.

Un caso di studio degno di nota ha evidenziato un indirizzo (Wallet 1) che ha lanciato 81 token che soddisfano il criterio A, generando un profitto stimato di 830.000 dollari. 

Questo caso sottolinea la possibilità per i malintenzionati di sfruttare il sistema lanciando ripetutamente gettoni utilizzando lo stesso schema di manipolazione.

L’analisi dei token ERC-20 sui DEX nel 2023 solleva interrogativi sulla prevalenza e sull’impatto degli schemi di pump and dump nello spazio della finanza decentralizzata. Sebbene i dati suggeriscano un numero sostanziale di token che mostrano schemi sospetti, il loro contributo complessivo al volume di trading rimane minimo. 

Con la continua evoluzione del panorama delle criptovalute, diventa imperativo per le autorità di regolamentazione, gli operatori di mercato e i ricercatori sfruttare i dati sulla catena come uno strumento prezioso per identificare e indagare su potenziali manipolazioni del mercato, contribuendo agli sforzi in corso per promuovere la trasparenza e l’integrità nello spazio delle criptovalute.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS