HomeNews dal MondoCrypto news dall’Argentina: la decisione del presidente Milei sulla dollarizzazione nel 2024

Crypto news dall’Argentina: la decisione del presidente Milei sulla dollarizzazione nel 2024

Crypto news: il presidente dell’Argentina, Javier Milei, in una recente intervista, ha respinto l’opzione di implementare il suo piano di dollarizzazione nel corso del 2024. 

In particolare Milei ha affermato che, sebbene la dollarizzazione e la libera convertibilità delle valute siano gli obiettivi ultimi della sua amministrazione, attuarli entro l’anno in corso risulterebbe impraticabile per ripulire l’economia del Paese.

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

L’analisi della scelta del presidente dell’Argentina e il suo impatto sulle dinamiche crypto

Come anticipato, il presidente dell’Argentina Javier Milei sta ridimensionando l’implementazione delle sue riforme libertarie. 

La chiusura della Banca Centrale Argentina (BCRA) e la sostituzione della valuta fiat, originariamente promesse chiave durante la sua campagna presidenziale, dovranno attendere almeno fino al prossimo anno per essere attuate.

In una recente intervista ai media locali, Milei ha spiegato che il processo di sanificazione della BCRA sta procedendo più lentamente del previsto. Inoltre, la chiusura potrebbe verificarsi solo alla fine di giugno se il ritmo attuale fosse mantenuto. 

Non solo, ha anche indicato che l’adattamento del modello del sistema finanziario richiederà un periodo di tempo significativo, potenzialmente fino a un anno.

Tuttavia, Javier Milei ha confermato che la dollarizzazione e il ritiro del peso argentino restano obiettivi fondamentali della sua amministrazione. 

Ha menzionato la dimensione relativamente piccola della base monetaria argentina come un fattore che agevolerà l’implementazione della dollarizzazione. 

Infine, ha sottolineato di aver ricevuto rapporti che suggeriscono la possibilità di sostenere la dollarizzazione del Paese con le attuali riserve di dollari.

Milei ha chiarito che, anche se la liquidazione della BCRA potrebbe avvenire in dollari, il dollaro americano potrebbe non essere la valuta finale dell’Argentina

Dunque ha suggerito la possibilità di un ‘paniere di valute’, con settori specifici dell’economia che utilizzano diverse valute in base alle proprie attività. Tale approccio, ha affermato, neutralizzerebbe gli effetti della politica monetaria di un singolo Paese.

La questione della dollarizzazione non è stata discussa con il Fondo Monetario Internazionale (FMI). 

Ciò nonostante l’organizzazione abbia recentemente approvato un esborso di 4,7 miliardi di dollari come parte di un piano di pagamento rifinanziato per il debito argentino di 44 miliardi di dollari.

Milei Sfida l’Ordine Politico dell’Argentina 

In Argentina il dibattito sulle controversie è acceso, mentre il presidente Javier Milei guida una coraggiosa iniziativa di riforma che ha diviso il paese. 

Dopo un acceso e prolungato dibattito, i legislatori argentini hanno approvato il pacchetto completo di riforme proposto da Milei, segnando una significativa pietra miliare. 

Questo trionfo legislativo rappresenta solo l’inizio, poiché la proposta di legge si dirige ora al Senato per una decisiva resa dei conti.

L’ascesa al potere di Javier Milei è stata guidata dalla diffusa frustrazione per la tumultuosa situazione economica dell’Argentina. 

Con un tasso di inflazione superiore al 200% e la povertà che colpisce il 40% della popolazione, le audaci riforme economiche di Milei, tra cui una significativa svalutazione del peso e drastiche riduzioni dei sussidi, rappresentano una mossa coraggiosa. 

Tuttavia, queste riforme non sono immuni da critiche. I detrattori, come il deputato dell’opposizione Leandro Santoro, evocano il ricordo della crisi del 2001 come severo monito sui pericoli delle riforme di mercato senza restrizioni.

Mentre la nazione si trova in questo delicato crocevia, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha sostenuto Milei, approvando un ingente disegno di legge di 4.7 miliardi di dollari per l’Argentina, segnalando la fiducia internazionale nella sua agenda riformista.

La Rioja si affida a ‘Bocades’ per “sopravvivere”

La situazione nella provincia di La Rioja, tuttavia, racconta una storia differente. 

La provincia, fortemente dipendente dalla ridistribuzione fiscale e con una significativa parte della sua forza lavoro impiegata nel settore pubblico, è in gravi difficoltà. 

Ciò spinge il governatore Ricardo Quintela a compiere passi radicali. 

Con un gesto coraggioso, Quintela ha lanciato la moneta locale “bocades”, quasi una moneta destinata ad affrontare i problemi fiscali della provincia, integrando gli stipendi pubblici e facilitando le transazioni locali.

Tuttavia, questa iniziativa non è passata inosservata. Sia gli economisti che i critici mettono in dubbio la fattibilità di introdurre una valuta provinciale in un’economia già alle prese con l’iperinflazione. 

In particolare evidenziando il potenziale rischio di ulteriore caos monetario. Inoltre, il governo nazionale ha dichiarato l’iniziativa illegale, mettendo a rischio il già fragile rapporto tra La Rioja e l’amministrazione centrale.

Nonostante le sfide, Quintela rimane saldo nella sua posizione, sostenendo che le bocades potrebbero offrire uno stimolo economico tanto necessario per la provincia. 

Tuttavia, lo scetticismo persiste e molti temono che questo esperimento possa acuire l’instabilità finanziaria che affligge l’Argentina.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS