HomeCriptovaluteYoung Platform annuncia nuove funzionalità al servizio di Report Fiscale facilitando la...

Young Platform annuncia nuove funzionalità al servizio di Report Fiscale facilitando la dichiarazione dei redditi e il pagamento delle tasse sulle crypto attività

Ieri l’exchange di criptovalute Young Platform ha rilasciato nuove funzionalità al proprio servizio di Report Fiscale, contribuendo a rendere molto più semplice il processo della dichiarazione dei redditi e il pagamento delle tasse sulle plusvalenze sulle operazioni in crypto in Italia.

Grazie alla collaborazione con la scale-up di Milano Okipo, il servizio di Young Platform potrà finalmente risolvere il “problema” della gestione della fiscalità per crypto attività in Italia, dove la maggior parte dei commercialisti risulta totalmente incapace ed impreparata ad affrontare la complessità dei temi presentati nella Legge di Bilancio del 2023.

Vediamo nel dettaglio di seguito  in cosa consistono le nuove migliorie e come possono semplificare la vita ai contribuenti.

Young Platform exchange: l’evoluzione del servizio Report Fiscale sulle crypto rende semplice ed intuitiva la questione delle tasse in Italia

Ieri l’exchange di criptovalute Young Platform con sede a Torino ha annunciato il rilascio della nuova funzionalità “Tasse e Report in aggiunta al Report Fiscale lanciato lo scorso anno, con l’obiettivo di rendere più semplice e intuitivo il processi di rendicontazione del monitoraggio fiscale e di dichiarazione dei redditi.

Con l’approvazione della nuova legge di Bilancio nel 2023, sono cambiate alcune carte in tavola per quello che il discorso crypto tasse in Italia, con modifiche relative ai documenti 730, Quadro RW e Quadro RT.

Per ottemperare a quest’evoluzione fiscale nel settore crittografico, Young Platform ha deciso di migliorare il proprio servizio di Report collaborando con Okipo, una scale-up di Milano che ha inventato una soluzione tecnologica integrata per la dichiarazione di criptovalute, NFT e qualsiasi altro asset digitale.

Il nuovo servizio non è tuttavia gratuito ed ha un costo che varia da 229 euro (tariffa base per i non-utenti dell’exchange) ai 39 euro (per chi fa parte del Club Platinum).

Si stima che “Tasse e Report” contribuirà a semplificare al massimo l’appuntamento annuale con il fisco italiano per una grossa fetta dei 1,5 milioni di soggetti implicati in crypto attività nel Paese, offrendo una via alternativa alla classica consulenza con il commercialista (spesso impreparato su queste tematiche).

Nel dettaglio l’offerta include esempi pratici, modelli dei Quadri RW e RT, e indicazioni specifiche per l’applicazione delle normative fiscali.

La nuova funzionalità introdotta con Okipo, introduce la possibilità di esportare le transazioni da diverse piattaforme e wallet, e di dichiarare i propri NFT ed attività svolte su protocolli DeFi.

I clienti del servizio avranno poi la possibilità di prenotare un appuntamento direttamente tramite la piattaforma di Young Platform, assicurandosi così un’assistenza qualificata nella compilazione delle dichiarazioni dei redditi.

Inoltre a differenza di altri servizi analoghi, i report di Young Platform offrono il vantaggio di eliminare la necessità di effettuare più pagamenti per i report annuali distinti, consentendo così una gestione più efficace e conforme delle dichiarazioni fiscali per l’anno in corso e per quelli passati.

Andrea Ferrero, CEO di Young Platform, in merito all’evoluzione del servizio di assistenza per il tema delle tasse in crypto ha dichiarato quanto segue:

“La recente evoluzione normativa rappresenta un significativo riconoscimento del settore delle criptovalute da parte della pubblica amministrazione. Questo dimostra quanto profondamente le criptovalute si stiano integrando nella nostra vita quotidiana e quanto sia importante essere proattivi nel guidare l’evoluzione del nostro settore.”

A tutto ciò si aggiungono le parole di Simone Notaristefano, Founder e CEO di Okipo, che nel comunicato stampa riporta le seguenti parole: 

“La partnership strategica tra Young Platform e Okipo segna un importante passo avanti nella semplificazione della rendicontazione fiscale delle criptovalute per gli utenti in Italia. L’intento comune è avvicinare gli utenti crypto al mondo della regolamentazione fiscale relativa alle crypto-attività, incentivando la regolarizzazione della propria posizione fiscale.”

Il mercato delle criptovalute in Italia: regnano i millennials

La questione della dichiarazione fiscale e del pagamento delle tasse per attività di compravendita di asset in crypto in Italia, assume sempre più un connotato di importanza con la crescita del numero di cittadini impegnati con investimenti in questo settore digitale.

Secondo quanto riportato dagli ultimi dati OAM di settembre 2023 i crypto investitori in Italia ammontano a poco più di 1,1 milioni di soggetti, con un valore dichiarato di 911 milioni di euro. 

I dati di Young Platform parlano ad ogni modo di un pubblico più vasto, che ammonterebbe a 1,5 milioni di utenti secondo le ultime ricerche, per un numero equivalente al 2,5% dell’intera popolazione nazionale.

I dati suggeriscono che l’attenzione per gli investimenti in crypto è in forte crescita anno dopo anno, con la categoria dei Millennials (nati tra il 1980 e 1993) che sostiene l’evoluzione del settore in Italia con una quota di mercato del 44,5%.

In particolare i Millennials italiano aggiungo essenzialmente Bitcoin (37%), Ethereum (16%) e Solana (8%) ai propri wallet, con una tendenza all’acquisto anche per Ripple (5%) e Sui (5%).

La generazione Z (nati tra il 1995 e il 2015), pur essendo meno presente rispetto alla precedente e con una capacità economica minore, preferisce optare per Bitcoin, Litecoin e Sui, mentre la generazione X (nati tra il 1979 e il 1965) oltre alle classiche scelte Bitcoin Ethereum e Solana mostra una simpatica per Cardano e Avalanche.

In generale circa il 72% degli utenti si dichiara apertamente ottimista sul futuro del settore crypto, riconoscendo una forte componente di scalabilità ed espansione ad alto rendimento potenziale.

Significativamente, l’84% degli utenti si identifica come “crypto-nativo“, con una vasta maggioranza che è attiva nel settore da uno a cinque anni, riflettendo il tessuto finanziario e tecnologico del mercato italiano.

È impensabile che in uno scenario del genere, il fattore tasse rimanga ancora un tabù per molti soggetti, con le istituzioni pubbliche che non sono riuscite ad offrire un framework semplice e chiaro per la rendicontazione fiscale.

Young Platform, come spiegato nel paragrafo precedente, con il servizio “Tasse e Report” offre un supporto significativo all’utente medio, indirizzando gli altri broker italiani verso una gestione fiscale sempre più semplificata ed immediata.

L’augurio è che in un futuro non troppo lontano, un giorno sarà possibile affrontare la dichiarazione dei redditi per le crypto attività  in piena autonomia, senza doversi necessariamente imbattersi nei classici intoppi burocratici che affossano la produttività dell’intero Paese.

Ad Maiora!

Alessandro Adami
Alessandro Adami
Laureato in "Informazione, Media e Pubblicità", da oltre 4 anni interessato al settore delle criptovalute e delle blockchain. Co-Fondatore di Tokenparty, community attiva nella diffusione di crypto-entuasiasmo. Co-fondatore di Legal Hackers Civitanova marche. Consulente nel settore delle tecnologie dell'informatica. Ethereum Fan Boy e sostenitore degli oracoli di Chainlink, crede fermamente che in futuro gli smart contract saranno centrali all'interno dello sviluppo della società.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick